filo daiwa megaforce

21/10/2014 17:11 #1 da Nicola2000
filo daiwa megaforce - discussione creata da: Nicola2000
ciao a tutti.
qualcuno ha provato o ha sentito parlare di questo monofilo
me lo consigliate??
ciaooooo :thanks:bye


-il mio canale YouTube:
bit.ly/NicoDuker

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/10/2014 09:22 #2 da crandazzo
Ciao io lo ho provato quando ho fatto le prime pescate (a giugno) e mi sembrava buono (da inesperto).
Adesso (che non sono ancora esperto, ma sono un po' meno inesperto) l'ho sostituito con del jtm proton e con del Traducco Diamond race pro e ti garantisco che la differenza c'è, anche solo al tatto lo senti molto più "rugoso" dei fili di qualità superiore.

The Trout Killer

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/10/2014 15:43 #3 da Nicola2000
Ok grazie mille :thanks


-il mio canale YouTube:
bit.ly/NicoDuker

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/10/2014 15:56 #4 da crandazzo

Nicola2000 ha scritto: Ok grazie mille :thanks


:ok:ok

The Trout Killer
Ringraziano per il messaggio: Nicola2000

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.050 secondi

Indipendentemente dalla stagione, in presenza di laghi di piccole dimensioni o comunque in tutti i casi in cui le trote stazionano nei primi 20-30 metri d’acqua dalla sponda, una lenza a piombino o una a catenella costituiscono una delle soluzioni migliori, e più redditizie, per la pesca alla trota in lago. "Piombo" è il termine più diffuso, molto generalizzato, che l'agonista, o comunque la maggior parte dei pescatori, utilizza per far riferimento alla zavorra che si utilizza per la costruzione di una lenza. Come dice la parola stessa, si tratta di un cilindretto di piombo,

Tremarella: lo strano nome di questo recupero bene illustra il movimento della canna, che deve, appunto, tremolare incessantemente, con lo scopo di far avanzare a scatti velocissimi l'esca. La tremarella si effettua sia con lenze a piombino, che a catenella che a vetrino. La forma e il peso specifico della zavorra influenzano il comportamento dell’esca sott’acqua. Il recupero si effettua con la sola canna, mentre questa si sposta bisogna far vibrare il vettino e tra un recupero e l’altro il filo in eccesso và recuperato con il mulinello. L’intensità delle vibrazioni e la velocità di spostamento della

Domenica 26 giugno 2011, io (Bonez), Gio (Pordo) e Teo abbiamo deciso di fare una pescata in compagnia in un bel lago della provincia di Bergamo: il laghetto Smeraldo di Ghisalba (BG). Siamo giunti sul posto verso le 7 di mattina e non conoscendo il lago abbiamo scelto la nostra postazione di pesca recandoci sulla sponda lunga di destra rispetto all’ingresso dato che era la zona più affollata di pescatori, indice quindi del fatto che le postazioni più redditizie erano situate in quella zona e ci siamo così fermati nel primo spazio libero, situato a

Un accessorio indispensabile per chiunque pratichi la pesca della trota in lago è, senza dubbio, il: cesto porta trote. La sua funzione principale è probabilmente quella di contenere le nostre catture ma, grazie alla presenza di alcune sacche e scatole termiche ci consente di avere comodamente con noi anche le nostre esche e tutta la minuteria di cui abbiamo bisogno sul luogo di pesca. Un tempo si trovavano in commercio quasi esclusivamente cestelli portapesci fatti a cavalletto e dotati di una tracolla per il trasporto. L’evoluzione ha poi portato a modelli aventi una struttura in

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: