Diametro filo fluorocarbon

20/08/2015 09:22#1da Rino
Diametro filo fluorocarbon - discussione creata da: Rino
Buondi'! Vorrei un consiglio sul diametro da prendere per il filo in fluorocarbon, in bobina ho il proton dello 0,16. Avrei pensato di prendere il 0,18 per il terminale in fluorocarbon visto che ha un carico di rottura più basso rispetto al nylon. Voi che ne pensate? :bye

**********
Ettore

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/08/2015 09:29#2da Bonez
Diciamo che normalmente si utilizza uno 0,16 come spezzone terminale di "partenza" poi, in base alla situazione, si aumenta il diametro ad esempio per tirare senza paura in gara o si scende, anche fino allo 0.12, in presenza di trote particolarmente apatiche e difficili al fine di ottenere una presentazione dell'esca il più naturale possibile.

ciauuuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/08/2015 13:26#3da DavideC
Se peschi in libera lo 0.16 va più che bene in ogni situazione...

IL GABBIANO Team Daiwa Milano
Ringraziano per il messaggio: Rino

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/08/2015 14:06#4da xxxgrimox
se non fai gare, il filo del 18 mi pare inutile,
in libera/amatoriale, un 14 o un 16 fluorocarbon va benissimo, quella del carico di rottura è una mezza favola visto che vi sono diversi modi per calcolarlo...quindi quando compri un filo, sia esso da terminale o da bobina, tutto devi guardare meno che il carico di rottura,
io mi preoccuperei che sia il più reale possibile e non sia maggiorato :occhiolino
perche devi considerarci questo, alcuni fili in commercio sono molto maggiorati, altri di meno, ma un minimo di scostamento lo hanno in moltissimi
Ringraziano per il messaggio: Rino

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/08/2015 17:31#5da Rino
Grazie a tutti , sono un novellino per cui non faccio gare. Grazie per la dritta Xxxgrimox

**********
Ettore
Ringraziano per il messaggio: xxxgrimox

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/08/2015 20:47#6da Lucadago
Concordo con Davide. 0,16 :ok
Ringraziano per il messaggio: Rino

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/08/2015 21:12#7da Justo
Il 0.18-16-14 sono i più utilizzati, ma può capitare in situazioni limite di scendere anche allo 0.12-0.10!
Ringraziano per il messaggio: Rino

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/08/2015 08:36#8da Bonez

Rino ha scritto: Grazie a tutti , sono un novellino per cui non faccio gare. Grazie per la dritta Xxxgrimox


Indipendentemente dal fatto che tu faccia gare oppure no, dal mio punto di vista, il discorso è bene o male lo stesso: si parte con uno 0.16 di base ma, se la situazione lo richiede e vuoi ottenere il massimo dalla tua pescata può essere utile e redditizio scendere di diametro.

ciauuuuuuuuuuz
Ringraziano per il messaggio: Rino

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/08/2015 11:39#9da Rino
Si scende di diametro soprattutto per far girare meglio l'esca giusto? Ho visto anche dei topic di Elio 1999 riguardanti il diametro dei fili delle varie case produttrici e ,come detto da Xxxgrimox, la tendenza e' quella di fare dei diametri maggiorati. Questo perche' i produttori tendono a risparmiare sulla qualita' del filo e compensano con un diametro maggiore dal dichiarato o ci sono altre motivi alla base? :bye

**********
Ettore
Ringraziano per il messaggio: xxxgrimox

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/08/2015 11:51#10da Bonez
Nella pesca in movimento, come nel caso dello striscio, la percezione visiva del filo è trascurabile, pertanto si assottiglia il diametro del terminale e si riduce la dimensione ed il "filo" dell'amo per rendere il più naturale possibile il movimento e la rotazione dell'esca.

ciauuuuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.331 secondi

Domenica 25 Settembre 2011, io (Bonez), Pordo e Teo, siamo andati a fare una pescata nel, non lontano da noi, laghetto Passoguado di Quinzano d’oglio (BS). Si tratta di un laghetto dalle piccolissime dimensioni, caratterizzato da una cascata presente in uno dei quatto angoli, provocata da un piccolo fiumiciattolo che alimenta il lago; ed è proprio grazie all’acqua fresca di questo fiume che, assieme all’abbassarsi delle temperature ha permesso l’immissione delle trote anche in questo periodo, nonostante la bassa profondità del lago che raggiunge all’incirca i 2,50 metri nei punti più profondi. Noi tutti conoscevamo

Perché dobbiamo rilasciare il luccio? Il luccio va rilasciato perché questo fantastico predatore sta scomparendo. Soffre l'inquinamento, soffre le reti dei pescatori di professione, soffre la crudeltà dei bracconieri, soffre i cosiddetti: “padellari”; ovvero coloro che non rilasciano nulla. In Italia ne sono rimasti pochi e soltanto in pochissimi ambienti. Quello che un tempo era al vertice della catena alimentare, è ormai diventato solo una cattura occasionale. Partiamo da un dato di fatto: per avere la certezza di non arrecare alcun, seppur minimo, danno ai pesci dovremmo evitare di andare a pesca. Nella pratica del Catch

Domenica 8 gennaio 2012 si è svolta la prima di quattro prove del campionato invernale di pesca alla trota in lago che si disputa presso il laghetto Passo Guado in località Quinzano d’Oglio (BS). I partecipanti a questo campionato sono ben 90 concorrenti suddivisi in 45 coppie ed ogni coppia pesca alternativamente sullo stesso picchetto per 9 turni di gara per ciascun agonista costituendo un totale di 18 brevissimi turni di gara. In ognuna delle quattro prove vengono immessi 450kg di trotelle di piccola taglia che, viste le dimensioni ridotte del lago, garantiscono a tutti

E’ ormai trascorso circa un anno dalla nascita delle prime bolognesi a marchio Fassa le quali, presentate in occasione della manifestazione: “pescare Show 2015”, hanno fatto la loro comparsa sul mercato qualche mese dopo. Realizzate in carbonio alto modulo denominato “CTC” unito ad una bassissima percentuale di resine, le Spirit bolo appaiono estremamente leggere, bilanciate e “scattanti”. Per tutti coloro a cui non fosse ancora chiaro: Fassa, studia, progetta, produce e vende attrezzature da pesca da oltre trent’anni ed in passato lo ha fatto commercializzando alcuni suoi prodotti (tra cui le canne da pesca) con

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: bonez@macinator.it oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: