Asso tapered Shock Leader

18/09/2014 09:32#1da gioy_80
Asso tapered Shock Leader - discussione creata da: gioy_80
Ciao a tutti

Ieri sera ho imbobinato il nuovo mulinello, insieme a questo avevo ordinato anche 300 metri di Jtm Proton da 0.18 e avevo preso, soprattutto perchè mi incuriosiva, una bobina di Asso tapered shock leader 0.23/057, fornito in 5 spezzoni da 15 metri... non capivo perchè questa doppia misura... finchè ieri sera non l'ho aperto.

Praticamente gli spezzoni sono "conici"... cominciano in sezione 0.23 e si inspessisce fino ad arrivare allo 0.57. Geniale, come avevo fatto a non capirlo? :sbadato

Ora, io chiaramente il nodo di sangue l'ho fatto nella parte più fine, ovvero 0.23... e per il momento ho lasciato montato tutti i 15 metri, e verso la fine diventa 0.57... uno spessore a dir poco imbarazzante, se consideriamo che andrò a lanciare bombarde da 20-25-30 grammi... 35 se proprio vogliamo esagerare.

A questo punto, visto che stasera/domani sera volevo continuare il lavoro e fare la montatura con la bombarda, io sarei tentato di lasciare soltanto i primi 9-10 metri visto che la canna è lunga 4,50 metri... e tagliare gli ultimi 5 metri dove lo spessore diventa davvero troppo.

Che ne pensate? Qualcuno ha avuto esperienza con questo prodotto? Visto così sembra carino... soprattutto perchè il nodo di sangue viene fatto dove il filo è fine, quindi anche il nodo di sangue risulta più sottile e dovrebbe fare meno attrito sugli anelli... anche se credo di aver sbagliato la misura, forse era meglio prendere quello da 0.20-057... ma ormai...

Carpe diem... trote gnam!
File allegato:

File allegato:

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

18/09/2014 09:56#2da Bonez

gioy_80 ha scritto: A questo punto, visto che stasera/domani sera volevo continuare il lavoro e fare la montatura con la bombarda, io sarei tentato di lasciare soltanto i primi 9-10 metri visto che la canna è lunga 4,50 metri... e tagliare gli ultimi 5 metri dove lo spessore diventa davvero troppo.


:ok

Il mio consiglio è di fare come hai detto...

ciauuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

18/09/2014 11:31#3da Carlitos
Se poi vuoi far un nodo di giunzione più snello e ottimo in termini di tenuta, ti consiglio di fare l' albright special, se eseguito a regola rimane conico e scorre perfettamente , vantaggio non da poco considerata la dimensione degli anelli da trota lago, in gara a surf casting usavamo praticamente solo quello...

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

18/09/2014 21:06#4da giank1966
0,18 in bobina e shock leader dello 0,23 per il venti grammi è esageratamente prudenziale!!!
Io con lo 0,16 in bobina metto lo 0,22 di shock solo con le bombarde dal 25 grammi in poi.

In ogni caso giusta l'idea di togliere i metri dello 0,57 :ok

ADP Laghi Verdi (Inverigo) TEAM DAIWA

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

19/09/2014 00:21#5da Giorgio
L'Asso tapered shock leader nasce per uso marino come tutti i tapered,vedi surfcasting ,comunque uso i Tapered anche di altre marche che permettono di unire uno 0,16 ad uno 0,16 tapered con le ovvie facilitazioni nel nodo ; che risulta piu' piccolo e di migliore tenuta e facilita' di realizzazione.

Giusta l'idea di tagliare lo 0,57...:ok

Ciao :bye:bye

Gli Dei, non sottraggono all'uomo ,il tempo trascorso a pescare.

Proverbio Assiro-Babilonese

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

19/09/2014 08:16 - 19/09/2014 08:19#6da gioy_80
Eh, infatti... avrei fatto sicuramente meglio a prendere piuttosto il 0.20-0.57, sempre tagliando gli ultimi 5 metri, e sarebbe stato comunque molto prudenziale dal momento che già dopo un metro comincia a inspessirsi, e facilmente i primi 3-4 metri sono ancora ancora in bobina quando si lancia (la distanza cimino-bombarda in fase di lancio è molto meno della intera lunghezza della canna). Vabbè, ormai è fatta... la prossima volta, a meno di non prendere un normalissimo 0.20-0.22 come fan tutti, starò su qualcosa di più fine.

Carpe diem... trote gnam!
File allegato:

File allegato:

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

19/09/2014 22:04#7da gioy_80
Fatto... a canna aperta e filo fuori che passa negli anelli ho fatto arrivare il nodo di sangue al rullino dell'archetto, dati 6-7 giri di manovella, messo il filo che esce dal cimino teso e parallelo alla canna tornando verso la base e tagliato all'altezza della base della canna stessa, o forse gli ho lasciato una decina di cm in più pensando al nodo da fare poi... così sono arrivato ad avere circa la lunghezza del doppio della canna di shock leader. Misurando a braccia il filo avanzato che ho tagliato via, sono circa 7-8 metri... quindi gli spezzoni non erano realmente da 15 metri, ma un pò di più. Va bene sbagliarsi di 30-50 cm, ma di 2-3 metri è un pò troppo. Oppure mi hanno ciulato sulla lunghezza della canna.:spancia

La cosa imbarazzante è la capacità di memoria e di imparruccamento che ha sto filodimmerda nei metri dove è più spesso (ora tagliati)... dopo 3 giorni che era sul mulo bloccato con la clip del mulo stesso, appena l'ho fatto scorrere fuori dal mulo continuava ad attorcigliarsi su sè stesso... ora non sembra farlo più, anche perchè lo spezzone rimasto è più fine... domani se tutto va bene lo provo in pesca e vediamo

Carpe diem... trote gnam!
File allegato:

File allegato:

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.048 secondi

Sabato 17 settembre 2011, io (Bonez), Cavoz e Soffritto, abbiamo deciso di fare una pescata in un laghetto piccolo e ci siamo così recati al laghetto di Roccafranca (BS). Muniti di navigatore, dato che nessuno di noi era mai stato in quel lago, siamo giunti a destinazione verso le ore 7:10 del mattino e nonostante fosse abbastanza presto, la prima metà del laghetto era già occupata, su entrambe le sponde, da parecchi pescatori. Così, dopo aver effettuato il biglietto, ci siamo posizionati in una posizione quasi “obbligata”; precisamente a circa metà del lago sulla sponda opposta

L’aspio: un predatore dalla costituzione massiccia appartenente alla famiglia dei ciprinidi. Originario dell’est Europa dagli ultimi anni del XX secolo è entrato a far parte anche del nostro ecosistema nei fiumi e laghi del centro-nord Italia. Il suo habitat naturale è quello dei grandi fiumi di pianura con acqua a corrente veloce o moderata, ricchi di piccoli ciprinidi che costituiscono le sue prede predilette. L’aspio è un perfetto “game fish”: piuttosto resistente agli stress della pesca, abbocca con violenza e raggiunge taglie molto interessanti. Frequentemente tra i cinquanta ed i settanta centimetri può raggiungere il peso di 9-10 kg

Sabato 13 Aprile 2013, presso il bellissimo laghetto: "Al Tiro" di Martinengo (BG), si è svolto il tanto atteso: "2° Raduno MACINATOR"; ossia, per chi non lo sapesse, una bellissima giornata in compagnia di tutti gli utenti di questo sito che decidono liberamente di partecipare per una pescata di gruppo, con lo scopo di aiutarsi, conoscersi meglio di persona e scambiarsi consigli sulla pesca della trota e non solo. L'organizzazione dell'evento ha avuto inizio mesi prima ed è stata ufficializzata in data 6 Marzo 2013; giorno in cui si sono aperte le iscrizioni a chiunque

Concentrandosi sulla pesca a corta distanza si sceglierà una lenza a piombino, prediligendo uno “slim” (2-4gr): un piombo dalla forma allungata che affonderà più lentamente rispetto ad uno “Short”: piombo dalla forma tozza; per effettuare un recupero molto veloce a pelo d’acqua ed in presenza quindi di trote particolarmente voraci e “veloci”. Se le trote faticheranno ad inseguire esche recuperate troppo velocemente, o se si riceveranno parecchi “rifiuti” in fase di abboccata, sarà necessario “ammorbidire” la lenza e diminuire la velocità di recupero e si passerà quindi ad una lenza a catenella di styls o

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: