Banda blu e bugiardino

02/09/2013 07:51#1da Maurizio
Banda blu e bugiardino - discussione creata da: Maurizio
Mi rifaccio ad un commento che ha messo Sampei sulla sua ultima pescata, quando diceva che era partito col banda blu e poi visto che non mangiavano + è passato al bugiardino riprendendo le catture.
A parte il G leggermente diverso tra le 2 bombarde, ma quale è la differenza principale tra le 2 bombarde (il piombo è di punta per entrambe) che ti permette, come nel caso citato, di riprendere a catturare?
Nella foto sul catalogo Fassa il banda blu ha una freccia verso il basso a sx ed una verso l'alto in diagonale a dx, mentre il bugiardino 2 sui lati verso il basso, cosa significano nella pratica?
L'astina se non ricordo male è più corta nel bugiardino, quanto influisce?

Grazie

Maurizio

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

02/09/2013 08:35#2da Bonez
Ciao Maurizio; entrambe le bombarde da te citate hanno il piombo raggruppato in punta, che consente alla zavorra di raggiungere profondità elevate in poco tempo ma, il bugiardino risulta più "aggressivo" rispetto al banda blu; ossia tende a posizionarsi in posizione verticale e richiede un recupero "allegro" per poter mantenere correttamente la corsia di navigazione; è quindi indicato in presenza di trote "veloci" ed aggressive. Il banda blu invece, in acqua, risulta più "morbido" rispetto al bugiardino e richiede quindi un recupero leggermente più lento per restare in corsia; adatto quindi in presenza di trote leggermente più "lente". Le differenze tra i due piombi non sono "abissali", ma in alcune situazioni di pesca, a seconda delle trote con cui si ha a che fare e secondo la propria "mano" passare da una bombarda all'altra può fare, senza dubbio, la differenza...

ciauuuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

02/09/2013 12:54#3da SAMPEII
ciao maurizio io uso quasi solamente il bugiardo e mi trovo benissimo, giovedì le avevo prese con il banda blu ma le trote erano abbastanza lente, ieri le ho trovate pescando con il bugiardino che come ha detto bonez è più aggressivo e serve un recupero particolare.io per esempio lo utilizzo facendo delle "pompate" su e giu con la canna :ok

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

28/09/2015 16:43#4da Aral
Ragazzi una domanda sulla pesca quando le trote sono sul fondo, ma distanti, non raggiungibili quindi con normali piombi da 4/5gr:

il banda blu/moretto/tris, sugli 8/10 gr quindi G5/G6, possono essere usati proprio sul fondo, come un saltarello (tipo da 6gr...) e non in sospensione, per un recupero tipo piombino, ovvero facendogli fare un andamento "sinusoidale", con pompate della canna verso l'alto e lateralmente, facendo avanzare "a saltelli" sul fondo la bombarda, alternando il recupero a qualche pausa?? :magheggio
(Ho escluso il bugiardino perchè vorrei usare comunque bombarde non troppo aggressive.)

Vi chiedo questo perchè:
la scorsa stagione usavo il saltarello 6gr e il banda blu 8gr (G5) lanciati e lasciati lì immobili, con canna sul poggiacanna. La trota iniziava a mangiare e muoveva il cimino, appena vedevo il cimino muovere, cominciavo a invogliarla.
Ecco, quest'anno vorrei usare quelle stesse zavorre, per raggiungere le stesse distanze, ma con una pesca non statica, quindi tenendo sempre la canna in mano e pescando coi movimenti che ho elencati sopra.


(p.s. per informazione: credo che se volessi pescare in sospensione, con un normale recupero, a circa mezz'acqua/quasi sul fondo un G3 mi sarebbe più che sufficiente, vista la profondità dei laghi.)

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

29/09/2015 10:08#5da overkill
se fossi nella tua condizione di pesca Aral io opterei x il tris, nelle grammature leggere lo preferisco al banda blu e moretto, lo ritengo più versatile, poi magari è solo una mia impressione, comunue un bugiardino da 10gr non è poi coi cattivo come sembra, dai 15 gr in su invece, farei l'esatto opposto, o banda blu o moretto, meglio il banda blu x rimanere più bassi comunque

nicola bs

p.s. ma nache un bel razzetto da 8 non ci starebbe male

termovapor majora intelligent fishing
Ringraziano per il messaggio: Aral

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

29/09/2015 10:29#6da Aral
Grazie delle dritte Overkill!
Un razzetto da 8 (io lo chiamo saltarello) ce l'ho, sicuramente lo proverò e anche un bugiardino da 10 allora (poi vedo se la mia f1 42L risponde bene in base alle grammature e alla mia mano)

So che queste bombarde hanno vari impieghi tra cui le pesche aggressive a mezz'acqua. Ma come dicevo, mi interessa una pesca lenta a contatto col fondo..

Mi confermi quindi che le bombarde nominate si impiegano normalmente anche per una pesca 'tipo Piombino', canna in mano, facendo fare alla bombarda saltelli sul fondo, sempre in movimento/alternato a stop? ;)

(E non poggiandole li e lasciandole immobili tipo carpfishing, come vedo fare tristemente qua, che pescano le trote anche con piombo da 30gr immobile sul fondo XD)

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

29/09/2015 10:39#7da overkill
si certo si adattano, poi stà a cosa intendi fare, se vuoi staccarti più dal fondo facendolo saltare è meglio il tris, avrai un movimento più morbido e ampio, se vuoi propio un movimento tipo piombo allora sicuramente il razzetto (saltarello), con quello avrai un movimento più secco e quasi sempre a contatto con il fondo, il bugiardino da 10gr è una via di mezzo tra i 2 sopra citati.
indubbiamente è una linea di massima, incide tanto la velocità di recupero, canna alta o bassa e la profondità e conformazione del fondo del lago (scaloni, buche ecc.) queste variabili le devi riuscire a trovare tu con varie prove in pesca

nicola bs

termovapor majora intelligent fishing

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

29/09/2015 11:06#8da Aral
Ottimo!! Mi hai fatto capire bene le variabili, ora...quelle bombarde le ho, la canna F1 mi sta per arrivare, la stagione sta per aprire...e non vedo l'ora di fare tutte le prove del caso!!

:thanks:ok

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.277 secondi

Domenica 25 Settembre 2011, io (Bonez), Pordo e Teo, siamo andati a fare una pescata nel, non lontano da noi, laghetto Passoguado di Quinzano d’oglio (BS). Si tratta di un laghetto dalle piccolissime dimensioni, caratterizzato da una cascata presente in uno dei quatto angoli, provocata da un piccolo fiumiciattolo che alimenta il lago; ed è proprio grazie all’acqua fresca di questo fiume che, assieme all’abbassarsi delle temperature ha permesso l’immissione delle trote anche in questo periodo, nonostante la bassa profondità del lago che raggiunge all’incirca i 2,50 metri nei punti più profondi. Noi tutti conoscevamo

Costruito in svariate forme, differenti materiali e di diverse grammature; il galleggiante, comunemente chiamato anche: “ tappo”, può essere considerato uno dei “simboli” della pesca. Chiunque debba crearsi un’immagine di pesca lo farà, con tutta probabilità, pensando anche ad un galleggiante. Il suo compito è quello di trattenere la lenza ad una profondità prestabilita e di segnalare al pescatore le abboccate del pesce, immergendosi. Nonostante l’immagine del galleggiante sia comunemente associata ad un tipo di pesca “statica”, da qualche tempo, esso ha trovato largo impiego anche nel settore trota lago, agonistico e non solo. Molti

  Classificata in parte come Riserva Naturale Orientata ed in parte come Riserva Parziale Zoologica; il Mortone è un antico alveo del fiume Adda, anche se l'attuale presenza di acqua è dovuta ad affioramenti spontanei. Situato a Ca’ Isola di Villa Pompeiana Zelo Buon Persico (LO), il suo territorio, che si estende per circa 800 ettari, costituisce una magnifica riserva di caccia e pesca il cui accesso è riservato ai soci, i quali possono invitare ad accedervi amici e conoscenti rimanendo, ovviamente, nelle ferree regole che una riserva tanto interessante non potrebbe non avere. Nelle

Come da tradizione, a partire dal 2012, ogni anno, ci si ritrova, assieme agli utenti Macinator che decidono di partecipare, sulle sponde di un lago per trascorrere una piacevole giornata in compagnia della nostra passione comune: la pesca della trota in lago; così, sabato 2 Maggio 2015, presso il laghetto: "Al Tiro" di Martinengo (BG), si è svolto il tanto atteso: "4° Raduno Macinator". Per quanto mi riguarda, ogni Raduno Macinator, considerata la sua importanza e considerati tutti i dettagli organizzativi, inizia qualche mese prima rispetto al giorno in cui ci si ritrova ma l'aspetto più bello è

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: bonez@macinator.it oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: