Laghi di Tuna - 16/03/2012

Laghi di Tuna - 16/03/2012

Venerdì 16 Marzo 2012, io (Bonez) e Pordo abbiamo deciso di fare una pescatina pomeridiana e, considerato che avevamo in programma di fare qualche piccolo acquisto dal nostro amico Brandazza di Gragnano, abbiamo deciso di recarci a testare i laghi di Tuna. Questo bel complesso sito a Tuna di Gazzola (PC) è costituito da 3 differenti laghi, ma solamente in uno dei tre si effettua pesca sportiva alla trota; ossia in quello situato sotto la gradinata che si trova immediatamente fuori dal bar. Si tratta di un lago, con un’acqua non particolarmente limpida,  profondo al massimo circa 4 metri, dalle medie dimensioni e che presenta un “isolotto” al centro di esso, che risulta raggiungibile dalla riva con una bombarda da circa 10, 12 grammi al massimo. Arrivati sul posto abbiamo subito riconosciuto, tra i tanti pescatori presenti, il nostro amico korns, che si trovava anch’esso li a pescare; così ci siamo piazzati al suo fianco poco dopo la “balera” del pesce, che si trova al termine della gradinata di accesso al lago. Su consiglio di korns, che si trovava sul posto da ormai un paio d’ore e considerato che volevamo lasciare in disparte il galleggiante; sia io che Pordo abbiamo iniziato la nostra battuta di pesca con una lenza a vetrino da 3gr recuperando l’esca a meno di un metro di profondità ed utilizzando come esca semplicemente una camola cucita. Questo tipo di lenza ci ha regalato subito diverse catture, non una via l’altra, ma riuscivamo ad avvertire, più o meno distanti da riva, un’abboccata ogni 4 – 5 lanci; forse il ritmo più divertente ed appagante che si possa pretendere di ottenere durante una battuta di pesca ad ore. Anche per quanto riguarda la taglia delle trote catturate va detto che si è trattato di un’OTTIMA taglia per una pesca ad ore: abbiamo infatti, sia noi che gli altri pescatori presenti, catturato quasi tutte trote da circa 300 - 400gr l’una che ci hanno fatto inoltre divertire durante la fase di recupero della preda grazie alla loro forza e vitalità. Durante la nostra permanenza sul posto, durata all’incirca 2h e 30min, il gestore ha effettuato per ben tre volte l’immissione del pesce che ha permesso, oltre che a noi, credo alla quasi totalità dei pescatori presenti di divertirsi in compagnia della nostra immensa passione. Considerato il ritmo di abboccate “perfetto” io (Bonez) ho pescato tutto il tempo con la stessa lenza, mentre Pordo ha alternato lanci a vetrino a lenze a piombino, catenella e galleggiante, riuscendo bene o male ad avvertire qualche abboccata in tutti modi, ma riuscendo anch’esso a confermare che la tecnica di pesca più azzeccata alla situazione era quella a vetrino. La nostra bella giornata di pesca, sotto un sole piuttosto caldo ed in compagnia del nostro amico korns, è così giunta al termine verso le ore 16:15; quando abbiamo abbandonato il lago assieme alle nostre circa 50 catture che ci hanno fatto davvero divertire e ci hanno lasciato un bel ricordo di questa “pescata” e di questo bel lago. Concludo così il racconto salutando korns e ringraziandolo per la compagnia, facendo i complimenti alla gestione del complesso: “Laghi di Tuna” per la cura della struttura e per la gestione ottimale del lago di pesca sportiva e consigliando a voi lettori, se vi capita di essere nei paraggi, di farvi una bella pescata in questo lago, augurandovi di divertirvi quanto ci siamo divertiti noi.

 by Bonez

www.laghidituna.net

 

Aggiornamento: 07/05/2012

A distanza di poco meno di due mesi dalla nostra ultima pescata in questo lago, domenica 6 Maggio 2012, io (Bonez) e Pordo abbiamo deciso di ritornarci per una pescata mattutina. Siamo giunti sul posto verso le ore 7:15 del mattino e, dopo un breve sguardo al lago, abbiamo scelto di posizionarci sulla sponda sinistra del lago (scendendo dalla gradinata di accesso) fermandoci poco prima della curva delimitata dalla rete in quanto, in quella zona, si scorgevano parecchie bollate. Abbiamo così iniziato la nostra giornata pescando con una bombarda da 9 grammi G0,5 effettuando immediatamente catture una dopo l’altra. Trascorsa una mez’oretta circa, dato che le catture erano molto frequenti e considerato che ci stavamo avvicinando sempre più al limite di catture consentite, abbiamo effettuato qualche lancio a vetrino, a piombino e con bombardine più affondanti per cercare di effettuare qualche cattura in meno, ma le abboccate non accennavano a diminuire molto. Così, nonostante la calma, le perdite di tempo, le variazioni delle lenze, abbiamo raggiunto in breve tempo il limite di catture consentito ed abbiamo concluso la nostra giornata di pesca molto prima del previsto. Grazie a quest’altra esperienza più che positiva non posso che riconfermare quanto scritto sopra; ossia che si tratta di un bellissimo lago, molto redditizio e gestito con cura e passione; in grado di regalare giornate di pesca all’insegna del divertimento. Concludo quindi con un brevissimo consiglio: se non ci siete ancora stati andateci!!!

by Bonez 


Orari del lago:

Da Martedì a Venerdì 8:30 - 18:30

Sabato e domenica 7:00 - 18:30

CHIUSO il Lunedì

 


 

Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

ma quant'è il limite di catture delle trote?

roberto
BonezAmministratoreAutore    roberto
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Non c'è alcun limite di catture.

Bonez
BonezAmministratoreAutore
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao ragazzi, ho appena pubblicato un aggiornamento all'articolo dedicato ai "Laghi di Tuna" a seguito di una "pescata" alla quale ho partecipato ieri. Ciauuuuz

Bonez
BonezAmministratoreAutore
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Si, ribadisco nuovamente e confermo che si tratta davvero di un bel complesso; in merito alla mancanza d'acqua diciamo che bene o male non ne manca, il livello è sempre stato quello, sono le sponde che sono parecchio ampie.

Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

in effetti bel complesso davvero ricorda molto uno dalle mie perti , mi sbaglio o manca un pò d'acqua anche lì? oppure è la sponda che è così ampia e accessibile? lo spero perchè mi sà che sia nei fiumi che nei laghi del centro nord tra qualche...

in effetti bel complesso davvero ricorda molto uno dalle mie perti , mi sbaglio o manca un pò d'acqua anche lì? oppure è la sponda che è così ampia e accessibile? lo spero perchè mi sà che sia nei fiumi che nei laghi del centro nord tra qualche mese avremo un pò di problemi.....

Leggi Tutto
giacomo
Non ci sono ancora commenti

Lascia i tuoi commenti

  1. Invio commento come ospite.Registrati o Accedi con il tuo account.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Lago Verde (PC) - 29/04/2017 Sabato 29 Aprile 2017, presso il Lago Verde di Piacenza (PC), si è svolto il: “6° Raduno Macinator”: una piacevole giornata trascorsa tra amici, sulle sponde di un lago, pescando. Ci tengo a precisare, ancora una volta, che il Raduno Macinator NON è una gara ma una divertente pescata in compagnia alla quale TUTTI possono partecipare. Un’occasione per rincontrare “vecchi” amici, per conoscerne di nuovi e per scambiarsi opinioni utili per migliorarsi accrescendo così le proprie conoscenze ed abilità di pesca sportiva. Si tratta di un evento al quale tengo particolarmente,

Perché dobbiamo rilasciare il luccio? Il luccio va rilasciato perché questo fantastico predatore sta scomparendo. Soffre l'inquinamento, soffre le reti dei pescatori di professione, soffre la crudeltà dei bracconieri, soffre i cosiddetti: “padellari”; ovvero coloro che non rilasciano nulla. In Italia ne sono rimasti pochi e soltanto in pochissimi ambienti. Quello che un tempo era al vertice della catena alimentare, è ormai diventato solo una cattura occasionale. Partiamo da un dato di fatto: per avere la certezza di non arrecare alcun, seppur minimo, danno ai pesci dovremmo evitare di andare a pesca. Nella pratica del Catch

Son certo di poter affermare che, la più grande novità Fassa 2017 è, senza dubbio, rappresentata dalla nuovissima serie di canne, da trota lago, che prende il nome di Essence. Presentate lo scorso Febbraio, in occasione del Pescare Show di Vicenza, le nuovissime Essence hanno, in questi giorni, finalmente fatto la loro comparsa nei negozi. Attualmente, la serie Essence non sostituisce nessuna delle altre serie di canne, a marchio Fassa, in commercio ma le affianca interponendosi, a livello qualitativo, tra le Entry level: “Prime” e le top di gamma: “Spirit”. Si tratta però di una

 Uno dei più grandi colossi del mondo della pesca: “Daiwa” già presente con differenti “succursali” nei vari paesi del mondo, nel corso del 2014, ha modificato ulteriormente il proprio assetto strutturale ed organizzativo dando vita, anche a: “Daiwa Italy”. Questa strategia commerciale ha avuto quindi impatto anche sulla società italiana che si è sempre occupata di progettare, realizzare e commercializzare canne e prodotti a marchio Team Daiwa: la “Fassa S.p.A.” la quale trasformandosi in: “Fassa S.r.l.” ha scelto di continuare, come del resto ha sempre fatto, a sviluppare canne ed attrezzature per la pesca con

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: bonez@macinator.it oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: