gamakatsu 607/8N...quale?

12/03/2014 16:27 - 12/03/2014 16:28 #1 da BELKIN
gamakatsu 607/8N...quale? - discussione creata da: BELKIN
vorrei acquistare i famosi ami gamakatsu specifici x la trota,quale serie mi consigliate 607N 0 608N?.Li userò soltanto in gara e con trote prossime ai 3 etti. :risata
:sonno:sonno

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

12/03/2014 16:33 #2 da Bonez
L'amo è una scelta molto personale; io ad esempio "AMO" i 607N ed odio i 608N che, dopo averli testati anche in gara ed aver sbagliato oltre 15 trote nei primi due turni li ho abbandonati per sempre...

:occhiolino

ciauuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

12/03/2014 16:34 #3 da seivson
sono lo stesso amo solo che il 608 è piegato! per la piegatura è solo questione di gusti.. per come mangiano le trote da 3 etti penso vada bene qualsiasi amo! :risata

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

12/03/2014 16:36 #4 da BELKIN
CAKKIO...15 sono troppe :ko
secondo tè in cosa differiscono;cuvatura,filo,svergolatura..... :thanks

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

12/03/2014 16:39 #5 da Bonez
L'unica differenza tra i due ami stà nelle pieghe che dovrebbero favorire sia la rotazione dell'esca che la ferrata ma a quanto pare non nel mio caso ma ripeto; si tratta di una scelta personale. Ad esempio il mio socio "Pordo" utilizza i 608N e con quelli dice di riuscire a sbagliare meno abboccate...

ciauuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

12/03/2014 16:43 #6 da seivson
Secondo me il fatto di sbagliarle o no va molto a fortuna.. se tengono la bocca chiusa non le sbagli con nessun amo, viceversa se la aprono mentre stai strappando il liscio è quasi assicurato!

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

12/03/2014 16:53 - 12/03/2014 16:55 #7 da BELKIN
per capire...i 607 allora sono dritti oppure hanno una curvatura minore rispetto al 608.Poi se sono dritti del tutto,si possono piegare oppure si rischiano rotture? se non si è capito li preferisco storti però ke siano molto sottili :devil

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

12/03/2014 16:54 #8 da Bonez
Sicuramente il fatto di ferrare a vuoto o slamare le trote non è da imputare esclusivamente all'amo utilizzato ma dipende anche da molti latri fattori, ma se nella stessa situazione, un pescatore che ha maturato una certa esperienza, ferra a vuoto o slama 8 trote su dieci per due volte consecutive e poi sostituendo l'amo ciò non accade più credo si possa stabilire che l'amo utilizzato in precedenza non risultava compatibile con la "mano" del pescatore stesso...

Spero di essermi spiegato; ed ovviamente questo è il mio punto di vista...

ciauuuuuuuz

:occhiolino

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

12/03/2014 16:54 #9 da seivson
sono dritti del tutto. io quando non trovo i 608 prendo i 607 e li piego, mai avuto problemi!
Ringraziano per il messaggio: BELKIN

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

12/03/2014 16:56 #10 da seivson

Bonez ha scritto: Sicuramente il fatto di ferrare a vuoto o slamare le trote non è da imputare esclusivamente all'amo utilizzato ma dipende anche da molti latri fattori, ma se nella stessa situazione, un pescatore che ha maturato una certa esperienza, ferra a vuoto o slama 8 trote su dieci per due volte consecutive e poi sostituendo l'amo ciò non accade più credo si possa stabilire che l'amo utilizzato in precedenza non risultava compatibile con la "mano" del pescatore stesso...

Spero di essermi spiegato; ed ovviamente questo è il mio punto di vista...

ciauuuuuuuz

:occhiolino


concordo che dipenda anche dalla mano!

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.059 secondi

Perché dobbiamo rilasciare il luccio? Il luccio va rilasciato perché questo fantastico predatore sta scomparendo. Soffre l'inquinamento, soffre le reti dei pescatori di professione, soffre la crudeltà dei bracconieri, soffre i cosiddetti: “padellari”; ovvero coloro che non rilasciano nulla. In Italia ne sono rimasti pochi e soltanto in pochissimi ambienti. Quello che un tempo era al vertice della catena alimentare, è ormai diventato solo una cattura occasionale. Partiamo da un dato di fatto: per avere la certezza di non arrecare alcun, seppur minimo, danno ai pesci dovremmo evitare di andare a pesca. Nella pratica del Catch

Sabato 17 settembre 2011, io (Bonez), Cavoz e Soffritto, abbiamo deciso di fare una pescata in un laghetto piccolo e ci siamo così recati al laghetto di Roccafranca (BS). Muniti di navigatore, dato che nessuno di noi era mai stato in quel lago, siamo giunti a destinazione verso le ore 7:10 del mattino e nonostante fosse abbastanza presto, la prima metà del laghetto era già occupata, su entrambe le sponde, da parecchi pescatori. Così, dopo aver effettuato il biglietto, ci siamo posizionati in una posizione quasi “obbligata”; precisamente a circa metà del lago sulla sponda opposta

Sabato 12 Aprile 2014, presso il laghetto: "Il Fontanone New" di Chignolo Po' (PV), si è svolto il tanto atteso: "3° Raduno Macinator": una bellissima giornata da trascorrere in compagnia altri utenti Macinator e della fantastica passione che li accomuna: "La pesca della trota lago". Questa magnifica giornata, dalle favorevoli condizioni meteo, ha avuto inizio verso le ore 7 del mattino quando, uno dopo l'altro, tutti i partecipanti sono giunti sul posto. Fin dall'inizio si "respirava" un'aria di festa che anche il lago stesso sembrava percepire; la sua superficie, infatti, appariva increspata ed in continua

L’aspio: un predatore dalla costituzione massiccia appartenente alla famiglia dei ciprinidi. Originario dell’est Europa dagli ultimi anni del XX secolo è entrato a far parte anche del nostro ecosistema nei fiumi e laghi del centro-nord Italia. Il suo habitat naturale è quello dei grandi fiumi di pianura con acqua a corrente veloce o moderata, ricchi di piccoli ciprinidi che costituiscono le sue prede predilette. L’aspio è un perfetto “game fish”: piuttosto resistente agli stress della pesca, abbocca con violenza e raggiunge taglie molto interessanti. Frequentemente tra i cinquanta ed i settanta centimetri può raggiungere il peso di 9-10 kg

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: