carico di rottura

22/05/2014 14:40 #1 da faustoasso
carico di rottura - discussione creata da: faustoasso
Ciao a tutti .
Volevo chiedere se qualcuno sà come viene misurato il carico di rottura dichiarato sui fili mono o carbon.Questo perchè io per curiosità ho preso 30\40 cm di filo e facendo un paio di asole provo a sollevare un peso(bottiglia con acqua sul kilo e mezzo )e nessun filo sopporta questo peso.Intendo Fluorocarbon che dichiarano 2.3Kg(asso 0.17mm) 2,95Kg(xfluor 0,14mm)e nemmeno il T.D Brave (0,155mm).Sò che ci sono varie tipologie di carico di rottura , ma come viene misurata sui fili da pesca?
Naturalmente non è un grosso problema( ho più problemi a trovare le trote :pianto ) è solo per curiosità.
Grazie anticipate a chi mi illuminerà :bye

Fausto

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/05/2014 15:10 #2 da Teobet87
carico di rottura - Risposta di: Teobet87
Ma dove ti si rompono? Sul nodo o sul filo dritto?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/05/2014 15:25 #3 da paolino76
carico di rottura - Risposta di: paolino76
Per fare un test abbastanza attendibile per sapere il reale carico di rottura di un filo da pesca devi:
- srotolare 2 o più metri di filo dalla bobina;
- fare una'asola ai 2 capi del filo;
- collegare l’asola ad un punto fisso;
- collegare l'altra asola a un dinamometro;
- tirare il dinamometro fino alla rottura del filo......

A questo punto leggi il peso registrato sul monitor del dinamometro.....

PS: Se vuoi approfondire leggi qui:

www.efttalinecharter.com/it

:bye :bye :bye

ADP Laghi Verdi (Inverigo) TEAM DAIWA

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/05/2014 15:52 #4 da xxxgrimox
carico di rottura - Risposta di: xxxgrimox
solitamente è lineare e non al nodo,
io non mi scervellerei sul carico di rottura, purtroppo alcuni carichi sono falsati a mio parere

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/05/2014 16:04 #5 da faustoasso
carico di rottura - Risposta di: faustoasso
Si si.... non stò a scervellarmi era solo cosi per capire.

@Teobet87-non al nodo sul filo diritto

@paolino76-non dispongo di dinamometro ma immagino che 1,5kg siano sempre 1,5 a bilancia come su dinamometro.Appena ho tempo approfondisco al link che gentilmente mi dai.

@xxxgrimox-mi sa che è come dici tu.Non è molto confortante però e mi sembra anche un po strano che certi marchi non dichiarino il reale.


xxxgrimox ha scritto: solitamente è lineare e non al nodo,
io non mi scervellerei sul carico di rottura, purtroppo alcuni carichi sono falsati a mio parere


Fausto

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/05/2014 16:13 #6 da xxxgrimox
carico di rottura - Risposta di: xxxgrimox

faustoasso ha scritto: Si si.... non stò a scervellarmi era solo cosi per capire.

@Teobet87-non al nodo sul filo diritto

@paolino76-non dispongo di dinamometro ma immagino che 1,5kg siano sempre 1,5 a bilancia come su dinamometro.Appena ho tempo approfondisco al link che gentilmente mi dai.

@xxxgrimox-mi sa che è come dici tu.Non è molto confortante però e mi sembra anche un po strano che certi marchi non dichiarino il reale.


xxxgrimox ha scritto: solitamente è lineare e non al nodo,
io non mi scervellerei sul carico di rottura, purtroppo alcuni carichi sono falsati a mio parere


certamente rode, :pianto :pianto poi dopo ci sono ditte più serie rispetto ad altre,
una volta che mi dissero o avevo letto è che le ditte fanno la prova su un campione di 1 metro, forse 30 cm erano pochi, prova 1 metro forse il carico è più veritiero
:bye :bye

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/05/2014 16:23 #7 da paolino76
carico di rottura - Risposta di: paolino76

xxxgrimox ha scritto:

faustoasso ha scritto: Si si.... non stò a scervellarmi era solo cosi per capire.

@Teobet87-non al nodo sul filo diritto

@paolino76-non dispongo di dinamometro ma immagino che 1,5kg siano sempre 1,5 a bilancia come su dinamometro.Appena ho tempo approfondisco al link che gentilmente mi dai.

@xxxgrimox-mi sa che è come dici tu.Non è molto confortante però e mi sembra anche un po strano che certi marchi non dichiarino il reale.


xxxgrimox ha scritto: solitamente è lineare e non al nodo,
io non mi scervellerei sul carico di rottura, purtroppo alcuni carichi sono falsati a mio parere


certamente rode, :pianto :pianto poi dopo ci sono ditte più serie rispetto ad altre,
una volta che mi dissero o avevo letto è che le ditte fanno la prova su un campione di 1 metro, forse 30 cm erano pochi, prova 1 metro forse il carico è più veritiero
:bye :bye



30 cm sono pochissimi!!!!!!! la prova, secondo mè, và fatta su uno spezzone di filo di almeno 2 metri.... questo per dare la possibilità al filo di sfruttare a pieno le doti di elasticità che è fondamentale per la resistenza del filo stesso....

:bye :bye :bye

ADP Laghi Verdi (Inverigo) TEAM DAIWA

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/05/2014 16:45 #8 da mess
carico di rottura - Risposta di: mess

xxxgrimox ha scritto: solitamente è lineare e non al nodo,
io non mi scervellerei sul carico di rottura, purtroppo alcuni carichi sono falsati a mio parere


anche io sono di questo parere.
e poi andrebbe dichiarato se il carico di rottura è attivo o passivo.
Per farti capire una corda per arrampicare viene venduta con un carico di rottura di 25KN (circa 2500 Kg) che però in caso di caduta, ovvero se un arrampicatore cade e ci rimane appeso (carico dinamico) il carico di rottura dichiarato è 8KN (circa 800Kg).
Fai tu ... :occhiolino :occhiolino :occhiolino

La Verità è quello a cui scegli di credere

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/05/2014 16:54 #9 da xxxgrimox
carico di rottura - Risposta di: xxxgrimox

mess ha scritto:

xxxgrimox ha scritto: solitamente è lineare e non al nodo,
io non mi scervellerei sul carico di rottura, purtroppo alcuni carichi sono falsati a mio parere


anche io sono di questo parere.
e poi andrebbe dichiarato se il carico di rottura è attivo o passivo.
Per farti capire una corda per arrampicare viene venduta con un carico di rottura di 25KN (circa 2500 Kg) che però in caso di caduta, ovvero se un arrampicatore cade e ci rimane appeso (carico dinamico) il carico di rottura dichiarato è 8KN (circa 800Kg).
Fai tu ... :occhiolino :occhiolino :occhiolino


ho capito, la corda in caso di shock violento regge di meno, osi se un filo a posto di metterci un meso a fermo di tot, mettiamo un peso e poi lo lasciamo cadere, lo shock sul filo sarà maggiore, intendi qualcosa del genere?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/05/2014 17:01 - 22/05/2014 17:03 #10 da paolino76
carico di rottura - Risposta di: paolino76

mess ha scritto:

xxxgrimox ha scritto: solitamente è lineare e non al nodo,
io non mi scervellerei sul carico di rottura, purtroppo alcuni carichi sono falsati a mio parere


anche io sono di questo parere.
e poi andrebbe dichiarato se il carico di rottura è attivo o passivo .
Per farti capire una corda per arrampicare viene venduta con un carico di rottura di 25KN (circa 2500 Kg) che però in caso di caduta, ovvero se un arrampicatore cade e ci rimane appeso (carico dinamico) il carico di rottura dichiarato è 8KN (circa 800Kg).
Fai tu ... :occhiolino :occhiolino :occhiolino


secondo mè è esattamente il contrario della corda da arrampicata per via della ELASTICITA' del filo da pesca, elasticità che la corda NON ha.....
guarda questa tabella:

www.tubertini.it/scheda_prodotto.php?id=745&tipologia=25&sezione=4

PS: avete provato a ferrare violentemente vicino a riva e a fare la stessa cosa con fuori 30 m di filo? cosa succede?

:bye :bye :bye

ADP Laghi Verdi (Inverigo) TEAM DAIWA

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.063 secondi

In questo articolo mi limito a rendere pubblico un ritaglio di giornale tratto dal quotidiano: "Il Cittadino del lodigiano" www.ilcittadino.it edizione di Sabato 10 Marzo 2012 e dedicato alla prima gara a trote organizzata dalla A.S.D. Pescasport Graffignana presso il laghetto: "La Trota nel Birreto" di Corno Giovine (LO). {gallery width=400 height=500 captions=boxplus.hover}notizie_giornale/1_gara_coppie_graffignana.jpg{/gallery}

Costruito in svariate forme, differenti materiali e di diverse grammature; il galleggiante, comunemente chiamato anche: “ tappo”, può essere considerato uno dei “simboli” della pesca. Chiunque debba crearsi un’immagine di pesca lo farà, con tutta probabilità, pensando anche ad un galleggiante. Il suo compito è quello di trattenere la lenza ad una profondità prestabilita e di segnalare al pescatore le abboccate del pesce, immergendosi. Nonostante l’immagine del galleggiante sia comunemente associata ad un tipo di pesca “statica”, da qualche tempo, esso ha trovato largo impiego anche nel settore trota lago, agonistico e non solo. Molti

Domenica 03/07/2011 io (Bonez) e Pordo abbiamo deciso di macinare pochi chilometri e concederci qualche ora di sonno in più; così invece di recarci in un grosso lago estivo, distante da casa, abbiamo scelto di fare una pescata nel laghetto di Pandino (CR). Si tratta di un laghetto di piccole dimensioni, profondo al massimo 5 metri e caratterizzato da un’acqua molto fredda e limpida, facente parte di un grosso complesso di acquacoltura, costituito da vasche in cemento, nelle quali vengono allevate diverse specie di pesci tra cui le trote. La struttura è circondata da un

Un magnifico lago, come quello di Langhirano, meritava senza dubbio un evento altrettanto speciale; così, la società di pesca sportiva: La Fabiola e grazie al particolare contributo di Gianluca Petrolini (utente petro475) hanno deciso di organizzare per domenica 09 Giugno 2013 un particolare evento denominato: "Trout Mania". Ossia una gara di pesca alla trota aperta a 75 coppie che si sono confrontate pescando alternativamente sullo stesso picchetto trovandosi dinnanzi a ben 15 quintali di trotelle di taglia 120-130 grammi e che la mattina dell'evento hanno dato vita ad un "tappeto" distribuito piuttosto uniformemente su tutto

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: