mantenere fili e anelli nel tempo

24/08/2014 21:30#1da da_lele
ciao a tutti qual è il miglior modo di conservare nel tempo anelli e fili in bobina??? un grazie anticipato

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

24/08/2014 21:46#2da xxxgrimox
per gli anelli basta spolverarli con uno straccetto, visto che esistono diversi materiali con cui gli anelli sono fatti, da questi dipende la durata dell'anello, che è bene sceglierlo in base a cosa si usa in lenza (se usi il trecciato meglio usare dei sic o altri ancora più duri)

per il filo in bobina, bhè a parte un corretto imbobinameno,
ti suggerisco di tenere i mulinelli all'ombra e mai alla luce diretta del sole, possibilmente in una scatola che coperchi ben isolata dalla luce oppure in stanze non troppo illuminate direttamente dal sole, questo quando sei a casa,
quando sei a pesca, se possibile metti le canne di riserva o in macchina all'ombra oppure se le metti fuori cerca sempre di poterle tenere sotto una pianta o coperte all'ombra di qualche capanninna o straccio, per evitare che il sole cuocia il filo sul mulinello,

quella con cui peschi non penso che subisca troppi danni anche perche mano a mano gli arriva il filo bagnato spira dopo spira
Ringraziano per il messaggio: da_lele

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

25/08/2014 11:24#3da overkill
aggiungo a quello gia detto da xxxgrimox, quando finisci la pescata, sarebbe buona cosa fare un lancio senza esca più lontano che riesci ed effettua il recupero mantenendo il filo con uno straccio pulito (come quando si imbobina nuovo x capirci) facendolo passare in modo che non resti in tensione solo che ci sfreghi sopra x pulirlo. l'acqua di molti laghi ti lascia una patina sul filo che ne velocizza il deterioramento

nicola bs

termovapor majora intelligent fishing
Ringraziano per il messaggio: xxxgrimox, da_lele

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.044 secondi

Indipendentemente dalla stagione, in presenza di laghi di piccole dimensioni o comunque in tutti i casi in cui le trote stazionano nei primi 20-30 metri d’acqua dalla sponda, una lenza a piombino o una a catenella costituiscono una delle soluzioni migliori, e più redditizie, per la pesca alla trota in lago."Piombo"è il termine più diffuso, molto generalizzato, che l'agonista, o comunque la maggior parte dei pescatori, utilizza per far riferimento alla zavorra che si utilizza per la costruzione di una lenza. Come dice la parola stessa, si tratta di un cilindretto di piombo,

Ancora una volta: Daiwa, una delle aziende leader nel commercio di attrezzatura ed accessori per la pesca in generale o meglio, più nello specifico: "Daiwa Italy", grazie all'esperienza ed alla collaborazione del grande "Maestro" Fausto Buccella ha dato vita ad una nuovissima serie di canne per la trota lago destinata ad un'ampia clientela di agonisti ma non solo. Questa nuova serie di ben 19 canne che prende il nome di: "Theory Super Slim" o più brevemente: "Theory"è stata infatti studiata e commercializzata per colmare il divario qualitativo ed economico presente tra due importanti serie

Tipicamente un pesce solitario, territoriale ed aggressivo, staziona spesso al riparo tra la vegetazione scrutando l’ambiente circostante in attesa della sua preda. Ha un comportamento di caccia molto tipico; è in grado di rimanere fermo nell’acqua muovendo i raggi finali delle pinne dorsali e le pinne pettorali. Il luccio ha l’abitudine di sferrare il suo attacco aggredendo la preda lateralmente. Una volta stretta nella morsa della sua bocca, grazie ai suoi oltre 600 affilatissimi denti, rivolti all’indietro, la immobilizza per poi “girarla” ed inghiottirla. Si alimenta di altri pesci, rane, topi ed è anche affetto da

Ti sei mai trovato in presenza di trote, particolarmente svogliate, che stazionano ferme in superficie e che ignorano qualsiasi cosa gli passi davanti? In situazioni come questa, il mio consiglio è quello di provare ad innescare una camola alla "svizzera". Il suon innesco è piuttosto semplice: si inizia infilando l'amo a circa metà della pancia per poi far fuoriuscire la punta dalla coda o dalla testa (a seconda della direzione dell'innesco).   Fai ATTENZIONE! Si tratta di un innesco particolarmente delicato che richiede un po' di esperienza, e la dovuta accortezza, sia nella fase di innesco che durante il

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: