Bugiardino e/o Ramarro

26/05/2015 14:05 #1 da Pietro
Bugiardino e/o Ramarro - discussione creata da: Pietro
Ciao ragazzi,
il caldo si avvicina e le trote vanno sempre più in profondità, mi sono armato di un bugiardino da 10gr + ramarro sempre da 10.
non ho mai usato questi 2 attrezzi...consiglio su come usarli? in che condizioni?
mi hanno detto di usare prima il bugiardino, se non si prende nulla si passa al ramarro

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/05/2015 14:15 #2 da Bonez
Bugiardino e/o Ramarro - Risposta di: Bonez
Ciao Pietro; il ramarro da 10 è una zavorra non facile da manovrare, se non lo hai mai fatto, se non per una pesca a ridosso del fondo; è sufficiente infatti una piccola variazione della velocità di recupero o dell'intensità delle sbacchettate per perdere o guadagnare "quota" ed uscire dalla corsia di navigazione. Anche durante la fase di abboccata, con un ramarro da 10gr, può succedere di effettuare diversi lisci; pertanto il mio consiglio è quello di iniziare un bugiardino da 10gr il quale non è un gioco da ragazzi da tenere in perfetta corsia ma molto più semplice rispetto ad un razzetto da 10GR. Se ti accorgerai poi, di dover raggiungere la profondità desiderata in minor tempo, oppure di dover pescare appoggiato al fondo, oppure che le trote prediligono un recupero "veloce" allora potrai passare al ramarro da 10gr.

ciauuuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/05/2015 14:23 #3 da robiki
ti ha gia spiegato tutto il,grande capo non c'e niente da aggiungere l'unica cosa secondo me con il ramarro e' piu divertente.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/05/2015 14:36 #4 da Pietro
il mio problema è "capire" se sto andando oltre la corsia di navigazione...con il bugiardino/ramarro recupero lento o veloce?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/05/2015 14:54 #5 da WEACK82
Credo che con il bugiardino devi alternare pause e scatti improvvisi , il pesce ha uno stimolo in più per abboccare.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/05/2015 15:06 #6 da Bonez
Bugiardino e/o Ramarro - Risposta di: Bonez

Pietro ha scritto: il mio problema è "capire" se sto andando oltre la corsia di navigazione...con il bugiardino/ramarro recupero lento o veloce?


Questo è un po' il problema di tutti soprattutto dei meno esperti... Soltanto con la pratica, l'esperienza e l'eventuale confronto con altri pescatori presenti è possibile capire se si stà gestendo correttamente il recupero oppure no...

ciauuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/05/2015 15:09 #7 da DavideC

Pietro ha scritto: il mio problema è "capire" se sto andando oltre la corsia di navigazione...con il bugiardino/ramarro recupero lento o veloce?


Nn è tanto la velocità del recupero (anche se il ramarro dev'essere un pesca abbastanza veloce), ma la sbacchettata che anche nelle pause di recupero ti permette di rimanere alto...oppure di tenere la mangiata!:bye

IL GABBIANO Team Daiwa Milano

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/05/2015 16:04 #8 da Sman
Bugiardino e/o Ramarro - Risposta di: Sman
Ho grossi dubbi sulla teoria caldo=a fondo. Lo leggo ovunque ma dove vado io sono a galla e lo erano anche da settembre a novembre poi sono scese col freddo.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/05/2015 16:39 #9 da robiki
dipende dalla profondita del lago ti posso assicurare che nel giro di 15 giorni nei laghi con profondita intorno ai 15 mt le trote vanno giu
e si peschera con i vari piombi estivi certo che se vai ai carcana il pesce lo trovi a galla anke al mese d'agosto.
ciao mia opinione personale

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

26/05/2015 16:40 #10 da Pietro
si sbacchetta a canna alta?
quindi un pò recupero ed un pò sbacchetto?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.054 secondi

  Il luccio: predatore per eccellenza di acqua dolce. Caratterizzato da una bocca particolarmente pronunciata con un “becco” a papera dotato di denti estremamente affilati. Ama sostare al riparo attorno a qualsiasi tipo di vegetazione acquatica in attesa della sua preda nei confronti della quale tende agguati rapidi e violenti. Si nutre di altri pesci, a volte anche di dimensioni simili a se stesso. Può raggiungere delle taglie da capogiro ed innescare duelli molto avvincenti nonché attaccare l’esca con incredibile forza e, non sono rari, anche salti fuori dal pelo dell’acqua. La tecnica di pesca

Laghi di Castello - Castel San Giovanni (PC) - 13/04/2019 Sabato 13 Aprile 2019, presso i Laghi di Castello di Castel San Giovanni (PC), si è svolto l 8° Raduno Macinator. Il Raduno Macinator, NON è una gara ma un'imperdibile: “pescata in compagnia” alla quale possono partecipare sia i più esperti pescatori che tutti coloro che si sono da poco approcciati alla pesca della trota in lago. Al Raduno Macinator è possibile partecipare pescando sia con le varie tecniche dello striscio, che a spinning e trout area. Non trattandosi di una competizione, al termine della pescata, non viene mai effettuato alcun conteggio del pescato

L’aspio: un predatore dalla costituzione massiccia appartenente alla famiglia dei ciprinidi. Originario dell’est Europa dagli ultimi anni del XX secolo è entrato a far parte anche del nostro ecosistema nei fiumi e laghi del centro-nord Italia. Il suo habitat naturale è quello dei grandi fiumi di pianura con acqua a corrente veloce o moderata, ricchi di piccoli ciprinidi che costituiscono le sue prede predilette. L’aspio è un perfetto “game fish”: piuttosto resistente agli stress della pesca, abbocca con violenza e raggiunge taglie molto interessanti. Frequentemente tra i cinquanta ed i settanta centimetri può raggiungere il peso di 9-10 kg

Domenica 8 gennaio 2012 si è svolta la prima di quattro prove del campionato invernale di pesca alla trota in lago che si disputa presso il laghetto Passo Guado in località Quinzano d’Oglio (BS). I partecipanti a questo campionato sono ben 90 concorrenti suddivisi in 45 coppie ed ogni coppia pesca alternativamente sullo stesso picchetto per 9 turni di gara per ciascun agonista costituendo un totale di 18 brevissimi turni di gara. In ognuna delle quattro prove vengono immessi 450kg di trotelle di piccola taglia che, viste le dimensioni ridotte del lago, garantiscono a tutti

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: