Conteggio affondamento bombarda

26/10/2020 11:46#1da Markos
Conteggio affondamento bombarda - discussione creata da: Markos
Cari amici, premetto che anche se mi darete del pazzo, quanto vado a postare è il risultato di prove fatte e rifatte in una piscina che va da 1 metro a 7 metri di profondità per 15 di lunghezza.
Vengo al dunque,
Ho notato questo,
Lancio nella parte fonda,
Bombarda tubertini 10 g 2
Cronometro per 5 secondi e vedo che questa scende in modo parallelo all'incirca di 1metro.
Però noto che essendo il finale di 1 metro, l'esca è ancora a galla.
Incomincio un recupero medio e mi accorgo che l'esca raggiunge l'asse della bombarda dopo un 3 o 4 m verso di me.
A seconda della velocità di recupero ovviamente si accorcia questa misura.
Anche strattonando a spanciare si riduce questo stallo, ma rimane sempre chiaramente una latenza in metri per raggiungere il parallasse.
Ora vi domando,
Se voglio portare l'esca un metro sotto in teoria dovrei cronometrare il doppio secondo me. O no.
Salutoni.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/10/2020 15:06#2da Bonez
Ciao, diciamo che la velocità di affondamento dipende da parecchi fattori e soprattutto non ha un andamento lineare; vale a dire: i primi metri affonda più velocemente, poi, rallenta più o meno intensamente. Inoltre: a seconda della velocità e tipo di recupero ed a seconda del tipo di bombarda può risalire, più o meno facilmente, verso al superficie. Detto ciò: se cronometri poco più del doppio dovresti raggiungere la profondità desiderata ma poi devi essere in grado di mantenerla.

ciauuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/10/2020 17:05#3da lucabenve
se ho capito bene il problema che evidenzi sembra non sia della bombarda ma dell'esca che non scende all'altezza del peso... ed è un argomento interessante per questo vorrei darti un suggerimento

dopo aver visto pescare agonisti molto molto preparati ti posso dire che la cosa che accomuna un pò tutti nella pesca a distanza e magari in profonditàè quella di "allineare" il filo

ovvero una volta calati alla profondità che si vuole raggiungere (misurata in secondi) vengono fatti 2 o 3 giri di mulinello e strattoni veloci proprio per il problema che evidenzi, ovvero: portare l'esca nella linea di pesca desiderata ed aggiungo il vantaggio di avere un contatto diretto eliminando il filo uscito in eccesso

LUCA BENVENUTI - FIRENZE TROTA LAGO

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/10/2020 17:13#4da Bonez
A tal proposito segnalo un "datato" articolo presente su macinator: Come effettuare l'allineamento

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/10/2020 22:16#5da Eddy85
Inoltre il comportamento che descrivi per l'esca è dato anche dal fatto che evidentemente l'esca utilizzata era una floating, tipo pastella o siliconici galleggianti.
Con l'esca naturale o esca affondante questo comportamento è leggermente diverso poiché avrà anch'essa un suo coefficiente di affondamento.
Su bombarde pesanti con un alto coefficiente g, l'influenza sarà trascurabile, ma su bombarde o vetrini con g basso, l'influenza della tipologia di esca sarà importante.

Ciao ciao
Ringraziano per il messaggio: Markos

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

27/10/2020 01:02#6da Markos
Grazie mille del tuo tempo, certo, ho capito il concetto che mi porta, una volta tirata giù l'esca a ritornare in navigazione.
Salutoni

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

27/10/2020 01:09#7da Markos
Gazie del consiglio, molto apprezzato, infatti avevo succitato che in parte mi ero accorto che a fine conteggio, strattonando e ruotando veloce di mulinello si raggiunge abbastanza presto la retta di finale bombarda.
Salutoni

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

27/10/2020 01:23#8da Markos
Ho letto, bello ed utile,
Gracias

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.049 secondi

Martedì 16 agosto 2011, io (Bonez), Pordo e Cavoz, in compagnia delle rispettive mogli, figlie e fidanzate, abbiamo deciso di trascorrere il dopo ferragosto in un bellissimo lago di pesca sportiva, che nessuno di noi aveva mai visitato prima, ma che ci è stato consigliato dal grande cornelli: il lago di Rogno. Si tratta di un lago dalle medio/grandi dimensioni e dalla elevata profondità, caratterizzato da un bel paesaggio circostante ed un’acqua talmente cristallina e pura al punto di permetterne la balneazione; esiste infatti una zona del lago delimitata da una grossa corda tenuta in

In questo articolo mi limito a rendere pubblico un ritaglio di giornale tratto dal quotidiano: "Il Cittadino del lodigiano" www.ilcittadino.it edizione di Sabato 10 Marzo 2012 e dedicato alla prima gara a trote organizzata dalla A.S.D. Pescasport Graffignana presso il laghetto: "La Trota nel Birreto" di Corno Giovine (LO). {gallery width=400 height=500 captions=boxplus.hover}notizie_giornale/1_gara_coppie_graffignana.jpg{/gallery}

Lunedì 22 agosto 2011, io (Bonez), Pordo e Cavoz, in occasione del compleanno di Pordo, ci siamo recati al lago 3 Sport che si trova a Seguo di Settimo Milanese (MI): un lago di medie dimensioni e dalla elevata profondità, che consente alle trote di sopravvivere anche durante i periodi più caldi dell’anno. Si tratta di un complesso piuttosto spartano, dall’acqua non particolarmente limpida, nel quale abbiamo scelto di festeggiare questo compleanno, per il fatto che, in questo periodo, se ne sentiva parlare molto bene ovunque ed era una meta consigliata da molti pescatori. Giunti

Domenica 17 aprile si è svolta presso il lago “La trota nel birreto” di Corno Giovine (LO) la gara di chiusura della stagione alla trota organizzata dalla società “Travacon” di Fombio. Nel lago sono state immesse circa 110 kg di trotelle di piccola taglia (circa 8-9 per kg) su cui si sono date battaglia 10 coppie in un settore unico. Al primo impatto la superficie del lago era segnata da poche bollate e da un colore torbido dell’acqua dovuto alla prima semina in settimana di tinche e pesci gatto che  faceva presagire una gara non velocissima

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: