Meglio con o senza ardiglione?

20/04/2013 09:53#1da steo93
Meglio con o senza ardiglione? - discussione creata da: steo93
Ciao ragazzi, per una competizione è meglio usare un amo con o senza ardiglione?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/04/2013 12:46#2da cefalo72
con ardiglione sicuramente, perche' nel ricupero dovrai stare attento a tenere il filo sempre in tensione se non fai questo ti si slamano quasi tutte...


:bye:bye:bye:bye:bye
Ringraziano per il messaggio: steo93

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/04/2013 12:49#3da superf
io preferisco con ardiglione perchè se la trota rimane allamata appena sul labbro,senza ardiglione è persa :bye:bye
Ringraziano per il messaggio: steo93

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/04/2013 13:27#4da SAMPEII
sempre CON ardiglione :ok
Ringraziano per il messaggio: steo93

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/04/2013 13:32#5da Bonez
Personalmente ho sempre utilizzato ami con ardiglione, ma in questo ultimo periodo sto provando, in alcune situazioni, anche i nuovissimi gamakatsu LS 7077 B senza ardiglione e devo dire che sembrano OTTIMI! Nessuna trota persa al recupero fino ad ora; probabilmente grazie alla "Speciale" curvatura appositamente studiata a tale scopo, ed ottima resistenza, durezza e penetrazione.

Ciauuuuuuuuz
Ringraziano per il messaggio: steo93

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/04/2013 14:20#6da scuba3

Bonez ha scritto: Personalmente ho sempre utilizzato ami con ardiglione, ma in questo ultimo periodo sto provando, in alcune situazioni, anche i nuovissimi gamakatsu LS 7077 B senza ardiglione e devo dire che sembrano OTTIMI! Nessuna trota persa al recupero fino ad ora; probabilmente grazie alla "Speciale" curvatura appositamente studiata a tale scopo, ed ottima resistenza, durezza e penetrazione.

Ciauuuuuuuuz


ne sai una più del :devil

correrò a prenderli da usare in fiume....:ok

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/04/2013 14:32#7da steo93
già che c sono vi chiedo un'altra cosa: con che frequenza è meglio cambiare gli ami usati in gara? alla fine d ogni competizione è meglio sostiturli con degli ami nuovi o si può tranquillamente usare gli stessi per più gare? xk, nn so se sbaglio, ma penso che dopo un po di catture l'amo di "usuri" un po, magari la penetrazione non è più ottimale e c'è il rischio di lisciare i pesci...

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/04/2013 15:04#8da xxxgrimox

steo93 ha scritto: già che c sono vi chiedo un'altra cosa: con che frequenza è meglio cambiare gli ami usati in gara? alla fine d ogni competizione è meglio sostiturli con degli ami nuovi o si può tranquillamente usare gli stessi per più gare? xk, nn so se sbaglio, ma penso che dopo un po di catture l'amo di "usuri" un po, magari la penetrazione non è più ottimale e c'è il rischio di lisciare i pesci...


è molto semplice dare la colpa e dire che l'amo è spuntato, potrebbe e dico potrebbe essere che noi l'abbiamo ferrata male ad esempio per cercare di guadagnare qualche secondo di più:sbadato:sbadato. .... poi dipende che ami usi, a1 hard o acciaio al carbonio normale sono due acciai differenti in casa gamakatsu, nelle altre ditte a parte colmic che dice acciaio al carbonio 110 nelle altre non so con che materiale è fatto :bye:bye

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/04/2013 18:40#9da superf
è semplice controllare se un amo ha ancora la punta ancora buona se appoggi il polpastrello sopra la punta sentirai subito se la punta è affilata certi ami dopo una gara perdono l'affilatura non bucano neanche la pelle delle dita :bye
Ringraziano per il messaggio: steo93

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/04/2013 18:45#10da xxxgrimox
si vero, dopo parecchi pesci certi è come se avessero perso l'affilatura, comunque sempre con ardiglione io personalmente

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.305 secondi

Laghi di Castello - Castel San Giovanni (PC) - 13/04/2019 Sabato 13 Aprile 2019, presso i Laghi di Castello di Castel San Giovanni (PC), si è svolto l 8° Raduno Macinator. Il Raduno Macinator, NON è una gara ma un'imperdibile: “pescata in compagnia” alla quale possono partecipare sia i più esperti pescatori che tutti coloro che si sono da poco approcciati alla pesca della trota in lago. Al Raduno Macinator è possibile partecipare pescando sia con le varie tecniche dello striscio, che a spinning e trout area. Non trattandosi di una competizione, al termine della pescata, non viene mai effettuato alcun conteggio del pescato

  Sabato 29 e domenica 30 ottobre 2012, per chi non lo sapesse, presso il bellissimo laghetto Al Tiro di Martinengo (BG) si sono svolti i campionati Italiani Juniores under 14, 18 e 23 di pesca alla trota in lago. Per l’occasione, dato che eravamo liberi da impegni io (Bonez) e Pordo, nella giornata di domenica ci siamo recati sul posto per seguire da vicino l’avventura del “nostro” piccolo grande utente macinator: Gianluca Cornelli di soli 14 anni figlio di korns 26 che partecipava alla competizione Under 18. La prima gara, svoltasi sabato pomeriggio si

Domenica 17 aprile si è svolta presso il lago “La trota nel birreto” di Corno Giovine (LO) la gara di chiusura della stagione alla trota organizzata dalla società “Travacon” di Fombio. Nel lago sono state immesse circa 110 kg di trotelle di piccola taglia (circa 8-9 per kg) su cui si sono date battaglia 10 coppie in un settore unico. Al primo impatto la superficie del lago era segnata da poche bollate e da un colore torbido dell’acqua dovuto alla prima semina in settimana di tinche e pesci gatto che  faceva presagire una gara non velocissima

  Il luccio: predatore per eccellenza di acqua dolce. Caratterizzato da una bocca particolarmente pronunciata con un “becco” a papera dotato di denti estremamente affilati. Ama sostare al riparo attorno a qualsiasi tipo di vegetazione acquatica in attesa della sua preda nei confronti della quale tende agguati rapidi e violenti. Si nutre di altri pesci, a volte anche di dimensioni simili a se stesso. Può raggiungere delle taglie da capogiro ed innescare duelli molto avvincenti nonché attaccare l’esca con incredibile forza e, non sono rari, anche salti fuori dal pelo dell’acqua. La tecnica di pesca

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: bonez@macinator.it oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: