Nodi

03/02/2018 21:13#1da franziskaner
Nodi - discussione creata da: franziskaner
Ragazzi per curiosità quali sono i nodi che preferite per giuntare la treccia al terminale in fc? E per il moschettone?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

05/02/2018 09:17#2da Bonez
Nodi - Risposta di: Bonez
Ciao, personalmente, per unire il trecciato al fluorocarbon utilizzo per lo più un: "Tony Pena"; mentre per unire il fluorocarbon al moschettone questo:

File allegato:

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

05/02/2018 17:57#3da franziskaner
Nodi - Risposta di: franziskaner
Grazie! Per la girella pure io uso il clinch,per treccia - fluoro in genere uso l'albright ma potrei provare il tony pena...ti sei trovato meglio che con altri o hai sempre usato quello per comoditá?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

06/02/2018 09:36#4da Bonez
Nodi - Risposta di: Bonez
Direi che anche l'albright è un ottimo nodo, se eseguito correttamente. Personalmente utilizzo per lo più il Tony per abitudine e quindi "semplicità" realizzativa.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

08/02/2018 07:11#5da franziskaner
Nodi - Risposta di: franziskaner
Lo stesso posso dire per l'albright,alla fine uso quello perchèè molto semplice e finora problemi non ne ho avuti.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.053 secondi

Il vetrino: definito anche “ghost” (fantasma), proprio per la sua trasparenza e conseguente mimetismo in acqua, non è altro che una zavorra, simile al classico piombino, ma costruito in vetro, la cui principale caratteristica è quella di dimezzare, all’incirca, il proprio peso specifico una volta che esso viene immerso in acqua. Ad esempio, a differenza di un piombino da 4gr il quale una volta in acqua mantiene il proprio peso, un vetrino che pesa 4gr sulla bilancia affonderà in acqua come fosse un piombino da 2gr. Questa particolarità consente di raggiungere la stessa distanza di

Un accessorio indispensabile per chiunque pratichi la pesca della trota in lago è, senza dubbio, il: cesto porta trote. La sua funzione principale è probabilmente quella di contenere le nostre catture ma, grazie alla presenza di alcune sacche e scatole termiche ci consente di avere comodamente con noi anche le nostre esche e tutta la minuteria di cui abbiamo bisogno sul luogo di pesca. Un tempo si trovavano in commercio quasi esclusivamente cestelli portapesci fatti a cavalletto e dotati di una tracolla per il trasporto. L’evoluzione ha poi portato a modelli aventi una struttura in

A differenza di quanto possa trapelare dal suo aspetto minaccioso, il luccio è un pesce estremamente delicato. Ecco perché una volta allamato e dato che lo DOBBIAMO rilasciare, è meglio recuperarlo velocemente (a meno che non sia stato catturato ad una discreta profondità). Una volta nel guadino, nonostante possano sussistere buone intenzioni, soprattutto quando si ha poca esperienza alle spalle, può capitare si commettano gravi errori nel maneggiare un luccio. Occorre quindi essere ben preparati e consapevoli del fatto che: oltre alla successiva sopravvivenza del pesce vi è in gioco anche l’incolumità delle nostre dita.

Durante i mesi più caldi dell'anno, le trote, che non sopportano acque calde e carenti di ossigeno, si spingono in profondità alla ricerca di acqua fresca ed ossigenata. Siamo quindi consapevoli del fatto che, in laghi grandi e profondi, durante l’estate, dovremo pescare con una lenza a bombarda, recuperata a profondità indicative di circa 15 metri mantenendo l’esca all’interno della “corsia di navigazione”. L’elevata profondità alla quale dovremo pescare unita alla non indifferente velocità di affondamento delle bombarde che dovremo utilizzare ed al fatto che, purtroppo, non avremo modo di appurare con certezza se staremo effettuando

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: