Fassa Spirit Bolo

Fassa Spirit Bolo

E’ ormai trascorso circa un anno dalla nascita delle prime bolognesi a marchio Fassa le quali, presentate in occasione della manifestazione: “pescare Show 2015”, hanno fatto la loro comparsa sul mercato qualche mese dopo. Realizzate in carbonio alto modulo denominato “CTC” unito ad una bassissima percentuale di resine, le Spirit bolo appaiono estremamente leggere, bilanciate e “scattanti”. Per tutti coloro a cui non fosse ancora chiaro: Fassa, studia, progetta, produce e vende attrezzature da pesca da oltre trent’anni ed in passato lo ha fatto commercializzando alcuni suoi prodotti (tra cui le canne da pesca) con marchio Daiwa o Team Daiwa. Nel corso del 2014, il colosso giapponese: “Daiwa” ha modificato ulteriormente il proprio assetto organizzativo dando vita a: “Daiwa Italy”. Tale strategia commerciale ha avuto impatto anche sulla Fassa S.p.A. la quale però, “trasformandosi” in Fassa S.r.l., ha scelto di continuare, come del resto ha sempre fatto, a sviluppare canne ed attrezzature per la pesca con la sola novità di introdurre sul mercato un nuovo marchio: “Fassa”. Tra le prime realizzazioni troviamo anche la serie di canne bolognesi nate per la pesca in fiume ed in mare da 5, 6 e 7 metri e disponibili in 3 differenti azioni:

SUPER STRONG (Gialla), con potenza e conicità superiori (appunto Super Strong) per affrontare senza paura la pesca di carpe, barbi , orate e spigole di taglia XL è l’unica azione disponibile anche in versione 8mt.

STRONG (Rossa), con potenza progressiva che esce nel momento del bisogno. Una vera e propria allrounder che mette il pescatore a suo agio in qualsiasi situazione di pesca, senza mai entrare in sofferenza anche quando sottoposta a carichi di lavoro importanti.

CLASSIC (Verde), con azione spiccatamente progressiva mirata all’uso di lenze raffinate e per l’esplicazione di quelle tattiche di pesca che prevedono la massima reattività del grezzo, ma al contempo vogliono un’adeguata elasticità nelle sezioni di testa per il controllo delle reazioni della grossa cattura, pur impiegando terminali sottili e ami microscopici.

 

Dopo averle toccate con mano in occasione della fiera di Vicenza, ho chiesto al responsabile R&D Fassa: “Riccardo Tamburini” di poterle “testare” anche nella disciplina trota lago in cui la necessità di una bolognese è talvolta indispensabile. La risposta è stata subito positiva ed ho così avuto modo di poter testare in pesca le versioni da 5 e 6 metri che rappresentalo le lunghezze “ideali” per la pesca della trota in lago. Come avviene ormai per moltissime canne, anche le bolo Spirit vengono fornite “nude” in modo da consentirne un montaggio personalizzato ed adeguato ai propri gusti. Per quanto mi riguarda ho scelto di utilizzare anelli Fassa TD Titanium a gambo lungo ed apicale match sempre della serie TD Titanium. Vista la ricorrente necessità di una canna più corta per una maggiore maneggevolezza in caso di lanci e recuperi, ho fatto realizzare, su ogni canna, un “blocco teleregolabile”, sulla prima sezione, in modo da poterla sfruttare anche da “chiusa”. Maneggiando una Spirit bolo, si percepisce immediatamente l’elevata qualità dei materiali e nonostante il fusto slim queste bolognesi appaiono inoltre ben bilanciate. Dal punto di vista estetico appaiono molto sobrie, ben curate e dal design che ben si accompagna alla serie Spirit Lake Trout. Proprio come per l’omonima serie di canne da trota lago, anche le Spirit bolo, presentano le tipiche bande colorate per facilitarne l’identificazione dell’azione. A proposito di azione mi sento di affermare che, al termine delle prove in pesca, personalmente ritengo la Strong (Rossa) la più “adatta” e versatile per quanto riguarda la pesca della trota in lago. Essa infatti, oltre a possedere un’impugnatura slim, tale da renderla maneggevole ed allineata alle dimensioni alle quali siamo abituati con le canne da striscio, si caratterizza per un perfetto mix di forza, potenza, ed elasticità che la rendono adatta sia ai primi turni di gara, sia per una pesca a recupero. Messa alla prova in turni di velocità non ha mostrato alcun segno di debolezza riuscendo a contrastare, senza alcuna difficoltà, la fuga di trote anche di taglia superiore ai 200gr-300gr e senza presentare alcun cedimento nella fase di salpaggio. Allo stesso modo, effettuando una pesca di ricerca, fatta di lanci e recuperi, è sufficiente un minimo movimento di polso, o di braccio, per far si che la vetta si muova riuscendo a trasmettere al galleggiante e quindi all’esca i tipici movimenti a strappetti classici della tremarella. Durante il recupero del pesce a distanza emerge la riserva di potenza racchiusa all’interno della sua azione progressiva che lascia ben poca liberà di fuga alla preda. Chi mi conosce sa bene che, negli ultimi anni, ho sempre utilizzato con soddisfazione le Daiwa Luvias (in particolare l’azione azzurra) e che le tenevo molto strette. Appena ricevute le Fassa Spirit bolo, mi sono immediatamente adoperato in un confronto non solo in pesca ma anche dal punto di vista “tecnico”. Mi ci è voluto ben poco per capire che la Spirit bolo prometteva bene; tant’è che i risultati in pesca lo hanno dimostrato e “finalmente” sono riuscito a mandare in pensione le mie “vecchie” Luvias… Fino ad ora ho concentrato le mie impressioni sulla Rossa, la mia preferita, ma per chi di voi fosse alla ricerca di una canna dalle medesime caratteristiche di base con un’azione più “strong” può scegliere la Gialla. Anch’essa, leggera e ben bilanciata, appare però con un’impugnatura meno slim ed un’azione più di punta che la rende probabilmente “perfetta” per una pesca di velocità sotto canna ma più difficoltosa da muovere durante una pesca a recupero. Infine lei, la Verde, la più “molle” delle tre, forse la meno versatile nella “nostra” disciplina ma la quale potrebbe rivelarsi compagna ideale in situazioni difficili, con terminali sottili e per una pesca a recupero. In conclusione di questo breve articolo, ritengo inutile e ridondante fornire un mio ulteriore parere in merito a queste canne in quanto credo sia facilmente intuibile dal racconto precedente. Rivolgendomi in particolar modo a tutti coloro che avranno modo di incontrarmi di persona, sulle sponde di un lago, ribadisco che: esattamente come tutta l’attrezzatura in mio possesso, anche le mie Spirit bolo saranno a vostra disposizione per qualsiasi prova in pesca. Se mi incontrate, anche se non ci conosciamo, presentatevi; sarà per me un piacere conoscervi e scambiare con voi opinioni in merito alla nostra magnifica passione comune..

by Bonez

 

Non ci sono ancora commenti

Lascia i tuoi commenti

  1. Invio commento come ospite.Registrati o Accedi con il tuo account.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Quando ci si appresta ad effettuare una pescata in un laghetto, piccolo o grande che sia, cercando di insidiare le trote con la tecnica della pesca a striscio; uno degli aspetti da considerare è sicuramente la stagione in cui ci si trova. Le trote infatti, a seconda della stagione e quindi della temperatura dell'acqua stazionano in differenti posizioni e differenti altezze all'interno del lago nel seguente modo: AUTUNNO In Autunno, forse uno dei mesi migliori per la pesca di questo tipo, avremo le trote a pelo d'acqua. Adesso ci si può sbizzarrire con tutte quelle tecniche dette

Son certo di poter affermare che, la più grande novità Fassa 2017 è, senza dubbio, rappresentata dalla nuovissima serie di canne, da trota lago, che prende il nome di Essence. Presentate lo scorso Febbraio, in occasione del Pescare Show di Vicenza, le nuovissime Essence hanno, in questi giorni, finalmente fatto la loro comparsa nei negozi. Attualmente, la serie Essence non sostituisce nessuna delle altre serie di canne, a marchio Fassa, in commercio ma le affianca interponendosi, a livello qualitativo, tra le Entry level: “Prime” e le top di gamma: “Spirit”. Si tratta però di una

Ancora una volta: Daiwa, una delle aziende leader nel commercio di attrezzatura ed accessori per la pesca in generale o meglio, più nello specifico: "Daiwa Italy", grazie all'esperienza ed alla collaborazione del grande "Maestro" Fausto Buccella ha dato vita ad una nuovissima serie di canne per la trota lago destinata ad un'ampia clientela di agonisti ma non solo. Questa nuova serie di ben 19 canne che prende il nome di: "Theory Super Slim" o più brevemente: "Theory"è stata infatti studiata e commercializzata per colmare il divario qualitativo ed economico presente tra due importanti serie

Accessorio indispensabile per chiunque pratichi la pesca alla trota lago a livello agonistico ma indubbiamente utile anche per il pescatore amatoriale è il: “Cestello portatrote”. Esso, non soltanto, ha il compito di contenere e trasportare le trote ma si rivela, allo stesso tempo, estremamente utile per contenere sia le esche che tutta la minuteria necessaria per la realizzazione delle lenze. Oggi in circolazione ve ne sono moltissimi modelli differenti tra loro, più o meno voluminosi, più o meno capienti, più o meno dotati di “accessori” ed ovviamente più o meno costosi. Non soltanto alcuni tra i

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: bonez@macinator.it oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: