Pesca invernale

Pesca invernale

Durante il periodo invernale, quando le temperature calano vertiginosamente, diminuisce conseguentemente di parecchi gradi anche la temperatura dell’acqua, raggiungendo temperature molto basse a tal punto da favorire la formazione del ghiaccio in superficie in alcuni punti del laghetto o, in alcuni casi, anche sulla totalità del lago; se si tratta di cave di piccole dimensioni con acqua non mantenuta in movimento. In questo periodo, come già evidenziato anche nell’articolo: “trote e stagioni”, le trote tendono a stazionare nelle immediate vicinanze del sottoriva, a ridosso del fondo, ma la loro voracità, la loro rapidità ed  il loro metabolismo subiscono, un brusco calo costringendoci così ad effettuare una pesca molto “lenta” ed attenta. Indipendentemente da quale sia la lenza utilizzata, si dovrà effettuare un recupero molto lento dell’esca, per far si che essa non si sollevi troppo dal fondale e per far si che essa stazioni la maggior parte del tempo possibile vicino alle trote ferme sul fondo, invogliando il loro appetito. Durante la fase dell’abboccata, che in molti casi, vista la scarsissima voracità delle trote, potrebbe risultare quasi impercettibile, è necessario arrestare completamente il recupero e concentrare tutta l’attenzione alla cima della canna o all’astina del galleggiante per poter percepire ogni singola tocca e stabilire l’esatto momento in cui ferrare. Le principali tecniche di pesca da adottare, in questo periodo dell’anno, sono fondamentalmente due: la pesca a striscio con il galleggiante e la pesca con il piombino.

La pesca invernale con il galleggiante:

Scegliendo di adottare questa tecnica di pesca per insidiare le trote durante il periodo invernale, si inizierà preparando la lenza seguendo le indicazioni già descritte QUI; utilizzando galleggianti di peso compreso tra 1,5 e 4 grammi a seconda della distanza di lancio che si vuole raggiungere ed a seconda della diffidenza del pesce che si deve insidiare:

trote piuttosto decise ----------> galeggiante 3 - 4 gr

trote piuttosto apatiche --------> galleggiante 1,5 – 2 gr

Preparata la lenza è importante accertarsi che l’esca raggiunga le trote a ridosso del fondale; è quindi necessario spostare il galleggiante sulla lenza alla giusta distanza tra esso e l’amo; affinché questa distanza sia la stessa che c’è tra il fondale del lago e la superficie dell’acqua, garantendoci così di trovarci con la nostra esca a ridosso del fondo. Uno dei metodi più semplici e veloci, per stabilire la giusta posizione del galleggiante sulla lenza, è quello di effettuare diversi lanci nella zona di pesca, spostando di volta in volta di una trentina di centimetri il galleggiante, in direzione opposta all’amo, finché esso non rimarrà appiattito in superficie, segno che i piombi della nostra lenza appoggiano sul fondale. Raggiunta questa situazione sposteremo il nostro galleggiante più in basso (verso l’amo),  più o meno della stessa distanza che c’è tra i piombi della lenza e l’amo; così facendo il galleggiante tornerà ad assumere la corretta posizione in acqua e ci troveremo ad avere la nostra esca a ridosso del fondale. Certi di pescare alla giusta profondità, una volta effettuato l’innesco con una doppia camola o con un’esca a piacimento, è quindi possibile iniziare con la vera e propria azione di pesca che sarà costituita da lanci piuttosto corti (10 – 20 metri da riva, ma spesso anche meno), ma soprattutto da un recupero molto molto lento della lenza, effettuato solamente con brevissimi e rapidissimi “strappetti”, impressi con la cima della canna, ed utilizzando il mulinello solamente per avvolgere il filo in eccesso. Durante il lento recupero, che può essere alternato a brevi soste, è molto importate concentrare l’attenzione verso l’astina del galleggiante che potrà spesso subire “toccate” quasi impercettibili. Avvertita la prima “tocca”, sul nostro galleggiante, sarà quindi necessario arrestare completamente il recupero per seguire l’abboccata, attendendo che il galleggiate affondi per poi ferrare con decisione. Nel caso in cui si incontrassero difficoltà nell’avvertire le abboccate può essere utile alleggerire la lenza utilizzando galleggianti di forma più allungata e di peso inferiore ed effettuando una piombatura “aperta” con 10 – 15 pallini.

La pesca invernale con il piombino:

L’alternativa molto utilizzata ed indicata alla pesca con il galleggiante durante la stagione invernale è quella con il classico piombino, la cui lenza può essere effettuata seguendo le indicazioni di QUESTO articolo. Considerato che, il recupero dell’esca deve però avvenire a ridosso del fondale, e può spesso capitare di trovarsi in situazioni in cui esso sia irregolare e presenti ostacoli è consigliabile utilizzare come zavorra, per la preparazione della lenza, un piombino detto: “saltarello”

Il saltarello, come potete notare dalla foto, non è altro che un semplice piombino fissato però ad una sua estremità ad un’astina che avrà il compito di ridurre le possibilità di incaglio del piombo sul fondale durante il recupero a ridosso di esso. Il terminale della lenza dovrà invece avere lunghezze comprese tra i 40 ed i 60, 70 centimetri al massimo, distanza che può essere leggermente aumentata in caso di trote eccessivamente apatiche o leggermente più “staccate” dal fondo. Anche in questo caso non si dovranno raggiungere distanze di lancio eccessive, ma sarà importantissimo attendere che il piombo raggiunga il fondo e si appoggi su di esso prima di iniziare il recupero; situazione che viene manifestata dal filo della nostra lenza che passerà dall’essere teso allo stato di presentare una “pancia” tra il cimino della canna e la superficie dell’acqua. Certi quindi che il piombo e la relativa esca abbiano raggiunto il fondo possiamo iniziare il recupero che dovrà essere, anche in questo caso, molto lento ed effettuato con i soliti “strappetti” impressi con la cima della canna ed utilizzando il mulinello solamente per avvolgere il filo in eccesso. Potremo anche in questa situazione alternare il recupero a brevi soste, senza mai perdere la nostra concentrazione rivolta alla cima della canna in attesa di avvertire la spesso impercettibile “tocca” della trota, per poi arrestare completamente l’azione di recupero ed attendere che essa ingoi l’esca manifestando sul vettino una partenza leggermente più decisa che ci permetterà di ferrare. Nel caso in cui ci si trovi in situazioni di fondale piuttosto pulito e privo di incagli con trote particolarmente apatiche è possibile utilizzare lenze realizzate con “sonar” o "catenelle di styls” comportandosi sempre allo stesso modo per quanto riguarda le operazioni di recupero e di ferrata.

Concludendo, è importante sottolineare che sia che si peschi a galleggiante oppure a piombino è sempre comunque importante mantenere molta calma nel recupero e soprattutto non avere nessuna fretta di ferrare, ma attendere a volte anche parecchi secondi, che la trota ingoi completamente l’esca prima di ferrare onde evitare spiacevoli “ciccate”.

by Bonez

 

Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao, per quanto riguarda la pesca con il galleggiante, che lunghezza consigli per lo spezzone di terminale? In che circostanza consiglieresti l'uso della tourpille a discapito della catenella di piombini( sempre pescando con galleggiante)?? ...

Ciao, per quanto riguarda la pesca con il galleggiante, che lunghezza consigli per lo spezzone di terminale? In che circostanza consiglieresti l'uso della tourpille a discapito della catenella di piombini( sempre pescando con galleggiante)?? Grazieeee

Leggi Tutto
Guido07
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

il filo da inbobbinare nel mulinello con queste tecniche di che misura e tipo lo consigliate?

ema
BonezAmministratoreAutore    ema
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Per la trota lago consiglio sempre uno 0.16mm; personalmente utilizzo con soddisfazione il Jtm Proton caratterizzato dall'ottimo rapporto qualità/prezzo.

Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

ok grazie, scusa se la domanda è stupida ma non sono esperto da come puoi vedere.
La mia domanda è la seguente: il vetrino è la stessa cosa del piombino che è presente nella montatura descritta nell'articolo?

ema
BonezAmministratoreAutore    ema
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Non ti devi scusare di nulla, non esistono domande stupide. Il vetrino si differenzia dal piombino per la propria caratteristica di dimezzare all’incirca il proprio peso specifico una volta che esso si trova in acqua. A tal proposito ti consiglio...

Non ti devi scusare di nulla, non esistono domande stupide. Il vetrino si differenzia dal piombino per la propria caratteristica di dimezzare all’incirca il proprio peso specifico una volta che esso si trova in acqua. A tal proposito ti consiglio la lettura di QUESTO articolo.

Leggi Tutto
Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Dunque, se ho ben capito riguardo a come distanziare il galleggiante, quando il galleggiante si è appiattito sulla superficie va rispostato in giù per una distanza corrispondente circa alla lunghezza del terminale?

Leo86
BonezAmministratoreAutore    Leo86
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Scusa il ritardo, è esattamente come scrivi.

Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ho capito che facevo il terminale troppo lungo stile bombarda, e spesso ferro troppo presto.

Sman
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

ciao,ma la pesca con il saltarello la camola va innescata sola o con polistirolo per lasciarla un po staccata dal fondo?

geometra76
BonezAmministratoreAutore    geometra76
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao, non è necessario utilizzare il polistirolo; esso può rendersi utile per una pesca più statica (da fermo).

ciauuuuuuuuuuuz

Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

ottima spiegazione , grazie

alfonso
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ora ho capito tante cose.... Dovevi leggere questo argomento l'anno scorso mannaggia!! Ma credo che andrà meglio quest'anno... Io faccio la pesca delle trote in Piemonte in una cava sorgiva però a dicembre quando scendo a trovare i mie vecchi giù...

Ora ho capito tante cose.... Dovevi leggere questo argomento l'anno scorso mannaggia!! Ma credo che andrà meglio quest'anno... Io faccio la pesca delle trote in Piemonte in una cava sorgiva però a dicembre quando scendo a trovare i mie vecchi giù a Bologna non mi faccio mai scappare una pescatina nei laghetti e quello che scrivete qui e proprio quello che mi è capitato a me sentivo le toccate ma non avevo pazienza nel fermarmi e quindi perdevo la trota qui ci sono scritte tutte le fasi giuste e da quelle tutti i mie errori hahahahah grazie questo dicembre vi farò sapere come è andata ciaooooo

Leggi Tutto
Facco74
BonezAmministratoreAutore    Facco74
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Grazie Facco; sono contento del fatto che tu abbia trovato interessante e veritiero quanto scritto nell'articolo sopra...
ciauuuuuuuuuuz

Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

ma se uso le uova di salmone?? dicono che funziona di piu

billa
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

mi consigli di utilizzare camole o inneschi in silicone ovviamente nel caso del piombino

riccardo
BonezAmministratoreAutore    riccardo
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

A te la scelta... Scegli l'esca con cui ti trovi meglio e quella che si rivela più redditizia...!
ciauuuuuuz

Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

ma si bekkano ankè a tremarella a recupero piano piano???????

danny
BonezAmministratoreAutore    danny
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Certo danny, anche in inverno, a seconda della situazione, si riesce a catturare qualche trota anche con un recupero, solitamente piuttosto lento, a tremarella...

ciauuuuuuuuz

Bonez
Non ci sono ancora commenti

Lascia i tuoi commenti

  1. Invio commento come ospite.Registrati o Accedi con il tuo account.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

{tab A}{slider Alconite}Il termine "alconite" identifica un tipo di materiale all'avanguardia utilizzato per la realizzazione di alcuni passanti (anelli) tra i migliori attualeente in commercio. I passanti in alconite sono tra gli  ultimi nati in casa Fuji e si caratterizzano per una maggiore resistenza alle forze di compressione ed una miglior distribuzione del calore dovuto all'attrito. Rispetto al materiale concorrente al "OP": SIC un anello in alconite pesa all'incirca il 10% meno.{slider Annoccatore}Con il termine "annoccatore" ci si riferisce all'attrezzo utilizzato per ammazzare le trote, immediatamente dopo la loro cattura, riducendone al minimo l'agonia e

Team Daiwa Specialist Super Slim Seconda Generazione Qualsiasi appassionato di pesca, conosce il marchio Daiwa; il quale rappresenta, da anni, una delle aziende leader nel commercio di attrezzatura ed accessori per la pesca in generale. Trattando nello specifico il settore: "Trota lago" e riferendosi in particolare alle canne da pesca telescopiche, da circa 4 anni a questa parte, tra le TOP di gamma più apprezzate e più vendute del marchio Daiwa spiccano sicuramente le Team Daiwa Specialist Super Slim: caratterizzate dal colore bianco del loro fusto "Super Slim". Giunti però a circa metà novembre 2013,

Come pescare le trote Pesca alla trota lago: Le trote che vengono immesse nei laghetti di pesca sportiva, provengono da allevamenti in cui sono abituate a nutrirsi con mangimi e, rispetto a quelle che popolano i nostri fiumi, sono molto meno sospettose, soprattutto quando si trovano in branco; situazione in cui entrano in gioco anche: il loro istinto di sopravvivenza, la loro aggressività e soprattutto la competizione con gli altri pesci del branco. All’interno del lago, esse si distribuiscono diversamente a seconda delle stagioni, e quindi della temperatura, a seconda della direzione del vento e del

Probabilmente alcuni di voi non ne hanno ancora sentito parlare; altri ne conoscono il nome, magari il design ma nulla di più; e così, in questo articolo, vi voglio presentare una nuova serie di canne da pesca specifiche per la trota lago e realizzate dalla stretta collaborazione tra la ditta: "Majora" ed il giovane campione di pesca trota lago bresciano: Fabio Zeni. Personalmente conosco da parecchio tempo Fabio per nome e per fama, ma, purtroppo, tra differenti impegni agonistici e non, ho avuto modo di conoscerlo meglio soltanto poco tempo fa; quando, tra una chiacchiera

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: bonez@macinator.it oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: