04/12/2011 - Trofeo Lineaeffe Corno Giovine (LO)

04/12/2011 - Trofeo Lineaeffe Corno Giovine (LO)

Domenica 4 dicembre 2011, presso il laghetto: “La trota nel birreto”, di Corno Giovine (LO) si è svolta una gara di pesca alla trota in lago ad invito sponsorizzata dalla Lineaeffe e dall’enoteca “Le Rive” di Lodi, in collaborazione con la società di pesca “Codogno 80”, aperta a 20 coppie alla quale, ovviamente, anche io Bonez e Pordo abbiamo partecipato. Per l’occasione, dal titolo: “Trofeo Lineaeffe”, sono state immesse, sabato 3 dicembre, 200Kg di trotelle da gara per un totale di circa 1500 pesci che, al nostro arrivo presso il lago, la domenica mattina, ci sono subito apparse distribuite piuttosto in profondità, dato che non abbiamo potuto notare nemmeno una bollata. La competizione ha avuto inizio, come sempre,  verso le ore 8 del mattino e data la nostra esperienza passata, maturata in quel lago, sommata all’assenza di bollate, io (Bonez) e Pordo abbiamo scelto di iniziare pescando entrambe con una lenza a galleggiante del peso di 3gr piombata con una serie di 10-12 pallini di piombo, facendo appoggiare l’esca sul fondale. Dopo qualche passata abbiamo constatato che un “branchetto” di trote stazionava poco alla nostra desta, a soli 4-5 metri da riva, ed abbiamo così concentrato la nostra azione di pesca in quella zona, riuscendo a catturare circa 6-7 trote ciascuno, durante il primo turno di gara. Almeno fino alla pausa, dopo il quinto dei dieci turni di gara, la tipologia di pesca che noi, e credo la quasi totalità degli altri agonisti, abbiamo praticato è stata sempre quella; ossia a galleggiante, a pochi metri da riva e con un recupero molto lento della lenza; praticamente la tipica pesca invernale, nonostante le temperature non fossero poi così rigide. Le trote erano distribuite abbastanza omogeneamente su tutto il lago, situate quasi sempre molto vicine alla riva, ma tendevano tendenzialmente a raggrupparsi, dando vita a “branchi”; i quali creavano all’interno dei settori zone colme di pesce nelle quali bastava appoggiare il galleggiante per vederlo subito affondare, ed alte in cui difficilmente si riuscivano a percepire abboccate. Ad ogni spostamento di gara, una volta localizzato, all’interno del nostro picchetto o comunque nelle nostre vicinanze, il branco di pesce abbiamo, concentrato la nostra azione di pesca in quella zona ristretta catturando spesso trote una dopo l’altra. Da metà gara circa in poi, le cose sono ovviamente un po’ cambiate; la tipologia di pesca è rimasta bene o male la stessa di prima: il “galleggiante”; con la sola differenza che il numero di catture per turno si è ovviamente ridotto. Si avvertivano infatti, nella maggior parte dei casi, abboccate qua e là: un po’ casuali; non più rigorosamente a pochi metri da riva ma anche più distanti, a volte anche a centro lago e non solo a ridosso del fondo, ma è capitato in diverse occasioni di catturare qualche trotella pochi centimetri sotto il pelo dell’acqua. La gara, suddivisa in 10 turni, è così giunta al termine verso le ore 11:30 circa e, per quanto ci riguarda si è conclusa con 81 catture, che ci hanno permesso di classificarci al primo posto del nostro settore e come seconda coppia assoluta. E’ così giunto successivamente anche il momento delle ricche premiazioni, che grazie agli sponsor di questa manifestazione, hanno garantito premi per tutti i partecipanti; anche per gli ultimi classificati di ogni settore che si sono comunque aggiudicati una buona bottiglia di vino ciascuno. Tirando le somme, al termine della manifestazione, mi sento di valutare molto positivamente l’organizzazione; non solo per aver garantito premi per tutti, ma anche per come si è svolta l’intera giornata. Per quanto riguarda la pesca, credo di poter parlare a nome quasi di tutti i partecipanti, ci aspettavamo una gara con ritmi un po’ più elevati, con trote a galla o comunque poco sotto il pelo dell’acqua e con abboccate più decise e voraci, ma purtroppo questo non si può decidere e non dipende di certo dall’organizzazione. Concludendo, analizzando i numeri di catture al termine della gara, possiamo dire che la resa del lago è stata tutto sommato soddisfacente, anche se non ottimale come a volte capita, ma ci ha permesso comunque, anche in questa occasione, di trascorrere una bellissima giornata in compagnia di amici e della nostra infinita passione comune: la pesca della trota in lago.

By Bonez

 

Ho cercato di raccogliere alcuni frammenti di gara, svoltasi tra l'immancabile nebbia stagionale, che caratterizza le nostre zone, in un video grazie al materiale fornitomi dal nostro paparazzo ghibbo che ci ha seguiti anche questa volta:

Non ci sono ancora commenti

Lascia i tuoi commenti

  1. Invio commento come ospite.Registrati o Accedi con il tuo account.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Domenica 4 dicembre 2011, presso il laghetto: “La trota nel birreto”, di Corno Giovine (LO) si è svolta una gara di pesca alla trota in lago ad invito sponsorizzata dalla Lineaeffe e dall’enoteca “Le Rive” di Lodi, in collaborazione con la società di pesca “Codogno 80”, aperta a 20 coppie alla quale, ovviamente, anche io Bonez e Pordo abbiamo partecipato. Per l’occasione, dal titolo: “Trofeo Lineaeffe”, sono state immesse, sabato 3 dicembre, 200Kg di trotelle da gara per un totale di circa 1500 pesci che, al nostro arrivo presso il lago, la domenica mattina, ci

E’ ormai trascorso circa un anno dalla nascita delle prime bolognesi a marchio Fassa le quali, presentate in occasione della manifestazione: “pescare Show 2015”, hanno fatto la loro comparsa sul mercato qualche mese dopo. Realizzate in carbonio alto modulo denominato “CTC” unito ad una bassissima percentuale di resine, le Spirit bolo appaiono estremamente leggere, bilanciate e “scattanti”. Per tutti coloro a cui non fosse ancora chiaro: Fassa, studia, progetta, produce e vende attrezzature da pesca da oltre trent’anni ed in passato lo ha fatto commercializzando alcuni suoi prodotti (tra cui le canne da pesca) con

Costruito in svariate forme, differenti materiali e di diverse grammature; il galleggiante, comunemente chiamato anche: “ tappo”, può essere considerato uno dei “simboli” della pesca. Chiunque debba crearsi un’immagine di pesca lo farà, con tutta probabilità, pensando anche ad un galleggiante. Il suo compito è quello di trattenere la lenza ad una profondità prestabilita e di segnalare al pescatore le abboccate del pesce, immergendosi. Nonostante l’immagine del galleggiante sia comunemente associata ad un tipo di pesca “statica”, da qualche tempo, esso ha trovato largo impiego anche nel settore trota lago, agonistico e non solo. Molti

Dal mio rapporto di collaborazione con l’azienda Trabucco, iniziato lo scorso gennaio 2019, dopo un anno di lavoro, nasce una super novità 2020: che prede il nome di Switch Lake Trout. Si tratta di una serie di canne, TOP di gamma, composta da 13 modelli differenti, che ho avuto l’onore di “disegnare” per Trabucco. 5 sono le azioni da Tremarella, tutte lunghe 4.00mt ed identificate dal colore rosso e ben 8 modelli da Bombarda caratterizzati da lunghezze differenti: da 4,20 fino a 5.00 mt ed identificati dal colore arancione. L’ impiego di un

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: bonez@macinator.it oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: