Spinning , Come gestire l'artificiale , l'ondulante

14/11/2017 10:09 #1 da bdr1964
Ciao a tutti , Scusate se la domanda e un può semplice .

Ho letto sul sito di un grandissimo marchio Americano di artificiali , anche con lo Spinning si può lasciare affondare l'artificiale ho l'ondulante contendo come a Bombarda .
Facendo cosi si può cercare dove si trovano le trote . Voi come fate ? lanciate e recuperate subito ? Come fascio io al 97% , ho lasciate affondare l'artificiale ho l'ondulante poi recuperate ?



Saluti :fishing

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

14/11/2017 10:27 #2 da Bonez
Ciao, certo, puoi lasciare affondare l'ondulante in modo da recuperarlo, poi, in una fascia d'acqua più profonda. Va detto però che, se poi lo recuperi troppo velocemente tenderà comunque a salire verso la superficie. Una volta lasciato affondare per il tempo desiderato dovrai quindi adoperare la giusta velocità di recupero per fare in modo che mantenga una certa profondità di navigazione. Tale velocità di recupero dipende dal rapporto di recupero del mulinello, dal peso e dalla forma dell'ondulante, ecc, ecc.

ciauuuuuuuuuuz
Ringraziano per il messaggio: longoni.m

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

14/11/2017 11:26 #3 da bdr1964
Ciao Bonez .

Ti ringrazio per la tua veloce risposta . Devo ancora togliere la ruggine dopo tanti anni di stop .
E quelle lato della pesca che mi piace ce sempre qualcosa di nuovo da imparare .
A la prossima uscita proverò di sondare più sul fondo .

Grazie di nuovo
saluti .:fishing

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/01/2018 07:34 #4 da xxxgrimox
Di ondulanti ve ne sono molto modelli ...il recupero varia in base alla loro forma ed aggiungo amche in base allumore delle trote,
Se hai trote attive che vogliono velocità puoi montare anche ondulate pii compatto e spesso piuttosto che nel caso opposto do trote ferme e sfogliare.che vogliono uno più largo più leggero lento e sinuoso,
Ma dipende spesso dalle trote,
Puoi fare.come.si pesca a.bombarda, lanci....conti e recuperi, oppire nel caso di quelli più larghi aspetti che raggiunga i pressi del fondo e poi inizi un recupero lento sfarfallante

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/01/2018 10:02 #5 da bdr1964
Ciao xxx Grimox

Ti ringrazio per I consigli .

In Francia penso che in Italia dite la stessa cosa , ( diventiamo Fabro martellando il ferro ) .

Abbiamo ripreso ad andare più regolarmente a pesca e la malizia sta tornando . Perché dobbiamo essere maliziosi con queste trote di oggi .

10 giorni ho fatto un Big, più di 4 Kg . e stato una bella esperienza .

ti ringrazio di nuove

Saluti
Bruno
Ringraziano per il messaggio: xxxgrimox

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

23/01/2018 06:29 #6 da xxxgrimox
Di nulla, ma le mi e sono sono esperienze non verità assoluta

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

23/01/2018 08:19 #7 da bdr1964
Nel mondo della pesca non esistono le verite assolute .
E per quello che ci piace passare tempo in quella disciplina .
:occhiolino

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/03/2018 12:58 #8 da longoni.m
Per come la penso io, a spinning come in altre discipline la fase di ricerca per Sapere in che profondità d'acqua pescare e far passare il nostro ondulante e' fondamentale.
A volte cerco di avere un andamento a zig zag con continue risalite dell'ondulante e cadute (libere) verso starti piu' profondi proprio per sondare piu colonna d'acqua possibile, oppure interrompo i recuperi lineari lasciando cadere l'esca per cercare di far scatenare un attacco da un eventuale trota in inseguimento.
Le tecniche perpetuabili sono infinite e dettate da 1000 variabili, come chi diceva precedentemente non esistono verità assolute ma scelte corrette o meno a seconda della situazione.
Certo' e' che pescare nella colonna d'acqua dove sosta il pesce ha indubbiamente e ovviamente priorità assoluta verso esche colori tecniche etc etc.....

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

05/09/2018 12:12 #9 da masterpiro88
scrivo qui perche non ho trovato una discussione piu "adatta".
ho girato il sito in lungo e in largo e ho trovato 10ine di articoli interessanti su tipo di pesche, esche e loro innesti ecc ecc ma nulla riguardante approfonditamente lo spinning o le sue esche ( argomento ampissimo e da mio punto di vista neofita non molto semplice).
spete indicarmi articoli dove si parla approfonditamente di questo?
anche cercando su internet in generale trovo molta confuzione ( forse perche al fine di prendere + view e + like la gente scrive 4 cavolate generiche e basta.
nello specifico vorrei capire piu il mondo esche. spoon, crank, minnow ecc.. ma non semplicemnte la "differenza tra un tipo e l' altro " ma propio le differenze all' interno della stessa tipologia..

sapete consigliarmi qualcosa? o magari se gli admin del forum stan pensando a qualche nuovo bell' articolo?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

12/11/2018 16:11 #10 da Ilmitte
Cosa intendi con all'interno della stessa tipologia ? Parlare di esche è complicato, perchè ogni casa costruttrice fa le sue e sono diverse per recupero, profondità di nuoto, azione in acqua ecc...
Magari se ti interessa un particolare artificiale si può provare, ma così mi sembra un argomento troppo ampio.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.048 secondi

Ancora una volta: Daiwa, una delle aziende leader nel commercio di attrezzatura ed accessori per la pesca in generale o meglio, più nello specifico: "Daiwa Italy", grazie all'esperienza ed alla collaborazione del grande "Maestro" Fausto Buccella ha dato vita ad una nuovissima serie di canne per la trota lago destinata ad un'ampia clientela di agonisti ma non solo. Questa nuova serie di ben 19 canne che prende il nome di: "Theory Super Slim" o più brevemente: "Theory" è stata infatti studiata e commercializzata per colmare il divario qualitativo ed economico presente tra due importanti serie

Domenica 03/07/2011 io (Bonez) e Pordo abbiamo deciso di macinare pochi chilometri e concederci qualche ora di sonno in più; così invece di recarci in un grosso lago estivo, distante da casa, abbiamo scelto di fare una pescata nel laghetto di Pandino (CR). Si tratta di un laghetto di piccole dimensioni, profondo al massimo 5 metri e caratterizzato da un’acqua molto fredda e limpida, facente parte di un grosso complesso di acquacoltura, costituito da vasche in cemento, nelle quali vengono allevate diverse specie di pesci tra cui le trote. La struttura è circondata da un

  Il luccio: predatore per eccellenza di acqua dolce. Caratterizzato da una bocca particolarmente pronunciata con un “becco” a papera dotato di denti estremamente affilati. Ama sostare al riparo attorno a qualsiasi tipo di vegetazione acquatica in attesa della sua preda nei confronti della quale tende agguati rapidi e violenti. Si nutre di altri pesci, a volte anche di dimensioni simili a se stesso. Può raggiungere delle taglie da capogiro ed innescare duelli molto avvincenti nonché attaccare l’esca con incredibile forza e, non sono rari, anche salti fuori dal pelo dell’acqua. La tecnica di pesca

Sabato 17 settembre 2011, io (Bonez), Cavoz e Soffritto, abbiamo deciso di fare una pescata in un laghetto piccolo e ci siamo così recati al laghetto di Roccafranca (BS). Muniti di navigatore, dato che nessuno di noi era mai stato in quel lago, siamo giunti a destinazione verso le ore 7:10 del mattino e nonostante fosse abbastanza presto, la prima metà del laghetto era già occupata, su entrambe le sponde, da parecchi pescatori. Così, dopo aver effettuato il biglietto, ci siamo posizionati in una posizione quasi “obbligata”; precisamente a circa metà del lago sulla sponda opposta

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: