Ma voi ogni quanto li cambiate (monofilo, terminali, ami, girelle...)?

24/02/2017 10:22 #1 da abulgher
Carissimi ho una domanda che rimugino spesso nella testa e a cui non so rispondere. Ovvero, ogni quanto rinnovate le varie parti dell'attrezzatura? Non faccio gare e pesco ad ore un paio di volte al mese, quindi non sono certo un assiduo pescatore.

1. il monofilo sul mulinello. Partiamo da qui. Ogni quanto lo cambiate? Mediamente una volta all'anno? In settimana ho ripreso in mano un mulinello che non usavo da parecchio e che avevo imbobinato diciamo nell'estate 2015. Il filo (JTM Proton 0.16) mi è sembrato debole e al tatto risultava ruvido, non liscio come quando era nuovo. L'ho sostituito senza pensarci. Nessuno a mai provato a rimbobinarlo al contrario? In fondo usiamo solo i primi 50 - 60 m di filo e normalmente ne mettiamo almeno 150 m. Magari i primi 60 sono da buttare, ma gli ultimi 60 sono ancora buoni. Da qui la mia idea di imbobinare al contrario.

2. il monofilo ancora da imbobinare. Quando ho rimbobinato il mulinello, mi sono reso conto che il monofilo nuovo che andavo a mettere arrivava dalla stessa bobina da cui avevo preso quello di prima. Avevo trovato una buona offerta per 1000 m di filo e lo avevo acquistato. Quanto dura il filo se non viene usato e se conservato al buio e asciutto?

3. i terminali. Quando torno da una sessione di pesca, lo controllo e al tatto sento se è bello lineare e senza "segni". Se è così allora lo riuso, altrimenti lo butto. Voi lo cambiate sempre ad ogni uscita? Anche se ci avete fatto un solo lancio?

4. le girelle. In generale non le butto mai, ogni tanto mi capita di perderle. Voi le sostituite ogni tanto?

5. gli ami. Uso quasi esclusivamente ami Gamakatsu di ottima qualità. Quando butto un terminale usato, faccio la prova del dito. Se l'amo punge ancora, allora lo rimonto su un altro terminale, altrimenti lo butto. Mi è capitato di trovare un paio di ami in cui la paletta fosse rovinata: un angolino in alto si era spezzato, forse a causa dello slamatore. Ho buttato subito l'amo perché temevo che durante l'eventuale recupero di un pesce lo sfregamento del filo sulla parte rovinata avrebbe potuto spezzarlo. Voi come vi regolate?

Grazie mille a chi vorrà rispondere e condividere la propria esperienza. Un saluto a tutti!

Petri heil!
Toto

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

24/02/2017 10:57 #2 da Bonez
Ciao abulger, premesso che le tempistiche variano in base all'utilizzo, alla qualità dei materiali utilizzati ed alle condizioni di conservazione, ti dico, in linea di massima come mi comporto io:

1. Uso Jtm Proton e lo cambio ogni anno e mezzo o 2 a meno che noto un particolare indebolimento.
2. Se viene conservato al buio ed all'asciutto si mantiene per anni.
3. Sostituisco i terminali solo quando mi rendo conto che sono stati usurati parecchio come ad esempio quelli delle canne utilizzate in partenze di gara, ecc altrimenti lo mantengo.
4. Sostituisco le girelle solo se le perdo o se si "bloccano" ma non succede quasi mai con girelle di qualità
5. Uso anch'io ami di qualità Gamakatsu e non butto l'amo ogni volta che sostituisco un terminale a meno che non sia stato particolarmente usurato.

ciauuuuuuuuuuz
Ringraziano per il messaggio: bomber, abulgher

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

24/02/2017 11:31 #3 da abulgher
se quelli sono i tuoi ritmi, con tutte le pescate e le gare che fai... a me dovrebbero durare quasi in eterno :)

Grazie per la risposta!

Petri heil!
Toto

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

25/02/2017 13:22 #4 da Justo
Ciao, pescando la trota o a bolognese sostituisco il filo una volta all'anno, mentre pescando all'inglese potrà sembra strano ma un filo di un paio di anni affonda molto meglio di uno nuovo...... e poi conservati al buio durano molti anni!! 2, il filo se lo custodisci al buio ti dura anche 10 anni!! 3, i terminali nonostante uso solo prodotti di qualità li cambio ad ogni pescata, purtroppo questa è una mia fissazione!!! 4, le girelle anche io ad eccezione di perderle non le cambio mai, anno una vita lunghissima!! 5, gli ami se non sono rovinati gli riutilizzo tranquillamente!!
Ringraziano per il messaggio: bomber

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

08/03/2017 19:29 #5 da xxxgrimox
1) uso quasi sempre shimano technium o clolmic feeder pro, ruotando muli finche un filo non è arrivato non lo tolgo, quindi può capitare che su un mulo usato molto stia li per 3 anni o su un mulo usato poco stia li per 10, poi dipende sempre che filo è ma da un pò a questa parte preferisco acquistare pochi fili e di qualità per pecche dove il filo è molto stressato

2) se conservato al buio in genere dura anni

3) se il terminale non presenta nodini o imperfezioni sfregamenti o rovina o attorcigliamenti che ossonocapitare lo tengo anche per pescate successive

4) in genere le girelle non le cambio a meno che non si perdano o rompano o siano difettate

5) ami se non sono spuntati storti o deformati o rotti non li cambio li rilego per i terminali successivi

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.045 secondi

Dal mio rapporto di collaborazione con l’azienda Trabucco, iniziato a Gennaio 2019, nasce il progetto: “Warden”. Si tratta di una serie di canne, da trota laghetto, particolarmente ampia in grado di soddisfare le esigenze agonistiche più disparate. La serie è composta da ben 12 azioni differenti, utili per affrontare al meglio ogni condizione di pesca, che va dal più piccolo piombino da un grammo fino a zavorre molto più “importanti” quali bombarde anche da 30-35 grammi di peso. La serie Warden si suddivide principalmente in: CINQUE modelli specifici per la pesca a corto raggio, ognuno

Venerdì 26 agosto 2011, io (Bonez) in compagnia del Cavoz, mentre Pordo stava lavorando, abbiamo deciso di concludere le nostre ferie estive con una pescata a trote in un lago del milanese e ci siamo così recati al Lago Capanna di Cusago (MI). Si tratta di una immensa e molto profonda cava in cui parte della quale stanno tutt’ora prelevando ghiaia; immersa nel verde e caratterizzata da un’acqua molto trasparente nella quale si possono pescare trote, ma anche effettuare il carpfishing, in una zona riservata. Nella struttura, piuttosto curata, è presente anche un ristorante con

  Il luccio: predatore per eccellenza di acqua dolce. Caratterizzato da una bocca particolarmente pronunciata con un “becco” a papera dotato di denti estremamente affilati. Ama sostare al riparo attorno a qualsiasi tipo di vegetazione acquatica in attesa della sua preda nei confronti della quale tende agguati rapidi e violenti. Si nutre di altri pesci, a volte anche di dimensioni simili a se stesso. Può raggiungere delle taglie da capogiro ed innescare duelli molto avvincenti nonché attaccare l’esca con incredibile forza e, non sono rari, anche salti fuori dal pelo dell’acqua. La tecnica di pesca

Laghetto Cantone - Nerviano (MI) - 05/05/2018 Come ormai ogni anno accade, a partire dal 2012, sabato 5 Maggio 2018, presso il Laghetto Cantone di Nerviano (MI), si è svolto il: “7° Raduno Macinator”. Per tutti coloro che ancora non avessero chiaro di cosa si tratta preciso che: il Raduno Macinator NON è una gara di pesca ma una divertente giornata da trascorrere in compagnia, sulle sponde di un lago, pescando ed alla quale CHIUNQUE può partecipare. Un evento al quale tengo particolarmente, che richiede parecchio tempo ed un non indifferente impegno, per una buona

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: