• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Come funzionano le maracas della fassa?

  • specialist85
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Giovane Utente
  • Giovane Utente
Espandi
24/11/2014 01:18 #1 da specialist85
Come funzionano le maracas della fassa? - discussione creata da: specialist85
Ciao,so che può essere una domanda stupida ma ne ho comprata una e vorrei sapere come lavora, come va recuperata insomma qual'è il giusto utilizzo e la tecnica giusta.Io ne ho una da 6g della Fassa.
Grazie.

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • DavideC
  • Offline
  • Platino Utente
  • Platino Utente
  • Ti riempio di pesci!!!!
Espandi
24/11/2014 06:26 #2 da DavideC

specialist85 ha scritto: Ciao,so che può essere una domanda stupida ma ne ho comprata una e vorrei sapere come lavora, come va recuperata insomma qual'è il giusto utilizzo e la tecnica giusta.Io ne ho una da 6g della Fassa.
Grazie.


Funziona come tutte le altre... :ok
Individui la posizione delle trote, lanci oltre le bollate, vieni via veloce finché l'esca nn si trova nel punto giusto (nn la maracas, l'esca... calcola quindi 2 mt di terminale), sbacchetti un po' e ti fermi...90 su 100, se hai lanciato in zona branco, vedrai la pallina partire (qua arriva la spiegazione al tuo quesito)... anzi nn la vedi partire perché è trasparente! :ko

IL GABBIANO Team Daiwa Milano

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • specialist85
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Giovane Utente
  • Giovane Utente
Espandi
24/11/2014 08:16 #3 da specialist85
Come funzionano le maracas della fassa? - Risposta di: specialist85
Dunque è un attrezzo da galla buono a sapersi grazie mille.

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
24/11/2014 13:33 - 24/11/2014 13:34 #4 da Halfy
Io non pesco a vista anche se la maracas è ben visibile. Mi comporto come per le bombarde e decido di ferrare guardando il cimino. Se poi quella bombarda è trasparente (è quella di vetro?) allora devi sicuramente fare così.
Qui trovi quello che c'è da sapere
Ultima Modifica 24/11/2014 13:34 da Halfy. Motivo: aggiunta testo

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • DavideC
  • Offline
  • Platino Utente
  • Platino Utente
  • Ti riempio di pesci!!!!
Espandi
24/11/2014 13:36 #5 da DavideC

Halfy ha scritto: Io non pesco a vista anche se la maracas è ben visibile. Mi comporto come per le bombarde e decido di ferrare guardando il cimino. Se poi quella bombarda è trasparente (è quella di vetro?) allora devi sicuramente fare così.


Anche se pescando a galla, nn allineando alla perfezione come quando si pesca sotto, guardare il cimino nn sempre rende...
Ti consiglio di guardare anche il punto in cui il filo tocca l'acqua, perche se la trota mangia male o tocca poco decisa il cimino nn lo vedi muoversi troppo! :ok

IL GABBIANO Team Daiwa Milano
I seguenti utenti hanno detto grazie : Halfy

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
24/11/2014 14:06 #6 da SteDiana91
Come funzionano le maracas della fassa? - Risposta di: SteDiana91
Puoi risolvere parzialmente il problema di non vedere la maracas colorando una parte o tutta la naracas con l uniposca bianco almeno oltre al riferimento del cimino/ filo hai anche quello visivo

A.s.d.p Senago Daiwa

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
24/11/2014 14:14 #7 da Halfy
:brindisi

Davide#21 ha scritto:

Halfy ha scritto: Io non pesco a vista anche se la maracas è ben visibile. Mi comporto come per le bombarde e decido di ferrare guardando il cimino. Se poi quella bombarda è trasparente (è quella di vetro?) allora devi sicuramente fare così.


Anche se pescando a galla, nn allineando alla perfezione come quando si pesca sotto, guardare il cimino nn sempre rende...
Ti consiglio di guardare anche il punto in cui il filo tocca l'acqua, perche se la trota mangia male o tocca poco decisa il cimino nn lo vedi muoversi troppo! :ok

Proverò tanto sono in modalità "esperimenti on" :ok

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • Non Abilitato per creare nuovo argomento.
  • Non Abilitato rispondere.
  • Non Abilitato per modificare il messaggio.

Perché dobbiamo rilasciare il luccio? Il luccio va rilasciato perché questo fantastico predatore sta scomparendo. Soffre l'inquinamento, soffre le reti dei pescatori di professione, soffre la crudeltà dei bracconieri, soffre i cosiddetti: “padellari”; ovvero coloro che non rilasciano nulla. In Italia ne sono rimasti pochi e soltanto in pochissimi ambienti. Quello che un tempo era al vertice della catena alimentare, è ormai diventato solo una cattura occasionale. Partiamo da un dato di fatto: per avere la certezza di non arrecare alcun, seppur minimo, danno ai pesci dovremmo evitare di andare a pesca. Nella pratica del Catch

Ciao a tutti, quest’oggi ho pensato di andare leggermente fuori tema rispetto a cio per qui è nato macinator.it; ossia il fantastico mondo della trota lago scegliendo di raccontarvi un’esperienza piuttosto insolita, ma ovviamente di pesca, vissuta dal nostro “socio”; nonché Amico Teo (gatTeo). Per chi non lo conoscesse infatti, va detto che, il nostro compagno di squadra Teo, si è avvicinato da poco al mondo della trota lago, ma fin da bambino ha sempre avuto una grandissima passione per la pesca in generale. Egli infatti, si diletta spesso praticando differenti tecniche di pesca sia

L’aspio: un predatore dalla costituzione massiccia appartenente alla famiglia dei ciprinidi. Originario dell’est Europa dagli ultimi anni del XX secolo è entrato a far parte anche del nostro ecosistema nei fiumi e laghi del centro-nord Italia. Il suo habitat naturale è quello dei grandi fiumi di pianura con acqua a corrente veloce o moderata, ricchi di piccoli ciprinidi che costituiscono le sue prede predilette. L’aspio è un perfetto “game fish”: piuttosto resistente agli stress della pesca, abbocca con violenza e raggiunge taglie molto interessanti. Frequentemente tra i cinquanta ed i settanta centimetri può raggiungere il peso di 9-10 kg

Laghi di Castello - Castel San Giovanni (PC) - 13/04/2019 Sabato 13 Aprile 2019, presso i Laghi di Castello di Castel San Giovanni (PC), si è svolto l 8° Raduno Macinator. Il Raduno Macinator, NON è una gara ma un'imperdibile: “pescata in compagnia” alla quale possono partecipare sia i più esperti pescatori che tutti coloro che si sono da poco approcciati alla pesca della trota in lago. Al Raduno Macinator è possibile partecipare pescando sia con le varie tecniche dello striscio, che a spinning e trout area. Non trattandosi di una competizione, al termine della pescata, non viene mai effettuato alcun conteggio del pescato

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.