Colmic Fendreel Power

11/10/2016 19:18 #1 da Riccardone
Colmic Fendreel Power - discussione creata da: Riccardone
Vorrei avere dei pareri da voi su questo monofilo, il mio socio di pesca lo usa da anni e ne è molto soddisfatto, ottima tenuta ai nodi, poca memoria, e buona tenuta nei mesi (pescando settimanalmente 8 ore per volta con 25-30-35 gr.)
io ho sempre usato Falcon Prestige, ma ho visto che nei mesi NON dura di più, non ha migliori risultai se confronto la pesca del mio amico con la mia e peschiamo sempre spalla a spalla con medesime zavorre.
Vantaggio NON da poco che questo filo costa 15,50 per 1000 mt. contro i 27,00 del Falcon

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

12/10/2016 16:47 #2 da toutzander
Se intendi quello rosa ... io l ho usato per un paio di anni, sulle canne da piombino( solo pesca libera) e mi è sembrato un buon filo.... l ho lasciato solo perché non lo trovavo in bobine superiori ai 300 mt.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

12/10/2016 17:08 #3 da Riccardone
No, intendo quello color neutro, un verde-marrone molto chiaro

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

12/10/2016 18:57 #4 da toutzander
Allora non saprei

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

12/10/2016 19:27 #5 da remoalimenti
Io lo conosco e lo usato é un filo che se ne trovano tanti con quelle caratteristiche io ho cambiato e mi trovo bene allo stesso prezzo circa

Pescatore molto Sportivo

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

13/10/2016 07:51 #6 da catti81
Risulta essere maggiorato?che diametro consigliate x Piombino e bombarda(ovviamente aggiunta schock leader)...direi il classico 0.16...poca memoria e buona tenuta nel tempo?vorrei provarlo nella confezione 1000m..grazie a chi risponderà'.

Lascia ke la magna.....

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

13/10/2016 09:41 #7 da Riccardone
Remoalimenti, cosa usi spendendo lo stesso prezzo circa?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

13/10/2016 19:44 #8 da remoalimenti
Ciao io Stellar Maiora

Pescatore molto Sportivo
Ringraziano per il messaggio: catti81

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.047 secondi

Costruito in svariate forme, differenti materiali e di diverse grammature; il galleggiante, comunemente chiamato anche: “ tappo”, può essere considerato uno dei “simboli” della pesca. Chiunque debba crearsi un’immagine di pesca lo farà, con tutta probabilità, pensando anche ad un galleggiante. Il suo compito è quello di trattenere la lenza ad una profondità prestabilita e di segnalare al pescatore le abboccate del pesce, immergendosi. Nonostante l’immagine del galleggiante sia comunemente associata ad un tipo di pesca “statica”, da qualche tempo, esso ha trovato largo impiego anche nel settore trota lago, agonistico e non solo. Molti

Domenica 8 maggio noi Macinator: Bonez e Pordo abbiamo partecipato ad una gara a coppie a Quinzano d’Oglio (BS) organizzata dalla società il Cefalo! Si tratta di un laghetto rettangolare piuttosto piccolo che può contenere al massimo 40 concorrenti che pescano contemporaneamente. Per l’occasione sono state immesse 2 quintali di trote che come spesso capita in questo campo di gara, gran parte si sono concentrate  in una zona del lago dove vi è una piccola cascata provocata dall’acqua di un canalino adiacente che alimenta il lago. Le 20 coppie partecipanti, sono state suddivise in 4

Il vetrino: definito anche “ghost” (fantasma), proprio per la sua trasparenza e conseguente mimetismo in acqua, non è altro che una zavorra, simile al classico piombino, ma costruito in vetro, la cui principale caratteristica è quella di dimezzare, all’incirca, il proprio peso specifico una volta che esso viene immerso in acqua. Ad esempio, a differenza di un piombino da 4gr il quale una volta in acqua mantiene il proprio peso, un vetrino che pesa 4gr sulla bilancia affonderà in acqua come fosse un piombino da 2gr. Questa particolarità consente di raggiungere la stessa distanza di

Sabato 17 settembre 2011, io (Bonez), Cavoz e Soffritto, abbiamo deciso di fare una pescata in un laghetto piccolo e ci siamo così recati al laghetto di Roccafranca (BS). Muniti di navigatore, dato che nessuno di noi era mai stato in quel lago, siamo giunti a destinazione verso le ore 7:10 del mattino e nonostante fosse abbastanza presto, la prima metà del laghetto era già occupata, su entrambe le sponde, da parecchi pescatori. Così, dopo aver effettuato il biglietto, ci siamo posizionati in una posizione quasi “obbligata”; precisamente a circa metà del lago sulla sponda opposta

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: