Diametro filo fluorocarbon

20/08/2015 09:22#1da Rino
Diametro filo fluorocarbon - discussione creata da: Rino
Buondi'! Vorrei un consiglio sul diametro da prendere per il filo in fluorocarbon, in bobina ho il proton dello 0,16. Avrei pensato di prendere il 0,18 per il terminale in fluorocarbon visto che ha un carico di rottura più basso rispetto al nylon. Voi che ne pensate? :bye

**********
Ettore

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/08/2015 09:29#2da Bonez
Diciamo che normalmente si utilizza uno 0,16 come spezzone terminale di "partenza" poi, in base alla situazione, si aumenta il diametro ad esempio per tirare senza paura in gara o si scende, anche fino allo 0.12, in presenza di trote particolarmente apatiche e difficili al fine di ottenere una presentazione dell'esca il più naturale possibile.

ciauuuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/08/2015 13:26#3da DavideC
Se peschi in libera lo 0.16 va più che bene in ogni situazione...

IL GABBIANO Team Daiwa Milano
Ringraziano per il messaggio: Rino

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/08/2015 14:06#4da xxxgrimox
se non fai gare, il filo del 18 mi pare inutile,
in libera/amatoriale, un 14 o un 16 fluorocarbon va benissimo, quella del carico di rottura è una mezza favola visto che vi sono diversi modi per calcolarlo...quindi quando compri un filo, sia esso da terminale o da bobina, tutto devi guardare meno che il carico di rottura,
io mi preoccuperei che sia il più reale possibile e non sia maggiorato :occhiolino
perche devi considerarci questo, alcuni fili in commercio sono molto maggiorati, altri di meno, ma un minimo di scostamento lo hanno in moltissimi
Ringraziano per il messaggio: Rino

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/08/2015 17:31#5da Rino
Grazie a tutti , sono un novellino per cui non faccio gare. Grazie per la dritta Xxxgrimox

**********
Ettore
Ringraziano per il messaggio: xxxgrimox

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/08/2015 20:47#6da Lucadago
Concordo con Davide. 0,16 :ok
Ringraziano per il messaggio: Rino

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/08/2015 21:12#7da Justo
Il 0.18-16-14 sono i più utilizzati, ma può capitare in situazioni limite di scendere anche allo 0.12-0.10!
Ringraziano per il messaggio: Rino

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/08/2015 08:36#8da Bonez

Rino ha scritto: Grazie a tutti , sono un novellino per cui non faccio gare. Grazie per la dritta Xxxgrimox


Indipendentemente dal fatto che tu faccia gare oppure no, dal mio punto di vista, il discorso è bene o male lo stesso: si parte con uno 0.16 di base ma, se la situazione lo richiede e vuoi ottenere il massimo dalla tua pescata può essere utile e redditizio scendere di diametro.

ciauuuuuuuuuuz
Ringraziano per il messaggio: Rino

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/08/2015 11:39#9da Rino
Si scende di diametro soprattutto per far girare meglio l'esca giusto? Ho visto anche dei topic di Elio 1999 riguardanti il diametro dei fili delle varie case produttrici e ,come detto da Xxxgrimox, la tendenza e' quella di fare dei diametri maggiorati. Questo perche' i produttori tendono a risparmiare sulla qualita' del filo e compensano con un diametro maggiore dal dichiarato o ci sono altre motivi alla base? :bye

**********
Ettore
Ringraziano per il messaggio: xxxgrimox

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/08/2015 11:51#10da Bonez
Nella pesca in movimento, come nel caso dello striscio, la percezione visiva del filo è trascurabile, pertanto si assottiglia il diametro del terminale e si riduce la dimensione ed il "filo" dell'amo per rendere il più naturale possibile il movimento e la rotazione dell'esca.

ciauuuuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.055 secondi

  Il luccio: predatore per eccellenza di acqua dolce. Caratterizzato da una bocca particolarmente pronunciata con un “becco” a papera dotato di denti estremamente affilati. Ama sostare al riparo attorno a qualsiasi tipo di vegetazione acquatica in attesa della sua preda nei confronti della quale tende agguati rapidi e violenti. Si nutre di altri pesci, a volte anche di dimensioni simili a se stesso. Può raggiungere delle taglie da capogiro ed innescare duelli molto avvincenti nonché attaccare l’esca con incredibile forza e, non sono rari, anche salti fuori dal pelo dell’acqua. La tecnica di pesca

Sabato 3 settembre 2011, io (Bonez) assieme al Cavoz, ci siamo recati al lago del Cigno che si trova in via Donzinetti 43 a Borgosatollo (BS): un lago dalle medie dimensioni, ma piuttosto profondo; caratterizzato da un’acqua limpidissima e fresca in grado di ospitare le trote anche durante i periodi più caldi dell’anno. Giunti sul posto, verso le 7:30 del mattino, abbiamo dato uno sguardo generale al lago, analizzando soprattutto le zone più affollate dalla presenza di pescatori, ed abbiamo subito notato che vi era una densa concentrazione di pescatori sulla riva di ghiaia, opposta

 Mercoledì 20 luglio 2011, io (Bonez), Pordo ed un amico siamo andati a testare i Laghi Blu Magenta (MI); si tratta di un lago dalle dimensioni medio/grandi in cui, data la sua grande profondità, si effettua la pesca alla trota tutto l’anno; anche durante i periodi più caldi come quello in cui siamo. Siamo giunti sul posto verso le ore 10 di mattina, dopo una bella macinata di 120 chilometri circa, e dato che era la prima volta in assoluto che ci trovavamo a pescare al Lago Blu Magenta, per quanto riguarda la scelta del

Venerdì 16 Marzo 2012, io (Bonez) e Pordo abbiamo deciso di fare una pescatina pomeridiana e, considerato che avevamo in programma di fare qualche piccolo acquisto dal nostro amico Brandazza di Gragnano, abbiamo deciso di recarci a testare i laghi di Tuna. Questo bel complesso sito a Tuna di Gazzola (PC) è costituito da 3 differenti laghi, ma solamente in uno dei tre si effettua pesca sportiva alla trota; ossia in quello situato sotto la gradinata che si trova immediatamente fuori dal bar. Si tratta di un lago, con un’acqua non particolarmente limpida,  profondo al

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: