Gamakatsu 607 vs 608

22/03/2015 07:46 - 22/03/2015 07:47 #1 da fabiuzz
Gamakatsu 607 vs 608 - discussione creata da: fabiuzz
Ciao ragazzi ieri pomeriggio sono andato a pescare e inizialmente avevo sul terminale un amo 607 nel numero 7, poi dopo una decina di catture ho visto che le trote si facevano sempre più diffidenti, quindi ho deciso di cambiare amo, legando un amo 608 n6, dopo aver montato quest'amo ho ciccato circa 3-4 trote di seguito. Secondo voi, dipende dal numero dell'amo o da come uno ferra le trote? (io ferro sempre alzando la canna verso il cielo e non di lato come alcuni pescatori )
:thanks

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/03/2015 12:17 #2 da ZioPelo
Gamakatsu 607 vs 608 - Risposta di: ZioPelo
Le variabili sono tante e quasi sempre soggettive.
Non dici che esca usavi.
Però direi che non è tanto la differenza sul fatto che uno è piegato e l'altro dritto, quanto che hai montato un amo più grande e visto che erano sospettose ti sgamavano
Ringraziano per il messaggio: fabiuzz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/03/2015 13:54 #3 da RomanoPro80
Ciao fabiuzz, a mio modo di interpretare la tua pescata, se fossi stato in te, avrei diminuito la misura dell'amo con
trote diffidenti passando da una misura 7 anche a una misura 10 innescando una camolina singola! per quanto riguarda
l'amo storto o dritto io li utilizzo entrambi trovandomi bene sia con un modello che con l'altro.. unica differenza
quando pratico una pesca lunga a bombarda utilizzando spesso "la gomma" cioe' falcetti .. pesciolini .. ecc. il mio
preferito e' il 607 N teflonato nella misura 5. mi ha sempre dato grandi soddisfazioni!

solo Daiwa e Fassa!!
Ringraziano per il messaggio: fabiuzz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/03/2015 14:20 #4 da xxxgrimox
io avrei aspettato di più a ferrare, se hai visto che erano "strane" apatiche, io le avrei fatte mangiare meglio,
la misura dell'amo io la proporziono sempre all'esca, per me hai fatto bene a mettere quello storto (608n) pesco a striscio solo con quelli, ma avrei aspettato un pò di più, qualche secondo che mangiassero con più decisione
Ringraziano per il messaggio: fabiuzz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/03/2015 14:55 #5 da DavideC
Gamakatsu 607 vs 608 - Risposta di: DavideC

fabiuzz ha scritto: Ciao ragazzi ieri pomeriggio sono andato a pescare e inizialmente avevo sul terminale un amo 607 nel numero 7, poi dopo una decina di catture ho visto che le trote si facevano sempre più diffidenti, quindi ho deciso di cambiare amo, legando un amo 608 n6, dopo aver montato quest'amo ho ciccato circa 3-4 trote di seguito. Secondo voi, dipende dal numero dell'amo o da come uno ferra le trote? (io ferro sempre alzando la canna verso il cielo e non di lato come alcuni pescatori )
:thanks


Io uso quasi esclusivamente 608n storti e teflonati...e sempre in misura 6, scendo con la misura solamente su catena fatta con pezzi 0.3gr e terminale 14, dove metto un 7 e la uso x estrema ricerca.

Per me sbagliavi o il tempo della ferrata o anche il modo...a volte mi è capitato di ciccare tante trote e provando invece a ferrare di lato ricominciare ad allamarle!:ok

Secondo me la misura nn è cosi rilevante...se sei in pesca libera lascia mangiare di più il pesce e vedi che nn le sbagli, se nn riesci a tenere la mangiata prova pure ad aprirgli l'archetto almeno nn sentono per nulla il peso della canna!:bye

IL GABBIANO Team Daiwa Milano
Ringraziano per il messaggio: fabiuzz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/03/2015 18:22 #6 da fabiuzz
Gamakatsu 607 vs 608 - Risposta di: fabiuzz
Grazie a tutti ragazzi, veramente, probabilmente avete ragione, anzi sicuramente, però in realtá non mi fidavo molto a lasciarla mangiare poiché stavo pescando con la gomma, e quindi avevo paura che accorgendoseme avrebbero lasciato. quando successivamente ho messo le camole e poi sono riuscito a rifarne ancora molte.
:thanks

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/03/2015 21:17 #7 da xxxgrimox

fabiuzz ha scritto: Grazie a tutti ragazzi, veramente, probabilmente avete ragione, anzi sicuramente, però in realtá non mi fidavo molto a lasciarla mangiare poiché stavo pescando con la gomma, e quindi avevo paura che accorgendoseme avrebbero lasciato. quando successivamente ho messo le camole e poi sono riuscito a rifarne ancora molte.
:thanks


può essere anche stato un momento è, cioè il cambiamento dell'esca centra poco, magari è stato un piccolo periodo che alle trote girava male, non lo escludo,
ma, come hai confermato, son più propenso a pensare che le lasciavi mangiare poco, la trota va lasciata mangiare, il rifiuto dell'esca in gomma può essere e non può essere (diciamo che non sono ne scettico ma neanche del tutto convinto su questa teoria, sto ancora vedendo perche è un fattore che basta un niente per influenzarlo), lasciala mangiare di più anche con la gomma :ok:ok
se proprio sei dubbioso puoi prenderti uno scent per esche non scentate, (alcune esche che compriamo sono già scentate, altre no) lo scent è un liquido che gli dai una spruzzata/immersione sull'esca e la trota sentendo un bel sapore trattiene un pò più l'esca in bocca, chiaramente può aiutare in caso di trote veramente apatiche e difficili perche il pescatore magari ha quei 2 secondi in più per ferrare, come dico sempre, non fa miracoli ma da un mano

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

23/03/2015 13:19 #8 da tucsteno
Io dopo le lisciate avrei provato a mettere un amo piu piccolo! :bye

A.S.D. Lenza 2009
Ringraziano per il messaggio: RomanoPro80

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

23/03/2015 17:02 #9 da andrea74
io uso solo il 608 della gamakatsu e ho provato il tubertini giemme serie 36 perchè un po' più grande nella stessa misura.

qualcuna si liscia,capita,ma l'ultima pescata con la camola ti portavano via la canna,a gomma se non le lasciavi mangiare le lisciavi tutte.
credo sia più una questione di tempo di mangiata che di dimensione,ma sicuramente se mangiano male meglio scendere che salire

ciao

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

23/03/2015 21:11 #10 da RomanoPro80

tucsteno ha scritto: Io dopo le lisciate avrei provato a mettere un amo piu piccolo! :bye

:applausi:applausi:applausi

solo Daiwa e Fassa!!
Ringraziano per il messaggio: tucsteno

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.314 secondi

Tremarella: lo strano nome di questo recupero bene illustra il movimento della canna, che deve, appunto, tremolare incessantemente, con lo scopo di far avanzare a scatti velocissimi l'esca. La tremarella si effettua sia con lenze a piombino, che a catenella che a vetrino. La forma e il peso specifico della zavorra influenzano il comportamento dell’esca sott’acqua. Il recupero si effettua con la sola canna, mentre questa si sposta bisogna far vibrare il vettino e tra un recupero e l’altro il filo in eccesso và recuperato con il mulinello. L’intensità delle vibrazioni e la velocità di spostamento della

Domenica 11 settembre 2011, presso il laghetto Smeraldo di Langhirano (PR) si è svolta una bellissima gara di pesca alla trota ad invito, aperta a 45 coppie, a cui anche noi Macinator (io Bonez e Pordo) abbiamo partecipato. Per l’occasione sono state immesse la bellezza di 750Kg di trotelle da gara; per un totale di circa 6000 pesci, che al nostro arrivo al lago, verso le 7 del mattino, si trovavano sparse per tutto il lago, appena al di sotto della superficie dell’acqua: praticamente uno spettacolo!!! Non mi soffermo a descrivervi la struttura in quanto

Domenica 17 aprile si è svolta presso il lago “La trota nel birreto” di Corno Giovine (LO) la gara di chiusura della stagione alla trota organizzata dalla società “Travacon” di Fombio. Nel lago sono state immesse circa 110 kg di trotelle di piccola taglia (circa 8-9 per kg) su cui si sono date battaglia 10 coppie in un settore unico. Al primo impatto la superficie del lago era segnata da poche bollate e da un colore torbido dell’acqua dovuto alla prima semina in settimana di tinche e pesci gatto che  faceva presagire una gara non velocissima

Credo che chiunque si sia avvicinato alla trota lago abbia sentito pronunciare gli “storici” nomi che identificano, da sempre, le bombarde affondanti, a marchio Fassa: “Bugiardino”, “Opaco” e “Moretto”. Chi le conosce meglio e le ha adoperate, conoscerà però sicuramente anche i loro punti critici come ad esempio: la scarsa resistenza meccanica e la grossolana precisione di G. Grazie al nostro rapporto di collaborazione, nel corso del 2016, assieme a Fassa, abbiamo così deciso di dar vita ad una nuovissima linea di Bombarde affondanti che prende il nome: “Deep”. Dall’inglese: “in profondità” della serie Deep

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: bonez@macinator.it oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: