L'amo: i dettagli che fanno la differenza

27/01/2016 14:33 - 27/01/2016 14:34#1da Bonez
Nonostante si tenda a sottovalutarli, ignorarli o "snobbarli"; spesso sono proprio i dettagli a fare la differenza; come nel caso del V-head Gamakatsu. L'amo è un elemento indispensabile in qualsiasi tecnica di pesca e dalla sua qualità ed affidabilità dipende il nostro successo sia nella fase di ferrata che durante il recupero del pesce. Dettagli come il V-head; ossia un "disegno" che interessa la parte alta del gambo (con speciale zigrinatura) e la paletta (con un solco frontale a V) mantengono il filo "fermo" davanti alla paletta riducendo, di conseguenza, le ferrate a vuoto.

Il mio consiglio? Non badate troppo al risparmio ma scegliete ami di qualità a garanzia di efficacia e durata ed a conti fatti avrete sicuramente risparmiato.


File allegato:

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

27/01/2016 16:55#2da andrea74
ciao Bonez,io uso sempre gamakatsu del 608 il 708 lo uso ma non mi trovo così bene.

chiedo una cosa a te e anche agli altri, voi usate lo stesso amo per ogni situazione ?
parlo di modelli,perchè ho visto che c'è un amo ( il 623) che è consigliato per trote apatiche

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

27/01/2016 17:05#3da Bonez
Ciao andrea, personalmente utilizzo principalmente amo Gamakatsu 708 misura 8, il numero 7 in caso di innesco doppia camola di dimensioni più grandi; mentre la misura 10 in ricerca con terminali sottili ed una sola camola cucita. A volte, in condizioni di ricerca estrema utilizzo anche il 623N (sempre della misura 10) con una camola cucita in quanto grazie al suo "filo" più sottile appare più leggero contribuendo ad una presentazione ancor più naturale dell'esca anche se stiamo facendo riferimento a minimi dettagli. Utilizzando esche siliconiche (cosa che faccio molto molto raramente) scendo ovviamente anche con la misura dell'amo arrivando ad utilizzare anche un 440N misura 2 in caso di innesco di un vermone Berkley Gulp!

ciauuuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

27/01/2016 17:08#4da andrea74
grazie Bonez,proprio quello che volevo sapere

:ok

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

28/01/2016 12:23 - 28/01/2016 12:24#5da Lorfabem
e in partenza ?
708 dell'8 con camola cucita?
anche se faccio fatica a slamare con l'amo storto...questione di abitudine?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

28/01/2016 13:39#6da Bonez
In partenza, tendenzialmente utilizzo 708n con camola ma non cucita; in quelle condizioni molto raramente si rende necessario ottenere un'ottima rotazione; è spesso più utile cercare di ottenere un innesco "robusto" e duraturo. In quanto alla slamatura si tratta sicuramente di abitudine ed esperienza anche se, in alcuni casi, un amo come il 708 rende l'operazione leggermente più "difficile".

ciauuuuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

28/01/2016 13:48#7da DavideC
In partenza io uso i gamakatsu 607 del 6, scendo al massimo al 7 come misura se so che solitamente in quel lago buttano pesce davvero piccolo...sarò strano io, ma con l'amo grosso n'è liscio meno!
I 708 li ho, ma li uso un pesca libera!:ok
provati una volta sola in gara...hanno una curva che da una bella rotazione, ma ad innescare una camola in velocità su un amo così storto proprio nn mi riesce!
:bye

IL GABBIANO Team Daiwa Milano

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

28/01/2016 14:24#8da Pizza93
Quoto Davide, in partenza coi Gamakatsu sempre il 6 di amo e 7 solo quando ci sono davvero trote da 90/100gr massimo (che almeno dalle mie parti succede praticamente mai), anche perchè con le dita che ho già non entro nella pancia dell'amo col 6, figurati se usassi ami più piccoli.

TOP PESCA Maranello

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

28/01/2016 15:23#9da DavideC
Anche per colpa del "ditone da hobbit" nn uso mai ami dell'8 in partenza...nn mi ci passa il dito e l'amo puntualmente me lo pianto sotto l'unghia! :pianto

Poi con l'amo del 6 su 10 trote forse una ingoia...il risparmi di tempo della slamatura nn è poco!

IL GABBIANO Team Daiwa Milano
Ringraziano per il messaggio: Lorfabem

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

31/01/2016 23:53#10da Lorfabem
non so se e' mai capitato a qualcuno
oggi circa a meta' gara mi si e' stortato l'amo di tanto quasi a L
ma a cosa e' dovuto e' la prima volta che mi capita

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.063 secondi

Fishurfing è disponibile su App Store e Google Play ed è completamente gratuita.È un ottimo strumento per tutti gli appassionati di pesca che desiderano condividere esperienze e catture attraverso blog, foto e video e fornisce anche un database unico di zone di pesca private, alloggi per pescatori, guide di pesca locali, negozi di pesca in tutta Europa, Nord America, Russia e paesi tropicali come la Thailandia. Recentemente sono state introdotte anche alcune zone pubbliche. Per il momento, questa novità riguarda soltanto alcuni paesi ma, con il passare del tempo, saranno introdotte zone pubbliche per ogni paese

Ciao a tutti, quest’oggi ho pensato di andare leggermente fuori tema rispetto a cio per qui è nato macinator.it; ossia il fantastico mondo della trota lago scegliendo di raccontarvi un’esperienza piuttosto insolita, ma ovviamente di pesca, vissuta dal nostro “socio”; nonché Amico Teo (gatTeo). Per chi non lo conoscesse infatti, va detto che, il nostro compagno di squadra Teo, si è avvicinato da poco al mondo della trota lago, ma fin da bambino ha sempre avuto una grandissima passione per la pesca in generale. Egli infatti, si diletta spesso praticando differenti tecniche di pesca sia

Credo che chiunque si sia avvicinato alla trota lago abbia sentito pronunciare gli “storici” nomi che identificano, da sempre, le bombarde affondanti, a marchio Fassa: “Bugiardino”, “Opaco” e “Moretto”. Chi le conosce meglio e le ha adoperate, conoscerà però sicuramente anche i loro punti critici come ad esempio: la scarsa resistenza meccanica e la grossolana precisione di G. Grazie al nostro rapporto di collaborazione, nel corso del 2016, assieme a Fassa, abbiamo così deciso di dar vita ad una nuovissima linea di Bombarde affondanti che prende il nome: “Deep”. Dall’inglese: “in profondità” della serie Deep

Sabato 13 Aprile 2013, presso il bellissimo laghetto: "Al Tiro" di Martinengo (BG), si è svolto il tanto atteso: "2° Raduno MACINATOR"; ossia, per chi non lo sapesse, una bellissima giornata in compagnia di tutti gli utenti di questo sito che decidono liberamente di partecipare per una pescata di gruppo, con lo scopo di aiutarsi, conoscersi meglio di persona e scambiarsi consigli sulla pesca della trota e non solo. L'organizzazione dell'evento ha avuto inizio mesi prima ed è stata ufficializzata in data 6 Marzo 2013; giorno in cui si sono aperte le iscrizioni a chiunque

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: