GIRELLA TRIPLA

15/10/2011 07:55#1da Patrizio
GIRELLA TRIPLA - discussione creata da: Patrizio
Apro questa discussione per sapere di piu' sulle girelle triple...marca ?? misura?? la vostra scelta è sulla base di qualcosa in particolare oppure le comperate cosi'come una vale l'altra? :ok:ok

Patrizio Proietti ASD. TEAM SABINI (TUBERTINI)

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

15/10/2011 15:09#2da Bonez
Re: GIRELLA TRIPLA - Risposta di: Bonez
Ciao Patrizio, per quanto riguarda le girelle triple nessuna marca o accorgimento particolare; personalmente consiglio quelle corte con 3 cuscinetti; io prendo le Vincent con misura a scalare 20-18-16, ma vanno benissimo anche altre marche l'importante è mettere SEMPRE una girella tripla...
Ciauuuuz!

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

15/10/2011 17:23#3da Patrizio
pero' voglio fare una considerazione..non so' se stupida...mettendo la tripla della vincent quella diciamo piu' raccoltà..non si riscia di avere minore rotazione..rispetto alla classica tripla? e non si aumenta il pericolo che la trota attacchi il piombo anzicchè l'esca??

Patrizio Proietti ASD. TEAM SABINI (TUBERTINI)

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

15/10/2011 21:59#4da Bonez
Re: GIRELLA TRIPLA - Risposta di: Bonez
Assolutamente no; anzi, le girelle come quelle della Vincent (più raccolte) ruotano ancora meglio delle vecchie girelle triple (lunghe) e favoriscono quindi sia una migliore rotazione oltre che ridurre la possibilità di aggrovigliamento del terminale. Per quanto riguarda il fatto che le trote possano attaccare il piombo non dipende dal tipo di girella; le possibilità sono le stesse sia con girella compatta che con girella estesa...
Ciauuuuz!

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

16/10/2011 08:50#5da Patrizio
come sempre Bonez preciso e tecnico :applausi:applausigrazie davvero per la spiegazione!!! :ok:ok:ok

Patrizio Proietti ASD. TEAM SABINI (TUBERTINI)

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

16/10/2011 12:52#6da Bonez
Re: GIRELLA TRIPLA - Risposta di: Bonez
Figurati, ci mancherebbe... Se hai bisogno e posso aiutarti son qui...
Ciauuuuuz!

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.047 secondi

L’aspio: un predatore dalla costituzione massiccia appartenente alla famiglia dei ciprinidi. Originario dell’est Europa dagli ultimi anni del XX secolo è entrato a far parte anche del nostro ecosistema nei fiumi e laghi del centro-nord Italia. Il suo habitat naturale è quello dei grandi fiumi di pianura con acqua a corrente veloce o moderata, ricchi di piccoli ciprinidi che costituiscono le sue prede predilette. L’aspio è un perfetto “game fish”: piuttosto resistente agli stress della pesca, abbocca con violenza e raggiunge taglie molto interessanti. Frequentemente tra i cinquanta ed i settanta centimetri può raggiungere il peso di 9-10 kg

Perché dobbiamo rilasciare il luccio? Il luccio va rilasciato perché questo fantastico predatore sta scomparendo. Soffre l'inquinamento, soffre le reti dei pescatori di professione, soffre la crudeltà dei bracconieri, soffre i cosiddetti: “padellari”; ovvero coloro che non rilasciano nulla. In Italia ne sono rimasti pochi e soltanto in pochissimi ambienti. Quello che un tempo era al vertice della catena alimentare, è ormai diventato solo una cattura occasionale. Partiamo da un dato di fatto: per avere la certezza di non arrecare alcun, seppur minimo, danno ai pesci dovremmo evitare di andare a pesca. Nella pratica del Catch

Domenica 8 maggio noi Macinator: Bonez e Pordo abbiamo partecipato ad una gara a coppie a Quinzano d’Oglio (BS) organizzata dalla società il Cefalo! Si tratta di un laghetto rettangolare piuttosto piccolo che può contenere al massimo 40 concorrenti che pescano contemporaneamente. Per l’occasione sono state immesse 2 quintali di trote che come spesso capita in questo campo di gara, gran parte si sono concentrate  in una zona del lago dove vi è una piccola cascata provocata dall’acqua di un canalino adiacente che alimenta il lago. Le 20 coppie partecipanti, sono state suddivise in 4

Sabato 17 settembre 2011, io (Bonez), Cavoz e Soffritto, abbiamo deciso di fare una pescata in un laghetto piccolo e ci siamo così recati al laghetto di Roccafranca (BS). Muniti di navigatore, dato che nessuno di noi era mai stato in quel lago, siamo giunti a destinazione verso le ore 7:10 del mattino e nonostante fosse abbastanza presto, la prima metà del laghetto era già occupata, su entrambe le sponde, da parecchi pescatori. Così, dopo aver effettuato il biglietto, ci siamo posizionati in una posizione quasi “obbligata”; precisamente a circa metà del lago sulla sponda opposta

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: