Gamakatsu 607 vs 608

22/03/2015 07:46 - 22/03/2015 07:47 #1 da fabiuzz
Gamakatsu 607 vs 608 - discussione creata da: fabiuzz
Ciao ragazzi ieri pomeriggio sono andato a pescare e inizialmente avevo sul terminale un amo 607 nel numero 7, poi dopo una decina di catture ho visto che le trote si facevano sempre più diffidenti, quindi ho deciso di cambiare amo, legando un amo 608 n6, dopo aver montato quest'amo ho ciccato circa 3-4 trote di seguito. Secondo voi, dipende dal numero dell'amo o da come uno ferra le trote? (io ferro sempre alzando la canna verso il cielo e non di lato come alcuni pescatori )
:thanks

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/03/2015 12:17 #2 da ZioPelo
Gamakatsu 607 vs 608 - Risposta di: ZioPelo
Le variabili sono tante e quasi sempre soggettive.
Non dici che esca usavi.
Però direi che non è tanto la differenza sul fatto che uno è piegato e l'altro dritto, quanto che hai montato un amo più grande e visto che erano sospettose ti sgamavano
Ringraziano per il messaggio: fabiuzz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/03/2015 13:54 #3 da RomanoPro80
Ciao fabiuzz, a mio modo di interpretare la tua pescata, se fossi stato in te, avrei diminuito la misura dell'amo con
trote diffidenti passando da una misura 7 anche a una misura 10 innescando una camolina singola! per quanto riguarda
l'amo storto o dritto io li utilizzo entrambi trovandomi bene sia con un modello che con l'altro.. unica differenza
quando pratico una pesca lunga a bombarda utilizzando spesso "la gomma" cioe' falcetti .. pesciolini .. ecc. il mio
preferito e' il 607 N teflonato nella misura 5. mi ha sempre dato grandi soddisfazioni!

solo Daiwa e Fassa!!
Ringraziano per il messaggio: fabiuzz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/03/2015 14:20 #4 da xxxgrimox
io avrei aspettato di più a ferrare, se hai visto che erano "strane" apatiche, io le avrei fatte mangiare meglio,
la misura dell'amo io la proporziono sempre all'esca, per me hai fatto bene a mettere quello storto (608n) pesco a striscio solo con quelli, ma avrei aspettato un pò di più, qualche secondo che mangiassero con più decisione
Ringraziano per il messaggio: fabiuzz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/03/2015 14:55 #5 da DavideC
Gamakatsu 607 vs 608 - Risposta di: DavideC

fabiuzz ha scritto: Ciao ragazzi ieri pomeriggio sono andato a pescare e inizialmente avevo sul terminale un amo 607 nel numero 7, poi dopo una decina di catture ho visto che le trote si facevano sempre più diffidenti, quindi ho deciso di cambiare amo, legando un amo 608 n6, dopo aver montato quest'amo ho ciccato circa 3-4 trote di seguito. Secondo voi, dipende dal numero dell'amo o da come uno ferra le trote? (io ferro sempre alzando la canna verso il cielo e non di lato come alcuni pescatori )
:thanks


Io uso quasi esclusivamente 608n storti e teflonati...e sempre in misura 6, scendo con la misura solamente su catena fatta con pezzi 0.3gr e terminale 14, dove metto un 7 e la uso x estrema ricerca.

Per me sbagliavi o il tempo della ferrata o anche il modo...a volte mi è capitato di ciccare tante trote e provando invece a ferrare di lato ricominciare ad allamarle!:ok

Secondo me la misura nn è cosi rilevante...se sei in pesca libera lascia mangiare di più il pesce e vedi che nn le sbagli, se nn riesci a tenere la mangiata prova pure ad aprirgli l'archetto almeno nn sentono per nulla il peso della canna!:bye

IL GABBIANO Team Daiwa Milano
Ringraziano per il messaggio: fabiuzz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/03/2015 18:22 #6 da fabiuzz
Gamakatsu 607 vs 608 - Risposta di: fabiuzz
Grazie a tutti ragazzi, veramente, probabilmente avete ragione, anzi sicuramente, però in realtá non mi fidavo molto a lasciarla mangiare poiché stavo pescando con la gomma, e quindi avevo paura che accorgendoseme avrebbero lasciato. quando successivamente ho messo le camole e poi sono riuscito a rifarne ancora molte.
:thanks

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/03/2015 21:17 #7 da xxxgrimox

fabiuzz ha scritto: Grazie a tutti ragazzi, veramente, probabilmente avete ragione, anzi sicuramente, però in realtá non mi fidavo molto a lasciarla mangiare poiché stavo pescando con la gomma, e quindi avevo paura che accorgendoseme avrebbero lasciato. quando successivamente ho messo le camole e poi sono riuscito a rifarne ancora molte.
:thanks


può essere anche stato un momento è, cioè il cambiamento dell'esca centra poco, magari è stato un piccolo periodo che alle trote girava male, non lo escludo,
ma, come hai confermato, son più propenso a pensare che le lasciavi mangiare poco, la trota va lasciata mangiare, il rifiuto dell'esca in gomma può essere e non può essere (diciamo che non sono ne scettico ma neanche del tutto convinto su questa teoria, sto ancora vedendo perche è un fattore che basta un niente per influenzarlo), lasciala mangiare di più anche con la gomma :ok:ok
se proprio sei dubbioso puoi prenderti uno scent per esche non scentate, (alcune esche che compriamo sono già scentate, altre no) lo scent è un liquido che gli dai una spruzzata/immersione sull'esca e la trota sentendo un bel sapore trattiene un pò più l'esca in bocca, chiaramente può aiutare in caso di trote veramente apatiche e difficili perche il pescatore magari ha quei 2 secondi in più per ferrare, come dico sempre, non fa miracoli ma da un mano

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

23/03/2015 13:19 #8 da tucsteno
Io dopo le lisciate avrei provato a mettere un amo piu piccolo! :bye

A.S.D. Lenza 2009
Ringraziano per il messaggio: RomanoPro80

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

23/03/2015 17:02 #9 da andrea74
io uso solo il 608 della gamakatsu e ho provato il tubertini giemme serie 36 perchè un po' più grande nella stessa misura.

qualcuna si liscia,capita,ma l'ultima pescata con la camola ti portavano via la canna,a gomma se non le lasciavi mangiare le lisciavi tutte.
credo sia più una questione di tempo di mangiata che di dimensione,ma sicuramente se mangiano male meglio scendere che salire

ciao

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

23/03/2015 21:11 #10 da RomanoPro80

tucsteno ha scritto: Io dopo le lisciate avrei provato a mettere un amo piu piccolo! :bye

:applausi:applausi:applausi

solo Daiwa e Fassa!!
Ringraziano per il messaggio: tucsteno

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.052 secondi

Probabilmente alcuni di voi non ne hanno ancora sentito parlare; altri ne conoscono il nome, magari il design ma nulla di più; e così, in questo articolo, vi voglio presentare una nuova serie di canne da pesca specifiche per la trota lago e realizzate dalla stretta collaborazione tra la ditta: "Majora" ed il giovane campione di pesca trota lago bresciano: Fabio Zeni. Personalmente conosco da parecchio tempo Fabio per nome e per fama, ma, purtroppo, tra differenti impegni agonistici e non, ho avuto modo di conoscerlo meglio soltanto poco tempo fa; quando, tra una chiacchiera

  Il luccio: predatore per eccellenza di acqua dolce. Caratterizzato da una bocca particolarmente pronunciata con un “becco” a papera dotato di denti estremamente affilati. Ama sostare al riparo attorno a qualsiasi tipo di vegetazione acquatica in attesa della sua preda nei confronti della quale tende agguati rapidi e violenti. Si nutre di altri pesci, a volte anche di dimensioni simili a se stesso. Può raggiungere delle taglie da capogiro ed innescare duelli molto avvincenti nonché attaccare l’esca con incredibile forza e, non sono rari, anche salti fuori dal pelo dell’acqua. La tecnica di pesca

 Uno dei più grandi colossi del mondo della pesca: “Daiwa” già presente con differenti “succursali” nei vari paesi del mondo, nel corso del 2014, ha modificato ulteriormente il proprio assetto strutturale ed organizzativo dando vita, anche a: “Daiwa Italy”. Questa strategia commerciale ha avuto quindi impatto anche sulla società italiana che si è sempre occupata di progettare, realizzare e commercializzare canne e prodotti a marchio Team Daiwa: la “Fassa S.p.A.” la quale trasformandosi in: “Fassa S.r.l.” ha scelto di continuare, come del resto ha sempre fatto, a sviluppare canne ed attrezzature per la pesca con

Domenica 15 gennaio 2012 si è disputata la prima di tre prove del 10° campionato invernale a coppie organizzato dalla società Villaclarense presso il laghetto Sultan di Borgo San Giacomo (BS). Le coppie partecipanti a questo torneo sono ben 50 suddivise in 10 settori da 5 concorrenti ciascuno ed i membri di ogni coppia pescano alternativamente su picchetti differenti per un totale di 14 turni di gara, 7 per ciascun agonista. Ieri, così come nelle successive due prove, sono state immessi per l’occasione circa 400Kg di trote di taglia abbastanza piccola che, a causa della

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: