Di nuovo a Trote dopo 40 anni

17/03/2018 10:16 #1 da fcr62
Di nuovo a Trote dopo 40 anni - discussione creata da: fcr62
Buongiorno a tutti e, innanzi tutto, chiedo scusa se ho sbagliato qualcosa nell'utilizzo del forum ma... è la prima volta :-)
Come da titolo, ho deciso di tornare a pescar Trote per laghetti dopo 40 anni! L'obiettivo è quello di divertirmi come facevo da adolescente.
Per andare al sodo, ecco la mia domanda o le mie domande.
I laghetti che frequenterò sono quelli romani (sono, appunto, di Roma), quindi laghetti non molto grandi e con acqua non certo cristallina. Il primo laghetto in cui sono andato è Mezzaluna e mi sono trovato decisamente bene. Altri consigli?
Ho pescato (con soddisfazione) esattamente come facevo da ragazzo: due canne, una da punta (8 metri) e una da lancio con galleggiante, a volte stando fermo, altre recuperando (giocando un po' con una con azione 2-6 grammi e una bolognese da 5 metri max 20 gr).
Sul mulinello o trave 0.22 con il galleggiante (punta 3 gr, canna da trota 4 gr, bolognase 6 gr); torpilla secca; girella tripla, finale 60 - 100 cm 0.18 fuorocarbon; amo 8 e doppia camola.
Vorrei variare e qui i vostri consigli (ovviamente sono ben accetti anche "rimbrotti" per le montature prima citate...). E' ancora inverno quindi volevo pescare anche a fondo con un saltarello da 7/8 grammi. Qui i primi dubbi: quanto lungo il finale? Doppia camola o altro? Uso un pallino di polistirolo? Fondamentale il recupero? Insomma, che montatura e che tecnica mi consigliate?
E pensando alla primavera e quindi con le Trote a galla, galleggiante e recupero o bombarda galleggiante (G0 o altro?). Ovviamente cambierà la montatura (credo)... In primavera ha ancora senso la canna fissa?
Grazie per la pazienza per l'avermi letto e rimango a fissare il galleggiante del mio messaggio nell'acqua del forum aspettando che vada sotto!
Fernando

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

17/03/2018 12:35 #2 da Zucco
ciao Fernando e ben tornato tra i pescatori di trote!
ti posso dire quello che so sul saltarello, finale max 70cm terminale fluor carbon 0,16 e amino dell 8, recupera senza usare il mulinello ma facendo pompare la canna dal basso verso l'alto, quindi prima parallela all'acqua e poi perpendicolare o quasi, facendo una leggere "tremarella". Dopodichè recupera il filo con il mulinello abbassando la canna contemporaneamente, e re iniziando la stessa procedura. Il polistirolo va bene se usi la camola doppia o singola, con la pasta non ne hai bisogno perchè galleggia da se.Ricordati che in Inverno le trote sono apatiche e tutto questo movimento va fatto lentamente , alternando pause anche di parecchi secondi fra una pompata e l'altra, dipende da come mangiano
Per il resto, canna fissa o meno per la primavera non conoscendo il lago non posso aiutarti , ti posso dire che in primavera per i laghi che frequento io canne fisse non mi sembra di averne mai viste ma sono laghetti medio grandi (nel Milanese) e la bombarda va dal G1 al G4 , le trote sono sia nei pressi della superficie che un paio di metri sotto, dipende da molti fattori.
Io fossi in te non diventeri troppo matto per capire se in primavera è meglio G0 piuttosto che G2, una bombarda anche se fosse G2 , recuperando a canna alta e magari a velocità medio alta ( in primavera si può perchè le trote sono voraci e molto attive)la tua bombarda rimane pressochè a galla.Abbassando la canna invece tende a scendere un pò.
spero di esserti stato utile e....in culo alla trota.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

17/03/2018 14:22 #3 da fcr62
Grazie! Sintetico ed esauriente. Grazie :-) Posso approfittare? Nel laghetto dove sono andato - non piccolissimo ma da poco fondo, 3,5 mt al centro - assistevo con invidia alla pesca di trote enormi (sono arrivati a 4,2kg) - da parte di alcuni ragazzi che pescavano col cucchiaino (e' permesso). Il mio 1,2 kg sembrava una trotina da gara... Non ho mai pescato con il cucchiaino, ondulante e neanche con alcun tipo di artificiale, ma l'idea di litigare un po' con una big mi piace.
Come si fa e che tipo di attrezzatura e montatura serve?
Grazie a te e a tutti!

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.042 secondi

Il vetrino: definito anche “ghost” (fantasma), proprio per la sua trasparenza e conseguente mimetismo in acqua, non è altro che una zavorra, simile al classico piombino, ma costruito in vetro, la cui principale caratteristica è quella di dimezzare, all’incirca, il proprio peso specifico una volta che esso viene immerso in acqua. Ad esempio, a differenza di un piombino da 4gr il quale una volta in acqua mantiene il proprio peso, un vetrino che pesa 4gr sulla bilancia affonderà in acqua come fosse un piombino da 2gr. Questa particolarità consente di raggiungere la stessa distanza di

Tremarella: lo strano nome di questo recupero bene illustra il movimento della canna, che deve, appunto, tremolare incessantemente, con lo scopo di far avanzare a scatti velocissimi l'esca. La tremarella si effettua sia con lenze a piombino, che a catenella che a vetrino. La forma e il peso specifico della zavorra influenzano il comportamento dell’esca sott’acqua. Il recupero si effettua con la sola canna, mentre questa si sposta bisogna far vibrare il vettino e tra un recupero e l’altro il filo in eccesso và recuperato con il mulinello. L’intensità delle vibrazioni e la velocità di spostamento della

Domenica 22 Luglio 2012, presso il bellissimo lago: “Laghi Blu Magenta” di Magenta (MI); ha “preso vita” il 1° Raduno Macinator: ossia una mattinata di pesca trascorsa in compagnia degli utenti di macinator.it. Questa semplice, ma divertente e piacevolissima manifestazione ha avuto inizio alle ore 7:30 del mattino; quando ci siamo ritrovati tutti al bar del lago  per bere un caffè in compagnia e per pagare la quota di ingresso al lago per 4 ore di pesca. Effettuato per ognuno di noi il biglietto di ingresso ci siamo subito precipitati sulla sponda “corta” del lago, esattamente

Domenica 8 maggio noi Macinator: Bonez e Pordo abbiamo partecipato ad una gara a coppie a Quinzano d’Oglio (BS) organizzata dalla società il Cefalo! Si tratta di un laghetto rettangolare piuttosto piccolo che può contenere al massimo 40 concorrenti che pescano contemporaneamente. Per l’occasione sono state immesse 2 quintali di trote che come spesso capita in questo campo di gara, gran parte si sono concentrate  in una zona del lago dove vi è una piccola cascata provocata dall’acqua di un canalino adiacente che alimenta il lago. Le 20 coppie partecipanti, sono state suddivise in 4

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: