• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Amo Gamakatsu 708N già legato

  • Bonez
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Amministratore
  • Amministratore
Espandi
25/02/2016 12:00 #1 da Bonez
Amo Gamakatsu 708N già legato - discussione creata da: Bonez
Per tutti gli "amanti" utilizzatori di ami già legati, un'interessante novità by Fassa/Gamakatsu presentata in occasione del "Pescare Show 2016":

I nuovissimi ami 708N disponibili anche in versione già legata con filo fluorocoated di qualità Giapponese in due differenti lunghezze di terminale: 160cm e 260cm

300

300

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
25/02/2016 21:30 #2 da andrea74
Amo Gamakatsu 708N già legato - Risposta di: andrea74
devo provarli meglio questi ami,perchè per ora mi trovo ancora meglio con i 608 o 607

questi Bonez sono senza attacco rapido ?

belle le lunghezze

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
25/02/2016 23:01 #3 da xxxgrimox
Amo Gamakatsu 708N già legato - Risposta di: xxxgrimox
Posso una domanda?
Perché fluorocoated e non fluorocarbon?
Qui gamakatsu mi pare che abbia toppato un pochino, non è stata anche una tua impressione ?

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
26/02/2016 07:23 #4 da Naus
Amo Gamakatsu 708N già legato - Risposta di: Naus
Ho provato questi ami e secondo me per la pesca ad ore sono eccezionali. Sono molto affilati e difficilmente perdi i pesci. Nelle gare invece mi trovo in difficoltà perché si fa davvero fatica a slamare i pesci. Anche altri hanno riscontrato il mio stesso problema?

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • DavideC
  • Offline
  • Platino Utente
  • Platino Utente
  • Ti riempio di pesci!!!!
Espandi
26/02/2016 08:01 #5 da DavideC
Amo Gamakatsu 708N già legato - Risposta di: DavideC
Io Naus, in libera li uso perché con quella curva hanno una rotazione bestiale...:ok
In gara invece, oltre alla difficoltà a slamare visto la lunghezza della "punta", sono lentissimo ad innescare...sarà la curvatura, ma ogni volta entro e esco dalla camola 70 volte prima di riuscire a calzarla tutta!
:bye

IL GABBIANO Team Daiwa Milano

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • Bonez
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Amministratore
  • Amministratore
Espandi
26/02/2016 08:37 #6 da Bonez
Amo Gamakatsu 708N già legato - Risposta di: Bonez

andrea74 ha scritto: questi Bonez sono senza attacco rapido ?


esatto, sono senza attacco rapido, terminano con un semplice filo tagliato.

ciauuuuuuuuuuuz

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • Bonez
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Amministratore
  • Amministratore
Espandi
26/02/2016 08:41 #7 da Bonez
Amo Gamakatsu 708N già legato - Risposta di: Bonez

xxxgrimox ha scritto: Posso una domanda?
Perché fluorocoated e non fluorocarbon?
Qui gamakatsu mi pare che abbia toppato un pochino, non è stata anche una tua impressione ?


E' stato scelto un fluorocoated anzichè un fluorocarbon così come si è deciso di terminare l'altro capo del terminale semplicemente tagliando il filo senza effettuare alcuna asola e brillatura allo scopo di contenere il prezzo di vendita al pubblico. Oltre a queste decisioni, sempre allo scopo di ottenere un prezzo finale vantaggioso, Fassa ha applicato un margine di ricarico ridotto all'osso.

ciauuuuuuuuuuz
I seguenti utenti hanno detto grazie : xxxgrimox

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • Bonez
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Amministratore
  • Amministratore
Espandi
26/02/2016 08:46 #8 da Bonez
Amo Gamakatsu 708N già legato - Risposta di: Bonez

Naus ha scritto: Ho provato questi ami e secondo me per la pesca ad ore sono eccezionali. Sono molto affilati e difficilmente perdi i pesci. Nelle gare invece mi trovo in difficoltà perché si fa davvero fatica a slamare i pesci. Anche altri hanno riscontrato il mio stesso problema?


Io stesso, al termine dei primissimi test, avevo scritto QUI della leggera "difficoltà" incontrata nello slamare velocemente. Ora che li ho usati per molte più sessioni ci ho preso un po' la "mano" e le situazioni in cui perdo più tempo del dovuto sono veramente rare. Considerando il loro potere ferrante e di tenuta durante il recupero del pesce le rade difficoltà di slamatura, per quanto mi riguarda, passano in secondo piano. Utilizzo i 607N o i 7077B soltanto in presenza di moltissimo pesce per turni di pura velocità; negli altri casi sempre 708N.

ciauuuuuuuuuuuz

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
26/02/2016 17:40 #9 da Naus
Amo Gamakatsu 708N già legato - Risposta di: Naus
Ciao Bonez leggendo il post che mi hai consigliato, noto che tu imputi il problema della difficolta della slamatura al fatto che sia storto. Io invece trovo che sia un problema di ardiglione probabilmente molto pronunciato e quindi difficile da estrarre dalla bocca del pesce.

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
26/02/2016 20:03 #10 da andrea74
Amo Gamakatsu 708N già legato - Risposta di: andrea74
se costano un po' meno meglio,visto che io ormai uso solo ami legati.

devo dire bonez che ho provato sabato i 623N visto che mangiavano malissimo,e devo dire che è eccezionale

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • Non Abilitato per creare nuovo argomento.
  • Non Abilitato rispondere.
  • Non Abilitato per modificare il messaggio.

Perché dobbiamo rilasciare il luccio? Il luccio va rilasciato perché questo fantastico predatore sta scomparendo. Soffre l'inquinamento, soffre le reti dei pescatori di professione, soffre la crudeltà dei bracconieri, soffre i cosiddetti: “padellari”; ovvero coloro che non rilasciano nulla. In Italia ne sono rimasti pochi e soltanto in pochissimi ambienti. Quello che un tempo era al vertice della catena alimentare, è ormai diventato solo una cattura occasionale. Partiamo da un dato di fatto: per avere la certezza di non arrecare alcun, seppur minimo, danno ai pesci dovremmo evitare di andare a pesca. Nella pratica del Catch

Ciao a tutti, quest’oggi ho pensato di andare leggermente fuori tema rispetto a cio per qui è nato macinator.it; ossia il fantastico mondo della trota lago scegliendo di raccontarvi un’esperienza piuttosto insolita, ma ovviamente di pesca, vissuta dal nostro “socio”; nonché Amico Teo (gatTeo). Per chi non lo conoscesse infatti, va detto che, il nostro compagno di squadra Teo, si è avvicinato da poco al mondo della trota lago, ma fin da bambino ha sempre avuto una grandissima passione per la pesca in generale. Egli infatti, si diletta spesso praticando differenti tecniche di pesca sia

L’aspio: un predatore dalla costituzione massiccia appartenente alla famiglia dei ciprinidi. Originario dell’est Europa dagli ultimi anni del XX secolo è entrato a far parte anche del nostro ecosistema nei fiumi e laghi del centro-nord Italia. Il suo habitat naturale è quello dei grandi fiumi di pianura con acqua a corrente veloce o moderata, ricchi di piccoli ciprinidi che costituiscono le sue prede predilette. L’aspio è un perfetto “game fish”: piuttosto resistente agli stress della pesca, abbocca con violenza e raggiunge taglie molto interessanti. Frequentemente tra i cinquanta ed i settanta centimetri può raggiungere il peso di 9-10 kg

Laghi di Castello - Castel San Giovanni (PC) - 13/04/2019 Sabato 13 Aprile 2019, presso i Laghi di Castello di Castel San Giovanni (PC), si è svolto l 8° Raduno Macinator. Il Raduno Macinator, NON è una gara ma un'imperdibile: “pescata in compagnia” alla quale possono partecipare sia i più esperti pescatori che tutti coloro che si sono da poco approcciati alla pesca della trota in lago. Al Raduno Macinator è possibile partecipare pescando sia con le varie tecniche dello striscio, che a spinning e trout area. Non trattandosi di una competizione, al termine della pescata, non viene mai effettuato alcun conteggio del pescato

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.