Il piombino

Il piombino

Per la pesca con il piombino si utilizza una canna con un’azione piuttosto morbida ed un cimino estremamente sensibile, sia per poter trasmettere le vibrazioni all’esca che per poter meglio avvertire e gestire l’abboccata e la relativa ferrata del pesce. La lunghezza della canna varia da 3,80mt fino a 4,20 e la potenza di lancio deve essere compresa tra 1 e 5 grammi dato che il peso delle zavorre è compreso in questo range. La lenza è composta ovviamente da una piombino, una girella tripla ed un finale di lunghezza che varia dai 60 ai 100 cm, più vicino ai 60 cm per la pesca di trote veloci e aggressive, più vicino invece ai 100 cm nel caso di trote lente e svogliate; in entrambe i casi il solito amo del n°8.

Le zavorre più usate sono: piombi di varie forme, catenelle di piombini e vetrini, come descritto QUI; la forma e il peso specifico della zavorra influenzano il comportamento dell’esca sott’acqua. La tecnica di pesca alla trota con il piombino è indicata sia per la pesca in superficie che per la pesca in profondità, ma in entrambe i casi per una distanza piuttosto ravvicinata dalla riva o comunque in laghi di piccole dimensioni in cui le distanze da raggiungere non sono eccessive. La scelta di una zavorra piuttosto di un’altra ed il loro impiego nelle varie stagioni è descritto in questa sezione, ora ci occupiamo invece di descrivere la tecnica; illustrando le due principali techiche di recupero:

La tremarella:

Lo strano nome di questo recupero bene illustra il movimento della canna, che deve, appunto, tremolare incessantemente, con lo scopo di far avanzare a scatti velocissimi l'esca. L'innesco avanza e si ferma velocissimamente, a scattini brevi, rapidissimi e incessanti, paragonabili a quelli di un gamberetto in fuga. Se a questo già invitante movimento si aggiunge la rotazione e una certa variazione di velocità degli scatti si capisce come l'istinto aggressivo della trota non sappia trattenersi.La tremarella si effettua con una lenza composta da una zavorra, una girella e un finale di lunghezza dai 30 ai 90 cm. Le zavorre più usate sono: piombi di varie forme, catenelle di piombini e vetrini; la forma e il peso specifico della zavorra influenzano il comportamento dell’esca sott’acqua. Il recupero si effettua con la sola canna, mentre questa si sposta bisogna far vibrare il vettino e tra un recupero e l’altro il filo in eccesso và recuperato con il mulinello; tutti questi movimenti servono a far procedere l’esca rotante alla stessa profondità e a scatti. L’intensità delle vibrazioni e la velocità di spostamento della canna variano a secondo della distanza di lancio e della profondità di pesca. Dopo aver effettuato il lancio, non appena la lenza tocca l’acqua, si chiude l’archetto del mulinello e si mette il filo in tensione; poi si conta mentalmente fino a quando si inizia il recupero: a parità di conteggio si avrà la stessa profondità di pesca. Una volta che si è avvertita una tocca si smette di tremare e, muovendo la canna per sostenere il piombo, si aspetta una partenza decisa quindi si ferra. Per la tecnica della tremarella si abbina ad ogni zavorra una canna dedicata dotata di una azione e di un vettino adatti a far avanzare la zavorra a scatti; una canna adatta per un piombo da 2gr difficilmente sarà adatta anche per uno da 5gr; il mulinello (preferibilmente a frizione anteriore) deve essere caricato con filo dal 14 al 20.

Il saltarello:

In un certo modo questa tecnica di recupero ricorda la tremarella, ma c'è una differenza sostanziale: il modo in cui far avanzare l'esca. Lasciando da parte per il momento il tremore da imprimere al cimino, prendiamo in esame soltanto un elemento, ossia il modo in cui muovere la canna per effettuare il recupero. Il movimento usato è quello del pumping che vede la canna partire in posizione alta e inclinata, con il filo teso che, a sua volta, deve far avvertire la pressione del contatto con il piombo. L'avanzamento dell'esca può avvenire in superficie o sul fondo e si ottiene spostando progressivamente la canna verso l'alto. Nel frattempo il mulinello rimane inattivo. Diventa immediatamente operativo a fine corsa della canna, per riavvolgere il filo mentre l'attrezzo ritorna velocemente in posizione iniziale. L'effetto "tremarella" va prodotto quando si sta sollevando la canna verso l'alto. Questo modo d'agire è indicato soprattutto per insidiare trote in superficie o a mezz'acqua quando queste sono scarsamente attive e faticano a reggere la tocca. Tuttavia il saltarello si esprime al meglio in inverno, quando le trote stazionano sotto sponda e attaccate al fondo. Per effettuare un corretto recupero a saltarello in inverno servono terminale dai 40 ai 60 cm e un piombino a goccia (di quelli chiamati anch'essi "saltarello"); la canna va mossa con effetto di pumping, allo stesso tempo, viene fatta sostare per permettere al piombo di tornare sul fondo e per avere il tempo di riavvolgere il filo molle.

by Bonez

 

Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao Bonez, pesco da poco ma effettuo poca tremarella in quanto non avverto la tocca. Mi puoi dare consigli in merito?

Vinclux
BonezAmministratoreAutore    Vinclux
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao, diciamo che è normale; la "sensibilità" si acquisisce con l'esperienza. Non stancarti mai di provarci; soltanto con la pratica imparerai ad avvertire sempre meglio le tocche ed a stabilire l'istante esatto in cui ferrare. A tal proposito ti...

Ciao, diciamo che è normale; la "sensibilità" si acquisisce con l'esperienza. Non stancarti mai di provarci; soltanto con la pratica imparerai ad avvertire sempre meglio le tocche ed a stabilire l'istante esatto in cui ferrare. A tal proposito ti consiglio anche QUESTA lettura. Buone feste

Leggi Tutto
Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

ciao sono Luca io vado a pescare in un grande lago naturale la prossima settimana che tipo di pesca mi consigliate di fare e con che tipo di bombarda ?? grazie ..

luca
BonezAmministratoreAutore    luca
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao Luca purtroppo la tua domanda è troppo generica per poterti dare una risposta esaustiva; l'unico consiglio che ti posso dare è quello di basarti sulle regole generali descritte in QUESTO e QUEST'ALTRO articolo. Ciauuuuuuuz

Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao a tutti!!
Volevo chiedere se è fattibile una pesca a striscio con la bombarda a tremarella.
Grazie e ciao a tutti!!

tremarello
BonezAmministratoreAutore    tremarello
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao; certamente! Per una pesca a bombarda a galla, è fattibile e a volte consigliabile effettuare un recupero a tremarella.

ciauuuuuuuz

Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

CIAO VENERDÌ VADO A PESCA E SPERIMENTO IL PIOMBINO E LE MARACAS POI VI FACCIO SAPERE PROVO LE LENZE SOPRA ;)RIPORTATE GRAZIE DI GIÀ

Giuseppe
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

ciao,
inanzitutto complimenti per il sito, veramente utile per chi pratica e vuole approfondire il mondo della pesca alla trota,
avevo solo una domanda come mai ritieni preferibile (dall'articolo sulla tremarella) l'utilizzo di mulinelli a...

ciao,
inanzitutto complimenti per il sito, veramente utile per chi pratica e vuole approfondire il mondo della pesca alla trota,
avevo solo una domanda come mai ritieni preferibile (dall'articolo sulla tremarella) l'utilizzo di mulinelli a frizione anteriore?
io da 3 anni ormai pesco con la frizione posteriore e mi trovo benissimo, anche grazie alla possibilità (sul mio shimano exage 1000) di poter usufruire della comodissima frizione da "combattimento", ho letto molti articoli prima di intraprendere l'acquisto (non proprio economico) di un mulinello, e ho concluso, che per una pesca dinamica come lo striscio dove la taglia e la forza degli esemplari all'amo può variare anche di molto e che quindi necessitano ad ogni boccata di un giusto gioco di frizione (sopratutto con fili di diametro ridotto) di acquistare un frizione posteriore con in più quella "da combattimento", ritengo che la frizione anteriore sia leggermente scomoda (se pur tutti sappiamo più precisa) in un azione di pesca come quella alla trota, la frizione anteriore implica il dover staccare la mano dalla maniglietta del mulinello per andare a regolare la frizione, mentre la posteriore è possibile regolarla con il semplice spostamento del mignolo o dell'anulare!
ti chiedo, dici che il ragionamento è sbagliato?

Leggi Tutto
federico
BonezAmministratoreAutore
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao,<br />il peso del piombo è correlato in qualche modo alla vivacità delle trote?<br />Trote più veloci = piombo pesante trote lente piombo leggere ? Oppure è indifferente?
<br /><br />Esatto, oltre ad esempio a: pesca più in profondità =...

Ciao,<br />il peso del piombo è correlato in qualche modo alla vivacità delle trote?<br />Trote più veloci = piombo pesante trote lente piombo leggere ? Oppure è indifferente?
<br /><br />Esatto, oltre ad esempio a: pesca più in profondità = piombo più pesante e pesca in superficie = piombo più leggero anche la correlazione da te indicata è da considerare.<br />Ciauuuuuz

Leggi Tutto
Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao,<br />il peso del piombo è correlato in qualche modo alla vivacità delle trote?<br />Trote più veloci = piombo pesante trote lente piombo leggere ? Oppure è indifferente?

Barbati
BonezAmministratoreAutore
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao, non ho capito bene il salterello : parto con la canna in una posizione intermedia ( ne alta ne bassa ) poi pian piano la alzo senza avvolgere il mulinello?<br />Una domanda : io pesco quasi sempre con la coroncina di piombi, c'è una...

Ciao, non ho capito bene il salterello : parto con la canna in una posizione intermedia ( ne alta ne bassa ) poi pian piano la alzo senza avvolgere il mulinello?<br />Una domanda : io pesco quasi sempre con la coroncina di piombi, c'è una descrizione della tecnica?<br />Bel sito!!
<br /><br />Per il saltarello alzi praticamente la canna a colpetti ed una volta arrivato in posizione quasi verticale riavvolgi il filo con il mulinello fino a tornare nella posizione di partenza e così via... La coroncina di piombi è paragonabile alla catenella di styls per la quale trovi un articolo dedicato nella sezione: "Tecniche e lenze"; quanto al recupero della lenza segui le indicazioni della: "Tremarella". Ciauuuuuz

Leggi Tutto
Bonez
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

se sono a pelo d'acqua puoi provare con le maracas. lanci sbacchetti in mezzo al branco e vedrai la pallina partire a razzo ciao. sempre che le trote non siano apatiche.

robiki
Questo commento è stato minimizzato dal moderatore sul sito

Ciao, non ho capito bene il salterello : parto con la canna in una posizione intermedia ( ne alta ne bassa ) poi pian piano la alzo senza avvolgere il mulinello?<br />Una domanda : io pesco quasi sempre con la coroncina di piombi, c'è una...

Ciao, non ho capito bene il salterello : parto con la canna in una posizione intermedia ( ne alta ne bassa ) poi pian piano la alzo senza avvolgere il mulinello?<br />Una domanda : io pesco quasi sempre con la coroncina di piombi, c'è una descrizione della tecnica?<br />Bel sito!!

Leggi Tutto
Barbati
Non ci sono ancora commenti
Carica Altri Commenti

Lascia i tuoi commenti

  1. Invio commento come ospite.Registrati o Accedi con il tuo account.
Allegati (0 / 3)
Condividi la tua posizione

Come pescare le trote Pesca alla trota lago: Le trote che vengono immesse nei laghetti di pesca sportiva, provengono da allevamenti in cui sono abituate a nutrirsi con mangimi e, rispetto a quelle che popolano i nostri fiumi, sono molto meno sospettose, soprattutto quando si trovano in branco; situazione in cui entrano in gioco anche: il loro istinto di sopravvivenza, la loro aggressività e soprattutto la competizione con gli altri pesci del branco. All’interno del lago, esse si distribuiscono diversamente a seconda delle stagioni, e quindi della temperatura, a seconda della direzione del vento e del

{tab A}{slider Alconite}Il termine "alconite" identifica un tipo di materiale all'avanguardia utilizzato per la realizzazione di alcuni passanti (anelli) tra i migliori attualeente in commercio. I passanti in alconite sono tra gli  ultimi nati in casa Fuji e si caratterizzano per una maggiore resistenza alle forze di compressione ed una miglior distribuzione del calore dovuto all'attrito. Rispetto al materiale concorrente al "OP": SIC un anello in alconite pesa all'incirca il 10% meno.{slider Annoccatore}Con il termine "annoccatore" ci si riferisce all'attrezzo utilizzato per ammazzare le trote, immediatamente dopo la loro cattura, riducendone al minimo l'agonia e

Quando ci si appresta ad effettuare una pescata in un laghetto, piccolo o grande che sia, cercando di insidiare le trote con la tecnica della pesca a striscio; uno degli aspetti da considerare è sicuramente la stagione in cui ci si trova. Le trote infatti, a seconda della stagione e quindi della temperatura dell'acqua stazionano in differenti posizioni e differenti altezze all'interno del lago nel seguente modo: AUTUNNO In Autunno, forse uno dei mesi migliori per la pesca di questo tipo, avremo le trote a pelo d'acqua. Adesso ci si può sbizzarrire con tutte quelle tecniche dette

Dal mio rapporto di collaborazione con l’azienda Trabucco, iniziato lo scorso gennaio 2019, dopo un anno di lavoro, nasce una super novità 2020: che prede il nome di Switch Lake Trout. Si tratta di una serie di canne, TOP di gamma, composta da 13 modelli differenti, che ho avuto l’onore di “disegnare” per Trabucco. 5 sono le azioni da Tremarella, tutte lunghe 4.00mt ed identificate dal colore rosso e ben 8 modelli da Bombarda caratterizzati da lunghezze differenti: da 4,20 fino a 5.00 mt ed identificati dal colore arancione. L’ impiego di un

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: bonez@macinator.it oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: