Ami Julia Rod 101 N... Quello chele non ti aspetti.

10/12/2014 10:02 #1 da Carlitos
Mi spiego.... Capita di finire gli ami che usi da sempre e così è stato, i negozi a stretto giro non li trattano, quindi basandomi solo sulla forma e su una piccola sbirciatina all'Interno della bustina ho deciso di prendere questi ami mai usati prima.
Ora la sorpresa...... Punta affilata al punto che nel serrare una legatura valsesiana causa una tirata di troppo mi sono piantato mezzo amo nel dito ( dolore di quelli fatti bene ), per fortuna l'ardiglione è micro e con la santa pazienza sono riuscito ad estrarlo, filo fino e resistenza pazzesca per provarlo tirando a morte con l'occhiello delle forbicine rosse le ho rotte :sbadato.
Visto come bucava ho fatto una serie di legature per provarlo....... Risultato? 37 pesci con lo stesso amo e alla fine bucava più di prima, mai visto nulla del genere e di ami ne ho usati......
Ieri sono andato a prendere tutta la serie ......
Ringraziano per il messaggio: BELKIN

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

10/12/2014 16:05 #2 da ZioPelo
Carlo la prossima volta me li fai provare...

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

10/12/2014 16:41 #3 da crandazzo

The Trout Killer

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

10/12/2014 16:57 #4 da ZioPelo
Al negozio Carlo una bustina l'ha pagata 2 euro e 90. Non mi ricordo se c'erano 20 o 25 ami

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

10/12/2014 17:20 #5 da crandazzo
Io 20 Katana li prendo a 3,30... se fossero 25 la differenza sarebbe sostanziale!! :occhiolino:occhiolino


Mi fate sapere se sono 20 o 25? Grazieee!

The Trout Killer

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

10/12/2014 18:05 #6 da sebatattoo
Anche a me, così se si può ti siano i soldi e prendi qlk bustina anche a noi :risata

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

10/12/2014 21:17 #7 da monda08
Ciao dove posso trovare i julia rod da te descritto

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

10/12/2014 21:38 #8 da BELKIN
metti delle foto se puoi :ok
:thanks:thanks:thanks:thanks:thanks
:bye:bye

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

11/12/2014 08:43 #9 da Carlitos
Per le fotto vedo di provvedere al più presto....
Le bustine sono da 20 ami ma credo di poterle prendere a 2.50
Finisco il giro di consultazione e poi vi aggiorno.
Ringraziano per il messaggio: Aral

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.064 secondi

Tipicamente un pesce solitario, territoriale ed aggressivo, staziona spesso al riparo tra la vegetazione scrutando l’ambiente circostante in attesa della sua preda. Ha un comportamento di caccia molto tipico; è in grado di rimanere fermo nell’acqua muovendo i raggi finali delle pinne dorsali e le pinne pettorali. Il luccio ha l’abitudine di sferrare il suo attacco aggredendo la preda lateralmente. Una volta stretta nella morsa della sua bocca, grazie ai suoi oltre 600 affilatissimi denti, rivolti all’indietro, la immobilizza per poi “girarla” ed inghiottirla. Si alimenta di altri pesci, rane, topi ed è anche affetto da

Costruito in svariate forme, differenti materiali e di diverse grammature; il galleggiante, comunemente chiamato anche: “ tappo”, può essere considerato uno dei “simboli” della pesca. Chiunque debba crearsi un’immagine di pesca lo farà, con tutta probabilità, pensando anche ad un galleggiante. Il suo compito è quello di trattenere la lenza ad una profondità prestabilita e di segnalare al pescatore le abboccate del pesce, immergendosi. Nonostante l’immagine del galleggiante sia comunemente associata ad un tipo di pesca “statica”, da qualche tempo, esso ha trovato largo impiego anche nel settore trota lago, agonistico e non solo. Molti

Tremarella: lo strano nome di questo recupero bene illustra il movimento della canna, che deve, appunto, tremolare incessantemente, con lo scopo di far avanzare a scatti velocissimi l'esca. La tremarella si effettua sia con lenze a piombino, che a catenella che a vetrino. La forma e il peso specifico della zavorra influenzano il comportamento dell’esca sott’acqua. Il recupero si effettua con la sola canna, mentre questa si sposta bisogna far vibrare il vettino e tra un recupero e l’altro il filo in eccesso và recuperato con il mulinello. L’intensità delle vibrazioni e la velocità di spostamento della

Indipendentemente dalla stagione, in presenza di laghi di piccole dimensioni o comunque in tutti i casi in cui le trote stazionano nei primi 20-30 metri d’acqua dalla sponda, una lenza a piombino o una a catenella costituiscono una delle soluzioni migliori, e più redditizie, per la pesca alla trota in lago. "Piombo" è il termine più diffuso, molto generalizzato, che l'agonista, o comunque la maggior parte dei pescatori, utilizza per far riferimento alla zavorra che si utilizza per la costruzione di una lenza. Come dice la parola stessa, si tratta di un cilindretto di piombo,

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: