Come funzionano le maracas della fassa?

24/11/2014 01:18 #1 da specialist85
Ciao,so che può essere una domanda stupida ma ne ho comprata una e vorrei sapere come lavora, come va recuperata insomma qual'è il giusto utilizzo e la tecnica giusta.Io ne ho una da 6g della Fassa.
Grazie.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

24/11/2014 06:26 #2 da DavideC

specialist85 ha scritto: Ciao,so che può essere una domanda stupida ma ne ho comprata una e vorrei sapere come lavora, come va recuperata insomma qual'è il giusto utilizzo e la tecnica giusta.Io ne ho una da 6g della Fassa.
Grazie.


Funziona come tutte le altre... :ok
Individui la posizione delle trote, lanci oltre le bollate, vieni via veloce finché l'esca nn si trova nel punto giusto (nn la maracas, l'esca... calcola quindi 2 mt di terminale), sbacchetti un po' e ti fermi...90 su 100, se hai lanciato in zona branco, vedrai la pallina partire (qua arriva la spiegazione al tuo quesito)... anzi nn la vedi partire perché è trasparente! :ko

IL GABBIANO Team Daiwa Milano

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

24/11/2014 08:16 #3 da specialist85
Dunque è un attrezzo da galla buono a sapersi grazie mille.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

24/11/2014 13:33 - 24/11/2014 13:34 #4 da Halfy
Io non pesco a vista anche se la maracas è ben visibile. Mi comporto come per le bombarde e decido di ferrare guardando il cimino. Se poi quella bombarda è trasparente (è quella di vetro?) allora devi sicuramente fare così.
Qui trovi quello che c'è da sapere

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

24/11/2014 13:36 #5 da DavideC

Halfy ha scritto: Io non pesco a vista anche se la maracas è ben visibile. Mi comporto come per le bombarde e decido di ferrare guardando il cimino. Se poi quella bombarda è trasparente (è quella di vetro?) allora devi sicuramente fare così.


Anche se pescando a galla, nn allineando alla perfezione come quando si pesca sotto, guardare il cimino nn sempre rende...
Ti consiglio di guardare anche il punto in cui il filo tocca l'acqua, perche se la trota mangia male o tocca poco decisa il cimino nn lo vedi muoversi troppo! :ok

IL GABBIANO Team Daiwa Milano
Ringraziano per il messaggio: Halfy

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

24/11/2014 14:06 #6 da SteDiana91
Puoi risolvere parzialmente il problema di non vedere la maracas colorando una parte o tutta la naracas con l uniposca bianco almeno oltre al riferimento del cimino/ filo hai anche quello visivo

A.s.d.p Senago Daiwa

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

24/11/2014 14:14 #7 da Halfy
:brindisi

Davide#21 ha scritto:

Halfy ha scritto: Io non pesco a vista anche se la maracas è ben visibile. Mi comporto come per le bombarde e decido di ferrare guardando il cimino. Se poi quella bombarda è trasparente (è quella di vetro?) allora devi sicuramente fare così.


Anche se pescando a galla, nn allineando alla perfezione come quando si pesca sotto, guardare il cimino nn sempre rende...
Ti consiglio di guardare anche il punto in cui il filo tocca l'acqua, perche se la trota mangia male o tocca poco decisa il cimino nn lo vedi muoversi troppo! :ok

Proverò tanto sono in modalità "esperimenti on" :ok

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.056 secondi

  Il luccio: predatore per eccellenza di acqua dolce. Caratterizzato da una bocca particolarmente pronunciata con un “becco” a papera dotato di denti estremamente affilati. Ama sostare al riparo attorno a qualsiasi tipo di vegetazione acquatica in attesa della sua preda nei confronti della quale tende agguati rapidi e violenti. Si nutre di altri pesci, a volte anche di dimensioni simili a se stesso. Può raggiungere delle taglie da capogiro ed innescare duelli molto avvincenti nonché attaccare l’esca con incredibile forza e, non sono rari, anche salti fuori dal pelo dell’acqua. La tecnica di pesca

Venerdì 24 febbraio io(Pordo) e Teo,nonostante l’assenza dovuta al lavoro del Bonez e le indiscrezioni riguardo l’assenza quest’anno di prestigiosi marchi del settore,ci siamo recati a Bologna per assistere al fishingshow 2012! Dopo aver parcheggiato a circa 1,5 km di distanza causa costo dei parcheggi limitrofi la fiera che era di 16 EURO,giunti all’ingresso principale abbiamo potuto constatare che il padiglione dove quest’anno si svolgeva il fishingshow era diverso da quello degli anni precedenti cosi che per raggiungere il padiglione 36 all’ingresso Nord Michelino abbiamo dovuto prendere un trenino gratuito che ci ha accompagnato dinnanzi

A differenza di quanto possa trapelare dal suo aspetto minaccioso, il luccio è un pesce estremamente delicato. Ecco perché una volta allamato e dato che lo DOBBIAMO rilasciare, è meglio recuperarlo velocemente (a meno che non sia stato catturato ad una discreta profondità). Una volta nel guadino, nonostante possano sussistere buone intenzioni, soprattutto quando si ha poca esperienza alle spalle, può capitare si commettano gravi errori nel maneggiare un luccio. Occorre quindi essere ben preparati e consapevoli del fatto che: oltre alla successiva sopravvivenza del pesce vi è in gioco anche l’incolumità delle nostre dita.

E’ ormai trascorso circa un anno dalla nascita delle prime bolognesi a marchio Fassa le quali, presentate in occasione della manifestazione: “pescare Show 2015”, hanno fatto la loro comparsa sul mercato qualche mese dopo. Realizzate in carbonio alto modulo denominato “CTC” unito ad una bassissima percentuale di resine, le Spirit bolo appaiono estremamente leggere, bilanciate e “scattanti”. Per tutti coloro a cui non fosse ancora chiaro: Fassa, studia, progetta, produce e vende attrezzature da pesca da oltre trent’anni ed in passato lo ha fatto commercializzando alcuni suoi prodotti (tra cui le canne da pesca) con

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: