Amo ad occhiello

09/10/2015 14:31#1da lucaodex
Amo ad occhiello - discussione creata da: lucaodex
Ciao a tutti,
per la pesca della trota che differenza c'è ad usare un amo ad occhiello piuttosto che uno a paletta ?

Grazie,
Luca

Liuk

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

09/10/2015 15:14#2da WEACK82
Amo ad occhiello - Risposta di: WEACK82
Secondo me a paletta l innesco va meglio mentre l occhiello e più rotondo e rischia di romperla :bye

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

09/10/2015 15:19#3da lucaodex
Amo ad occhiello - Risposta di: lucaodex
Immaginavo che il discorso fosse legato all'innesco.

Ci sono altri motivi ?

Luca

Liuk

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

09/10/2015 17:26#4da xxxgrimox

lucaodex ha scritto: Immaginavo che il discorso fosse legato all'innesco.

Ci sono altri motivi ?

Luca


dipende che inneschi, le camole scordatele,
ma se inneschi vermi o esche siliconiche, basta trovare dopotutto ami ad occhiello non eccessivamente erti,
tipo mr300 di colmic o il kaptura sode ring, ad esempio

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

09/10/2015 21:19#5da pensio55
Amo ad occhiello - Risposta di: pensio55
il 229 della tubertini nelle misure più grandi lo consiglia per la trota lago
io comunque preferisco la paletta :bye

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

12/10/2015 12:41#6da Giorgio
Amo ad occhiello - Risposta di: Giorgio
Emilio sono del tuo stesso parere , per lo striscio amo a paletta per sempre : almeno per le esche delicate .
Con le siliconiche hai più margine di manovra...........:occhiolino

Ciao :bye

Gli Dei, non sottraggono all'uomo ,il tempo trascorso a pescare.

Proverbio Assiro-Babilonese
Ringraziano per il messaggio: pensio55

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

12/10/2015 15:21#7da faustoasso
Per quanto può valere posto la mia esperienza ; ho sempre preso ami già legati , per comodità e principalmente perchè la vista è quello che è.Visto che invece non ho nessun problema a fare il nodo "palomar"recentemente dai "cinesi" ho preso una scatolina con un centinaio di ami ad occhiello di misure varie ma, che ben si avvicinano alle classiche misure per trota e dal costo che ora non ricordo ma veramente irrisorio.Certo non hanno le curve degli ami più noti e in voga ma la classica curvatura tonda. A casa li ho presi e con due pinzette ho storto un pelo la punta rispetto all'asse del gambo.Durante questa operazione devo dire che un paio ( su 100 ) si sono rotti. Sabato 10 ho avuto occasione di usarli e per le mie esigenze(pesca ad ore da neofita) devo dire di non aver avuto nessun problema, nessun liscio, nessuna rottura( pesce attorno al 1\2 Kg )
Usavo pastella e perciò nessun problema di innesco, andava a coprire il gambo e anzi l'occhiello aiutava a trattenere la pastella magari anche su lanci un pochino forzati.Io li tengo volentieri a portata di mano :occhiolino:bye

Fausto

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

14/10/2015 11:10#8da Giorgio
Amo ad occhiello - Risposta di: Giorgio
Ciao Fausto , con pastella ,falcetti , vermoni ed esche siliconiche in genere l'amo ad occhiello rappresenta una valida alternativa :ok,specie per chi ha problemi di vista (anche io non sono più un giovanotto) ; riguardo agli ami già montati, se uno non fa gare e prende ami montati di qualità non dovrebbe avere nessun problema.
Comunque io ho risolto con una macchinetta manuale per montarmi gli ami da solo ,nonostante la vista non più perfetta.
Ciao e buona giornata :bye

Gli Dei, non sottraggono all'uomo ,il tempo trascorso a pescare.

Proverbio Assiro-Babilonese

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.301 secondi

Concentrandosi sulla pesca a corta distanza si sceglierà una lenza a piombino, prediligendo uno “slim” (2-4gr): un piombo dalla forma allungata che affonderà più lentamente rispetto ad uno “Short”: piombo dalla forma tozza; per effettuare un recupero molto veloce a pelo d’acqua ed in presenza quindi di trote particolarmente voraci e “veloci”. Se le trote faticheranno ad inseguire esche recuperate troppo velocemente, o se si riceveranno parecchi “rifiuti” in fase di abboccata, sarà necessario “ammorbidire” la lenza e diminuire la velocità di recupero e si passerà quindi ad una lenza a catenella di styls o

Per chi non lo conoscesse: "Gorreto"è un piccolo Comune della provincia di Genova in Liguria, al confine tra il Piemonte (provincia di Alessandria) e l'Emilia-Romagna con la provincia di Piacenza: questo "paesino" è ubicato alla confluenza del torrente Dorbera e del fiume Trebbia che, nell'alta valle ligure, si presenta con correnti, buche e bellissime lame d'acqua e nel quale è possibile esercitare tutte le tecniche di pesca, nelle "acque libere" e nelle "riserve di pesca" gestite con cura dall'Associazione Pescatori Val Trebbia. Così, venerdì 13 Giugno 2014, io (Bonez) assieme a 2 amici (Teo e Bonfi)

  Domenica 25 Marzo 2012, presso il laghetto: “La Trota nel Birreto” di Corno Giovine (LO), si è disputata la prima prova del Campionato Provinciale Individuale ed a Squadre della provincia di Lodi organizzata dalla società A.S.D. Pescasport Graffignana Milo. Non mi soffermo sulla descrizione del complesso in quanto è già stato recensito in altre occasioni, ma passo subito al “vivo” della manifestazione. Per quanto riguarda me (Bonez) e Pordo, facendo parte della società organizzatrice, il tutto ha avuto inizio nel tardo pomeriggio di sabato 24 Marzo; quando verso le ore 18:45, dopo aver atteso

Probabilmente alcuni di voi non ne hanno ancora sentito parlare; altri ne conoscono il nome, magari il design ma nulla di più; e così, in questo articolo, vi voglio presentare una nuova serie di canne da pesca specifiche per la trota lago e realizzate dalla stretta collaborazione tra la ditta: "Majora" ed il giovane campione di pesca trota lago bresciano: Fabio Zeni. Personalmente conosco da parecchio tempo Fabio per nome e per fama, ma, purtroppo, tra differenti impegni agonistici e non, ho avuto modo di conoscerlo meglio soltanto poco tempo fa; quando, tra una chiacchiera

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: bonez@macinator.it oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: