• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Amo Gamakatsu raddrizzato

  • Giorgio
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Platino Utente
  • Platino Utente
Espandi
10/11/2015 00:51 #1 da Giorgio
Amo Gamakatsu raddrizzato - discussione creata da: Giorgio
Sono stato testimone di un fatto veramente strano : durante una pescata a striscio un amico ferra una trota molto grossa , pochi secondi si slama.
Recupera e ,udite udite l'amo era stato raddrizzato, :ghiaccio poichè il mio amico giura e spergiura che aveva un 608 N , N°6 vi chiedo a qualcuno e anche a qualcuno del Forum.
A me e' capitato che si spezzassero , magari si stortassero un po' , ma mai che si raddrizzassero.
Ho persino pensato che fossero o Gamakatsu difettosi o peggio tarocchi.............
Voi che ne pensate :bye

Gli Dei, non sottraggono all'uomo ,il tempo trascorso a pescare.

Proverbio Assiro-Babilonese

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • DavideC
  • Offline
  • Platino Utente
  • Platino Utente
  • Ti riempio di pesci!!!!
Espandi
10/11/2015 01:08 #2 da DavideC
Amo Gamakatsu raddrizzato - Risposta di: DavideC
Se l'amo é spuntato e nn riesce a "forare" il labbro, o l'interno della bocca del pesce, e quindi lavora sulla punta, il rischio che si apra é molto alto!:ok

IL GABBIANO Team Daiwa Milano
I seguenti utenti hanno detto grazie : Giorgio

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
10/11/2015 08:24 #3 da Bonez
Amo Gamakatsu raddrizzato - Risposta di: Bonez
Ciao Giorgio, personalmente penso che con tutta probabilità non si trattava di un amo Gamakatsu in quanto proprio per il materiale con il quale viene realizzato il 608N: acciaio A1 Hard al Vanadio e Tungsteno e per le sua curva quasi a gomito risulta praticamente impossibile piegarlo; piuttosto si spezza.

ciauuuuuuuuuuuz
I seguenti utenti hanno detto grazie : Giorgio

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
10/11/2015 08:36 #4 da lucabenve
Amo Gamakatsu raddrizzato - Risposta di: lucabenve
1 ogni 1.000 ami penso sia anche possibile che accada!

infondo basta una piccola imperfezione...non ne farei una questione generale!!!

LUCA BENVENUTI - FIRENZE TROTA LAGO
I seguenti utenti hanno detto grazie : Giorgio

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • maxlo73
  • Offline
  • Platino Utente
  • Platino Utente
  • lake trout fever
Espandi
10/11/2015 09:17 #5 da maxlo73
Amo Gamakatsu raddrizzato - Risposta di: maxlo73
a me non se n'è mi aperto uno
I seguenti utenti hanno detto grazie : Giorgio

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
10/11/2015 10:34 #6 da xxxgrimox
Amo Gamakatsu raddrizzato - Risposta di: xxxgrimox
Uno su tantissimi un amo fallato può anche capitare nessuno è infallibile....dipende anche da come era la penetrazione ..se era arrivata bene in fondo alla curva e quindi la forza si scarica sul gambo... oppure si era fermata sulla punta e la forza si scarica sulla curva e puo capitare con prede i.pegnative che si aprano
Ora non è che i 608n non siano buoni ma metti conto che più e alti il numero di ami prodotti e più e alto il numero di pesci presi allarmati male e più alto è la probabilità che un amo possa capitare fallato .....insomma il colpo di sfortuna capita :ok
I seguenti utenti hanno detto grazie : Giorgio

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
10/11/2015 11:11 #7 da Pizza93
Amo Gamakatsu raddrizzato - Risposta di: Pizza93
Raddrizzato proprio no, ma qualche amo che tende ad aprirsi mi è capitato anche a me. Probabilmente era già un po' aperto (io spesso li aro un po' nello slamare in pesce) e vista la trazione di una big ha ceduto...

Niente è perfetto, ci può stare... Peccato per il pesce

TOP PESCA Maranello
I seguenti utenti hanno detto grazie : Giorgio

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
11/11/2015 13:47 #8 da ZioPelo
Amo Gamakatsu raddrizzato - Risposta di: ZioPelo
Io facendo il falegname e avendo usato migliaia di chiodi a spillo temprati, ho avuto modo di andare a battere qualche chiodo che era morbido come il filo cotto, anche se l'aspetto era identico a quelli buoni.
I seguenti utenti hanno detto grazie : Giorgio

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • Giorgio
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Platino Utente
  • Platino Utente
Espandi
12/11/2015 19:34 #9 da Giorgio
Amo Gamakatsu raddrizzato - Risposta di: Giorgio
Innanzi tutto ,grazie a tutti per le risposte :inchino : ragionandoci su sia il mio amico ,che e' anche lui un Macinator (gio _fisch , ma il pescatore era il figlio di otto anni Giorginator che ha partecipato a una gara di bimbi , e per inciso ha fatto il primo con più di 20 trote ,buon sangue non mente) ; anche noi siamo giunti alla stessa conclusione: un unico amo che in seguito alla ferrata anticipata su una mascella da big ,lavorando male, si è aperto come dice DavideC . Anche come dice Bonez : è più facile che si spezzi....... :ok Forse difettoso :magheggio un unico amo in mezzo a milioni di ami perfetti puo' succedere. :sbadato
Grazie ancora a tutti , il forum è ,e resterà sempre il punto di riferimento dove chiarire i nostri dubbi o quesiti.
Ciao :bye

Gli Dei, non sottraggono all'uomo ,il tempo trascorso a pescare.

Proverbio Assiro-Babilonese

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • Non Abilitato per creare nuovo argomento.
  • Non Abilitato rispondere.
  • Non Abilitato per modificare il messaggio.

Costruito in svariate forme, differenti materiali e di diverse grammature; il galleggiante, comunemente chiamato anche: “ tappo”, può essere considerato uno dei “simboli” della pesca. Chiunque debba crearsi un’immagine di pesca lo farà, con tutta probabilità, pensando anche ad un galleggiante. Il suo compito è quello di trattenere la lenza ad una profondità prestabilita e di segnalare al pescatore le abboccate del pesce, immergendosi. Nonostante l’immagine del galleggiante sia comunemente associata ad un tipo di pesca “statica”, da qualche tempo, esso ha trovato largo impiego anche nel settore trota lago, agonistico e non solo. Molti

Per chi non lo conoscesse: "Gorreto" è un piccolo Comune della provincia di Genova in Liguria, al confine tra il Piemonte (provincia di Alessandria) e l'Emilia-Romagna con la provincia di Piacenza: questo "paesino" è ubicato alla confluenza del torrente Dorbera e del fiume Trebbia che, nell'alta valle ligure, si presenta con correnti, buche e bellissime lame d'acqua e nel quale è possibile esercitare tutte le tecniche di pesca, nelle "acque libere" e nelle "riserve di pesca" gestite con cura dall'Associazione Pescatori Val Trebbia. Così, venerdì 13 Giugno 2014, io (Bonez) assieme a 2 amici (Teo e Bonfi)

  Sabato 29 e domenica 30 ottobre 2012, per chi non lo sapesse, presso il bellissimo laghetto Al Tiro di Martinengo (BG) si sono svolti i campionati Italiani Juniores under 14, 18 e 23 di pesca alla trota in lago. Per l’occasione, dato che eravamo liberi da impegni io (Bonez) e Pordo, nella giornata di domenica ci siamo recati sul posto per seguire da vicino l’avventura del “nostro” piccolo grande utente macinator: Gianluca Cornelli di soli 14 anni figlio di korns 26 che partecipava alla competizione Under 18. La prima gara, svoltasi sabato pomeriggio si

Domenica 17 aprile si è svolta presso il lago “La trota nel birreto” di Corno Giovine (LO) la gara di chiusura della stagione alla trota organizzata dalla società “Travacon” di Fombio. Nel lago sono state immesse circa 110 kg di trotelle di piccola taglia (circa 8-9 per kg) su cui si sono date battaglia 10 coppie in un settore unico. Al primo impatto la superficie del lago era segnata da poche bollate e da un colore torbido dell’acqua dovuto alla prima semina in settimana di tinche e pesci gatto che  faceva presagire una gara non velocissima

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.