Astina bombarde

11/05/2018 10:55 #1 da Maurizio
Astina bombarde - discussione creata da: Maurizio
Ciao, ieri parlando con un pescatore a fianco a me ha accennato ad una cosa a cui non avevo mai pensato, anche se avevo notato la diversità. Alcune bombarde nella fattispecie Moretto avevo notato che avevano una lunghezza dell'astina diversa e pensavo fossero differenze legate ad un diverso periodo di produzione, al fatto che questo aspetto potesse determinare un stazionamento in acqua leggermente diverso non ci avevo mai pensato. Infatti parlando col tizio del tempo di affondamento, se ne è uscito che a parità di secondi, nel recupero successivo la bombarda con l'astina più corta sarebbe stata più "giù" rispetto all'altra.
Quanto c'è di vero e quanto può essere significativo questo diverso assetto in acqua?
Personalmente a parte le capacità ovviamente differenti tra lui ed io, quando ho trovato la corsia corretta le ho prese anch'io, anche se in numero minore rispetto a lui ed imputo questa differenza nelle catture all'abilità, tecnica ecc. ecc.

Maurizio

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

11/05/2018 12:24 #2 da Bonez
Astina bombarde - Risposta di: Bonez
Ciao, a livello produttivo (e mi riferisco a tutte le bombarde a marchio Fassa) la lunghezza delle astine è IDENTICA tra tutte le bombarde di pari modello e peso anche a differenza di lotti di produzione. La lunghezza delle astine viene determinata in fase di progetto tenendo conto dell'assetto in acqua ed il fattore G. Asportando centimetri di astina, oltre ad aumentare le probabilità di grovigli in fase di lancio, si contribuisce quindi nell'alterale assetto e fattore G (seppur con differenze, "minime"); il mio consiglio è quindi quello di NON tagliare mai le astine delle bombarde. Nel tuo caso specifico stai facendo riferimento al "vecchio" Moretto a al nuovo Deep Moretto?

ciauuuuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

11/05/2018 13:59 #3 da Maurizio
Astina bombarde - Risposta di: Maurizio
Al vecchio Moretto.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

11/05/2018 14:11 #4 da Bonez
Astina bombarde - Risposta di: Bonez
Trattandosi dei vecchi: "Moretti", Bugiardini e Banda Blu, considerando i materiali utilizzati ed il processo produttivo utilizzato, è ormai risaputo che a parità di modello e peso della bombarda potevano, purtroppo, verificarsi dei discostamenti, spesso, troppo evidenti di peso e di "G". Tali differenze si ripercuotevano anche in pesca causando un cambio di "corsia" a parità di tempo di affondamento e/o velocità di recupero. Proprio anche per questo, assieme a Fassa, abbiamo deciso di sviluppare la nuovissima linea di bombarde affondanti: " Fassa Deep "; le quali si caratterizzano per robustezza ed OTTIMA precisione di peso e di G.

Spero di averti chiarito un po' le idee.

ciauuuuuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.056 secondi

Venerdì 26 agosto 2011, io (Bonez) in compagnia del Cavoz, mentre Pordo stava lavorando, abbiamo deciso di concludere le nostre ferie estive con una pescata a trote in un lago del milanese e ci siamo così recati al Lago Capanna di Cusago (MI). Si tratta di una immensa e molto profonda cava in cui parte della quale stanno tutt’ora prelevando ghiaia; immersa nel verde e caratterizzata da un’acqua molto trasparente nella quale si possono pescare trote, ma anche effettuare il carpfishing, in una zona riservata. Nella struttura, piuttosto curata, è presente anche un ristorante con

Un accessorio indispensabile per chiunque pratichi la pesca della trota in lago è, senza dubbio, il: cesto porta trote. La sua funzione principale è probabilmente quella di contenere le nostre catture ma, grazie alla presenza di alcune sacche e scatole termiche ci consente di avere comodamente con noi anche le nostre esche e tutta la minuteria di cui abbiamo bisogno sul luogo di pesca. Un tempo si trovavano in commercio quasi esclusivamente cestelli portapesci fatti a cavalletto e dotati di una tracolla per il trasporto. L’evoluzione ha poi portato a modelli aventi una struttura in

Domenica 12 giugno, presso il Lago Smeraldo di Langhirano (PR), si è svolta una bellissima gara aperta a 60 coppie che pescavano alternativamente sullo stesso picchetto; proprio per questo alcuni concorrenti hanno deciso di parteciparvi individualmente pagando ovviamente la quota d’iscrizione doppia. La manifestazione prevedeva il rilascio di ben 7 quintali di trotelle da gara (circa 10/12 pesci per ogni Kg) ed è stata suddivisa in 10 spostamenti; ognuno dei quali prevedeva il doppio turno di pesca: prima pescava il concorrente n°1 e poi il concorrente n°2 di ogni coppia. Giunti sul posto, a noi

Domenica 03/07/2011 io (Bonez) e Pordo abbiamo deciso di macinare pochi chilometri e concederci qualche ora di sonno in più; così invece di recarci in un grosso lago estivo, distante da casa, abbiamo scelto di fare una pescata nel laghetto di Pandino (CR). Si tratta di un laghetto di piccole dimensioni, profondo al massimo 5 metri e caratterizzato da un’acqua molto fredda e limpida, facente parte di un grosso complesso di acquacoltura, costituito da vasche in cemento, nelle quali vengono allevate diverse specie di pesci tra cui le trote. La struttura è circondata da un

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: