Bugiardino e/o Ramarro

26/05/2015 14:05#1da Pietro
Bugiardino e/o Ramarro - discussione creata da: Pietro
Ciao ragazzi,
il caldo si avvicina e le trote vanno sempre più in profondità, mi sono armato di un bugiardino da 10gr + ramarro sempre da 10.
non ho mai usato questi 2 attrezzi...consiglio su come usarli? in che condizioni?
mi hanno detto di usare prima il bugiardino, se non si prende nulla si passa al ramarro

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/05/2015 14:15#2da Bonez
Ciao Pietro; il ramarro da 10 è una zavorra non facile da manovrare, se non lo hai mai fatto, se non per una pesca a ridosso del fondo; è sufficiente infatti una piccola variazione della velocità di recupero o dell'intensità delle sbacchettate per perdere o guadagnare "quota" ed uscire dalla corsia di navigazione. Anche durante la fase di abboccata, con un ramarro da 10gr, può succedere di effettuare diversi lisci; pertanto il mio consiglio è quello di iniziare un bugiardino da 10gr il quale non è un gioco da ragazzi da tenere in perfetta corsia ma molto più semplice rispetto ad un razzetto da 10GR. Se ti accorgerai poi, di dover raggiungere la profondità desiderata in minor tempo, oppure di dover pescare appoggiato al fondo, oppure che le trote prediligono un recupero "veloce" allora potrai passare al ramarro da 10gr.

ciauuuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/05/2015 14:23#3da robiki
ti ha gia spiegato tutto il,grande capo non c'e niente da aggiungere l'unica cosa secondo me con il ramarro e' piu divertente.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/05/2015 14:36#4da Pietro
il mio problema è "capire" se sto andando oltre la corsia di navigazione...con il bugiardino/ramarro recupero lento o veloce?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/05/2015 14:54#5da WEACK82
Credo che con il bugiardino devi alternare pause e scatti improvvisi , il pesce ha uno stimolo in più per abboccare.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/05/2015 15:06#6da Bonez

Pietro ha scritto: il mio problema è "capire" se sto andando oltre la corsia di navigazione...con il bugiardino/ramarro recupero lento o veloce?


Questo è un po' il problema di tutti soprattutto dei meno esperti... Soltanto con la pratica, l'esperienza e l'eventuale confronto con altri pescatori presenti è possibile capire se si stà gestendo correttamente il recupero oppure no...

ciauuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/05/2015 15:09#7da DavideC

Pietro ha scritto: il mio problema è "capire" se sto andando oltre la corsia di navigazione...con il bugiardino/ramarro recupero lento o veloce?


Nn è tanto la velocità del recupero (anche se il ramarro dev'essere un pesca abbastanza veloce), ma la sbacchettata che anche nelle pause di recupero ti permette di rimanere alto...oppure di tenere la mangiata!:bye

IL GABBIANO Team Daiwa Milano

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/05/2015 16:04#8da Sman
Ho grossi dubbi sulla teoria caldo=a fondo. Lo leggo ovunque ma dove vado io sono a galla e lo erano anche da settembre a novembre poi sono scese col freddo.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/05/2015 16:39#9da robiki
dipende dalla profondita del lago ti posso assicurare che nel giro di 15 giorni nei laghi con profondita intorno ai 15 mt le trote vanno giu
e si peschera con i vari piombi estivi certo che se vai ai carcana il pesce lo trovi a galla anke al mese d'agosto.
ciao mia opinione personale

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/05/2015 16:40#10da Pietro
si sbacchetta a canna alta?
quindi un pò recupero ed un pò sbacchetto?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.057 secondi

Sabato 17 settembre 2011, io (Bonez), Cavoz e Soffritto, abbiamo deciso di fare una pescata in un laghetto piccolo e ci siamo così recati al laghetto di Roccafranca (BS). Muniti di navigatore, dato che nessuno di noi era mai stato in quel lago, siamo giunti a destinazione verso le ore 7:10 del mattino e nonostante fosse abbastanza presto, la prima metà del laghetto era già occupata, su entrambe le sponde, da parecchi pescatori. Così, dopo aver effettuato il biglietto, ci siamo posizionati in una posizione quasi “obbligata”; precisamente a circa metà del lago sulla sponda opposta

Ancora una volta: Daiwa, una delle aziende leader nel commercio di attrezzatura ed accessori per la pesca in generale o meglio, più nello specifico: "Daiwa Italy", grazie all'esperienza ed alla collaborazione del grande "Maestro" Fausto Buccella ha dato vita ad una nuovissima serie di canne per la trota lago destinata ad un'ampia clientela di agonisti ma non solo. Questa nuova serie di ben 19 canne che prende il nome di: "Theory Super Slim" o più brevemente: "Theory"è stata infatti studiata e commercializzata per colmare il divario qualitativo ed economico presente tra due importanti serie

E’ ormai trascorso circa un anno dalla nascita delle prime bolognesi a marchio Fassa le quali, presentate in occasione della manifestazione: “pescare Show 2015”, hanno fatto la loro comparsa sul mercato qualche mese dopo. Realizzate in carbonio alto modulo denominato “CTC” unito ad una bassissima percentuale di resine, le Spirit bolo appaiono estremamente leggere, bilanciate e “scattanti”. Per tutti coloro a cui non fosse ancora chiaro: Fassa, studia, progetta, produce e vende attrezzature da pesca da oltre trent’anni ed in passato lo ha fatto commercializzando alcuni suoi prodotti (tra cui le canne da pesca) con

Accessorio indispensabile per chiunque pratichi la pesca alla trota lago a livello agonistico ma indubbiamente utile anche per il pescatore amatoriale è il: “Cestello portatrote”. Esso, non soltanto, ha il compito di contenere e trasportare le trote ma si rivela, allo stesso tempo, estremamente utile per contenere sia le esche che tutta la minuteria necessaria per la realizzazione delle lenze. Oggi in circolazione ve ne sono moltissimi modelli differenti tra loro, più o meno voluminosi, più o meno capienti, più o meno dotati di “accessori” ed ovviamente più o meno costosi. Non soltanto alcuni tra i

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: