fluorocoated o fluorocarbon per i terminali?

11/12/2017 22:58#1da Arge84
Ragazzi, dato che sto facendo restyling della mia attrezzatura da trotalago, sto valutando, guardando i commenti su questo forum, di provare il fluorocoated come terminale.

Voi cosa ne pensate?

Solitamente uso uno 0,16 JTM Spectrum, ma secondo voi si possono avere risultati migliori in termini di resa con altri fili come terminali?? Grazie mille

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

12/12/2017 09:01#2da Bonez
Per la trota lago, a mio avviso, la miglior scelta per la realizzazione degli spezzoni terminali delle varie lenze è, senza dubbio, rappresentata da un fluorocarbon 100%. Non soltanto appare quasi invisibile in acqua ma inoltre perchè, grazie alle sue caratteristiche, è in grado di resistere al meglio all'abrasione ed alle sollecitazioni provocate dai denti delle trote. Personalmente scelgo diametri che vanno dallo 0.10 allo 0.20 a seconda delle situazioni ed attualmente utilizzo con soddisfazione e mi sento quindi di consigliare Jtm Spectrum.

ciauuuuuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

12/12/2017 17:11#3da Riccardone
Bonez in un vecchio post del 2012 in tanti lamentavate rotture con JTM Spectrum, e consigliavate TD Brave, da allora il JTM è migliorato?
Il mio intervento è senza vena polemica, ma per capire, perchè vorrei pure io risparmiare, ma se devo perdere pesci (magari belli) nel sottoriva meglio rimanere sul Brave anche se caruccio

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

13/12/2017 00:15#4da Arge84
Scusate torno a fare una nuova domanda riferita ai terminali.

Se dovessi fare artigianalmente i terminali mi consigliate la brillatura e l'eccedenza sopra il gambo dell'amo per bloccare la camola?

Amo dritto oppure storto?

Grazie ancora

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

13/12/2017 09:45#5da Bonez

Riccardone ha scritto: Bonez in un vecchio post del 2012 in tanti lamentavate rotture con JTM Spectrum, e consigliavate TD Brave, da allora il JTM è migliorato?
Il mio intervento è senza vena polemica, ma per capire, perchè vorrei pure io risparmiare, ma se devo perdere pesci (magari belli) nel sottoriva meglio rimanere sul Brave anche se caruccio


Ciao Riccardone, personalmente parecchi anni fa, ero abituato ad utilizzare il nylon anche per la realizzazione degli spezzoni terminali; poi mi ero deciso a passare al fluorocarbon, ne avevo provati parecchi, ma rompevo spesso durante la fase di salpaggio e slamatura. Mi sono poi accorto che tale "problema" era causato dalla maggiore rigidità del fluorocarbon che non andava molto d'accordo con i miei movimenti di allora e con la taglia media delle trote di quei tempi; infine credevo di aver trovato il mio miglior feeling con il TD Brave. Successivamente, a causa di una irreperibilità temporanea e per un costo più contenuto mi sono deciso a riprovare il Jtm Spectrum con il quale mi sono reso conto avere lo stesso feeling che avevo con Td Brave. Personalmente li reputo, entrambe, due ottimi fluorocarbon assolutamente "intercambiabili".

ciauuuuuuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

13/12/2017 09:51#6da Bonez

Arge84 ha scritto: Scusate torno a fare una nuova domanda riferita ai terminali.

Se dovessi fare artigianalmente i terminali mi consigliate la brillatura e l'eccedenza sopra il gambo dell'amo per bloccare la camola?

Amo dritto oppure storto?

Grazie ancora


La mia opinione è: brillatura eventualmente solo in lenze a bombarda con terminali lunghi. La legatura alla valsesiana (baffetto ferma esca) può aiutarti in gara, nella pesca ad ore, se inneschi sempre bene, non fa moltissima differenza, a mio avviso. Amo, attualmente, il mio preferito: Gamakatsu 708N.

ciauuuuuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

15/12/2017 05:14#7da Melo
Ciao, anch'io uso oramai quasi ed esclusivamente il fluorocarbon (di diverse marche, ma mi sento di consigliarti anch'io JTM Spectrum, anche se nell'ultimo periodo sto usando fluorocarbon da spinning e devo dire che hanno un miglior rapporto quantità/qualità/prezzo) e poi ogni tanto per i finali che voglio molto molto morbidi uso un fluorine morbido come il nylon, ma con le caratteristiche del fluorocarbon (il nome del filo è Next di Tubertini).
Io la brillatura la faccio quasi sempre (sarà l'abitudine) e a seconda della zavorra più o meno lunga. Quando lego l'amo cerco sempre di mettere il baffo "libero" (eccedenza) verso l'alto e davanti alla paletta (NON FACCIO I VALSESIANI, ho copiato quella legatura dal buon Poloniato, che la spiegava su un video promozionale di trota lago per Shimano) dirti però il nome di quella legatura proprio non lo ricordo...... Sorry.....

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

15/12/2017 18:32#8da Arge84
Grazie mille!!! Gentilissimo!!!

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/01/2018 23:06#9da Pinofishing

Bonez ha scritto:

Arge84 ha scritto: Scusate torno a fare una nuova domanda riferita ai terminali.

Se dovessi fare artigianalmente i terminali mi consigliate la brillatura e l'eccedenza sopra il gambo dell'amo per bloccare la camola?

Amo dritto oppure storto?

Grazie ancora


La mia opinione è: brillatura eventualmente solo in lenze a bombarda con terminali lunghi. La legatura alla valsesiana (baffetto ferma esca) può aiutarti in gara, nella pesca ad ore, se inneschi sempre bene, non fa moltissima differenza, a mio avviso. Amo, attualmente, il mio preferito: Gamakatsu 708N.

ciauuuuuuuuuuuz



Scusate l'ignoranza ma....cos'è la brillatura?? Grazie

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

23/01/2018 09:54#10da Bonez
Detto in parole povere: si tratta di una sorta di “attorciliamento” del filo che viene effettuato su una porzione dello spezzone terminale (lunga circa 20cm) allo scopo di rendere quella parte di lenza più “rigida” riducendo così lenpossibilità di groviglio in fase di lancio.

Ciauuuuuuuuuuuz
Ringraziano per il messaggio: Pinofishing

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.055 secondi

Tipicamente un pesce solitario, territoriale ed aggressivo, staziona spesso al riparo tra la vegetazione scrutando l’ambiente circostante in attesa della sua preda. Ha un comportamento di caccia molto tipico; è in grado di rimanere fermo nell’acqua muovendo i raggi finali delle pinne dorsali e le pinne pettorali. Il luccio ha l’abitudine di sferrare il suo attacco aggredendo la preda lateralmente. Una volta stretta nella morsa della sua bocca, grazie ai suoi oltre 600 affilatissimi denti, rivolti all’indietro, la immobilizza per poi “girarla” ed inghiottirla. Si alimenta di altri pesci, rane, topi ed è anche affetto da

Venerdì 3 giugno 2011, abbiamo testato il lago delle sette fontane di Castelletto di Leno (BS); giunti sul posto abbiamo dato uno sguardo veloce al lago e tenendo conto della regola del vento e della presenza di altri pescatori in quel punto abbiamo scelto la nostra zona di pesca; ossia la sponda corta del lago opposta rispetto all’ingresso. Non conoscendo affatto il lago e considerata la stagione abbiamo iniziato la nostra battuta di pesca con una bombarda da 20gr della fassa banda blu, e dato che non conoscevamo la profondità del lago abbiamo effettuato un

Domenica 17 aprile si è svolta presso il lago “La trota nel birreto” di Corno Giovine (LO) la gara di chiusura della stagione alla trota organizzata dalla società “Travacon” di Fombio. Nel lago sono state immesse circa 110 kg di trotelle di piccola taglia (circa 8-9 per kg) su cui si sono date battaglia 10 coppie in un settore unico. Al primo impatto la superficie del lago era segnata da poche bollate e da un colore torbido dell’acqua dovuto alla prima semina in settimana di tinche e pesci gatto che  faceva presagire una gara non velocissima

Come da tradizione, a partire dal 2012, ogni anno, ci si ritrova, assieme agli utenti Macinator che decidono di partecipare, sulle sponde di un lago per trascorrere una piacevole giornata in compagnia della nostra passione comune: la pesca della trota in lago; così, sabato 2 Maggio 2015, presso il laghetto: "Al Tiro" di Martinengo (BG), si è svolto il tanto atteso: "4° Raduno Macinator". Per quanto mi riguarda, ogni Raduno Macinator, considerata la sua importanza e considerati tutti i dettagli organizzativi, inizia qualche mese prima rispetto al giorno in cui ci si ritrova ma l'aspetto più bello è

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: