Materiale base

16/11/2015 22:02 #1 da Roby-To
Materiale base - discussione creata da: Roby-To
Generalmente cosa portate nele vostre cassette quando andate a pesca? Io per il momento non ho molto,qualche bombarda, solite girelle, ami dal 6 al 9, filo da 0,16 per terminali,1 galleggiante, 2 paste,2 falcetti,forbice,pinza e credo di non avere altro. Cosa mi consigliate di aggiungere e in che ordine di importanza?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

16/11/2015 22:30 #2 da maxlo73
Materiale base - Risposta di: maxlo73
beh come minuteria direi che ci siamo,personalmente aggiungerei degli ami del 5 o del 4 per esche siliconiche tipo i vermoni gulp
o falcetti
Per quanto riguarda le girelle non terrei solo una misura,ma almeno due,tre misure misure(tipo girelle triple 16-18-20)
Ovviamente i vetrini,qualche piombino,puoi anche aggiungere degli styls per fare delle catenelle(es.microslim 0.3-0.5-0.7g-1g)
perline paracolpi,.qualche piombino per zavorrare il terminale(ad esempio per quando peschi con le maracas),polistirolo
per rendere l'innesco con la camola galleggiante..rotolini avvolgilenza...filo FC 14-16-18
Il discorso diventa poi più ampio quando si va a considerare le bombarde,a seconda del periodo dell'anno e dello spot

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

16/11/2015 22:49 #3 da Roby-To
Materiale base - Risposta di: Roby-To

maxlo73 ha scritto: beh come minuteria direi che ci siamo,personalmente aggiungerei degli ami del 5 o del 4 per esche siliconiche tipo i vermoni gulp
o falcetti
Per quanto riguarda le girelle non terrei solo una misura,ma almeno due,tre misure misure(tipo girelle triple 16-18-20)
Ovviamente i vetrini,qualche piombino,puoi anche aggiungere degli styls per fare delle catenelle(es.microslim 0.3-0.5-0.7g-1g)
perline paracolpi,.qualche piombino per zavorrare il terminale(ad esempio per quando peschi con le maracas),polistirolo
per rendere l'innesco con la camola galleggiante..rotolini avvolgilenza...filo FC 14-16-18
Il discorso diventa poi più ampio quando si va a considerare le bombarde,a seconda del periodo dell'anno e dello spot


Paracolpi e rotolini li ho,per vetrini e piombini mi sto attrezzando in attesa della mia nuova fassa prime in arrivo settimana prossima.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

16/11/2015 23:58 #4 da Pizza93
Materiale base - Risposta di: Pizza93
Occhiali e lo scotch per il dito che slama!!

TOP PESCA Maranello

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

17/11/2015 14:41 #5 da xxxgrimox
Materiale base - Risposta di: xxxgrimox
Il numero delle bombarde  dipende.dipende.anche dalle dimensioni del laghetto se è una pozzanghera di 20 mt per 40  quando hai portato le 5 7 gr avanzano ....se vai invece in un lago  da 80 x 150 bhe ci vogliono ancor più bombarde di grammatura maggiore ....
Stesso dicasi se io lago e ancora più grande ....considera poi che spesso vado a pesca con mio padre quindi le bombarde sono doppie
Alla fine bel portabombarde mediamente ne metterò una 50ina o comunque sia.riempp tutti gli spazi
Poi ami legati circa una 15 20 o sia per lo striscio che per tappo
Ami sciolti 608n per lo striscio 1 bustina circa in appositi dispenser
Ami sciolti per il galleggiante del 6 o a seconda delle marche anche 4
due bobine di fluorocarbon 14 e 16
Sulle 30 girelle triple miste di misura
Due slamatori
6 7 galleggianti
Altri 10 scarsi vetrini
Una decina forse meno di piombini
2 -3 colori di pastella


3 4 colori di camole finte della trabucco slurp
2 3  colori di bruco
Un paio di colori di falcetti ma pochissimi di numero in quanto uso le altre artificiali
Un colore di spaghetto in genere bianco
Gommini salvando
1 mulinello di riserva perché non si sa mai ....
Una canna di riserva oppure una delle prime con le quali ho iniziato a pescare a striscio ed adesso le uso poco ma se almeno una non la porto mi sento nudo anche questa poi della serie non si sa mai ...
2 guadini perché a volte uno di noi due fa un giretto del lago e si porta dietro il guadino
Uno straccio o un paio di guanti

Dovrei aver detto tutto per striscio e tappo
Per lo spinning invece porto in genere un paio di canne ed artificiali misti tra gomme teste piombate minnow ondulanti e cucchiaini. ...anche se quest'ultima categoria ba molto poco dove vado
Se mi dimentico qualcosa lo aggiungo in seguito

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

17/11/2015 15:54 #6 da lucabenve
Materiale base - Risposta di: lucabenve
io mi porto dietro, per le mie esigenze, tutta roba che ho selezionato un pò per volta fino ad arrivare al cesto più minimale che posso avere
- monofilo 13-15-18
- ami katana 1090 misura 8 e 10
- ami Gama 608 misura 8
- ami Ravaschio 9
- un 10-15 girelle di 2 misure messe sparse in una scatolina con i salvanodo
- 5 o 6 galleggi
- pinzette tipo tagliaunghie attaccate al cesto
- meno di 40 bombarde divise in 2 astucci piccoli, uno con le bombarde dal G1 al G4 + i phantom e l'altro con tutto il resto, se vado a pesca in "vasca" uno dei due sta a casa e mi porto solo quello con le maracas che qui servono spesso anche nelle pozze
- rotolini con le corone già pronte col terminale
- pallini del 3 - 5 - 7
- piombini slim e superslim da 3 3.5 4 gr circa tre per tipo
- 6 o 7 vetrini 3 e 4 gr
- infilabombarde
- grembiule
- occhiali polarizzati
- straccio sempre attaccato al cesto

non uso slamatore e guanto, quindi non li porto nemmeno, non uso ami più grossi dell'8
all'occorrenza integro con quel che serve nelle varie occasioni ma son cose che capitano poche volte all'anno perchè tutto quello che uso è nella lista... sono avvantaggiato dal fatto che il 20gr ed oltre si uso pochissimo quindi molte misure delle bombarde non servono, non uso falcetti e gomme varie, nemmeno le pastine, a dirla tutta a trote pesco solo in gara quindi non le compro nemmeno.... per le canne ovviamente le porto sempre montate e sono 6, 8 o 10 a seconda del caso!

LUCA BENVENUTI - FIRENZE TROTA LAGO

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

17/11/2015 17:59 #7 da DavideC
Materiale base - Risposta di: DavideC


Da quando non questa scatola, ho ridotto del 70% il numero di scatolette, bustine e pacchettini vari...
I vari divisori si possono anche togliere o spostare x creare scomparti di tutte le misure, dentro ci metto piombini, vetrini, girelle, salvanodi, ami di tutte le misure, piombini x catenelle e catenelle gia fatte.
Poi mi porto fluorocarbon 0.14-0.16-0.20, qualche bombarda "mirata" x il lago in cui vado e la stagione, un portafinali con già dentro terminali da 20cm, 1mt, 1,50mt, 2mt, una scatola coi galleggi e basta!
"Tutta" sta roba in una borsa attaccata al cesto portapesci, poi se pesco in libera mi porto 2 canne, altrimenti in gara la rastrelliera con 8/10 canne già montate e via...
:bye

IL GABBIANO Team Daiwa Milano

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

17/11/2015 20:45 #8 da Roby-To
Materiale base - Risposta di: Roby-To
Quindi voi vi portate i terminali giá pronti?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

17/11/2015 21:31 #9 da Pizza93
Materiale base - Risposta di: Pizza93

Roby-To ha scritto: Quindi voi vi portate i terminali giá pronti?

Penso che sia una cosa quasi obbligatoria, non puoi perdere tempo a legare gli ami, li metti sulle stecche di cartone e sei velocissimo nel cambio del terminale...

Ovviamente li faccio in diverse lunghezze (30/50cm per il tappo, 70/100/150cm per corone/piombi/vetri e simili, 200/250cm per le bombarde) e in vari diametri diversi (solitamente faccio 14 per i finali da ricerca, sotto non scendo, 18 per pescare normalmente e 20 quelle poche volte che faccio la gara da tirare a ufo, anche s eultimamente ho iniziato ad usare anche il 16 che mi sta dando soddisfazioni)

TOP PESCA Maranello

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

17/11/2015 21:53 #10 da MarcoCician
Materiale base - Risposta di: MarcoCician

Roby-To ha scritto: Quindi voi vi portate i terminali giá pronti?


Ciao...nella mia cassetta ho molto materialw in modo da coprire più situazioni di pesca....i terminali ti conviene preparartene un po di scorta così nn devi sempre star li a rifarli...a meno che nn sei veloce a legare gli ami...

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.059 secondi

Tipicamente un pesce solitario, territoriale ed aggressivo, staziona spesso al riparo tra la vegetazione scrutando l’ambiente circostante in attesa della sua preda. Ha un comportamento di caccia molto tipico; è in grado di rimanere fermo nell’acqua muovendo i raggi finali delle pinne dorsali e le pinne pettorali. Il luccio ha l’abitudine di sferrare il suo attacco aggredendo la preda lateralmente. Una volta stretta nella morsa della sua bocca, grazie ai suoi oltre 600 affilatissimi denti, rivolti all’indietro, la immobilizza per poi “girarla” ed inghiottirla. Si alimenta di altri pesci, rane, topi ed è anche affetto da

Tremarella: lo strano nome di questo recupero bene illustra il movimento della canna, che deve, appunto, tremolare incessantemente, con lo scopo di far avanzare a scatti velocissimi l'esca. La tremarella si effettua sia con lenze a piombino, che a catenella che a vetrino. La forma e il peso specifico della zavorra influenzano il comportamento dell’esca sott’acqua. Il recupero si effettua con la sola canna, mentre questa si sposta bisogna far vibrare il vettino e tra un recupero e l’altro il filo in eccesso và recuperato con il mulinello. L’intensità delle vibrazioni e la velocità di spostamento della

A differenza di quanto possa trapelare dal suo aspetto minaccioso, il luccio è un pesce estremamente delicato. Ecco perché una volta allamato e dato che lo DOBBIAMO rilasciare, è meglio recuperarlo velocemente (a meno che non sia stato catturato ad una discreta profondità). Una volta nel guadino, nonostante possano sussistere buone intenzioni, soprattutto quando si ha poca esperienza alle spalle, può capitare si commettano gravi errori nel maneggiare un luccio. Occorre quindi essere ben preparati e consapevoli del fatto che: oltre alla successiva sopravvivenza del pesce vi è in gioco anche l’incolumità delle nostre dita.

L’aspio: un predatore dalla costituzione massiccia appartenente alla famiglia dei ciprinidi. Originario dell’est Europa dagli ultimi anni del XX secolo è entrato a far parte anche del nostro ecosistema nei fiumi e laghi del centro-nord Italia. Il suo habitat naturale è quello dei grandi fiumi di pianura con acqua a corrente veloce o moderata, ricchi di piccoli ciprinidi che costituiscono le sue prede predilette. L’aspio è un perfetto “game fish”: piuttosto resistente agli stress della pesca, abbocca con violenza e raggiunge taglie molto interessanti. Frequentemente tra i cinquanta ed i settanta centimetri può raggiungere il peso di 9-10 kg

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: