• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Test carico fili per terminali

  • MarcoAFF
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Premium Utente
  • Premium Utente
Espandi
08/11/2018 13:51 #1 da MarcoAFF
Test carico fili per terminali - discussione creata da: MarcoAFF
Ho appena finito di testare in modo "accettabile" alcuni fili che uso per i terminali, condivido con voi i risultati per discuterne, anzi, vi sprono a replicare il test con i vostri fili

Come peso ovvio si utilizza l'acqua

https://photos.app.goo.gl/5SSK1um54L3isEe4A

https://photos.app.goo.gl/5pavkGbmNbL1Lktb8


prima di gridare al lupo al lupo, il brave da 12 l'ho testato ben 2 volte perchè non ci credevo, 2 risultati identici.
I seguenti utenti hanno detto grazie : korns26

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
08/11/2018 14:11 #2 da Bonez
Test carico fili per terminali - Risposta di: Bonez
Ciao Marco, saresti così gentile da illustrarci meglio i dettagli dei tuoi test? Ad esempio: hai effettuato nodi, oppure no? Quali e come li hai effettuati? Con quali precauzioni, ecc...

Grazie mille!

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • MarcoAFF
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Premium Utente
  • Premium Utente
Espandi
08/11/2018 14:31 #3 da MarcoAFF
Test carico fili per terminali - Risposta di: MarcoAFF
NESSUN PROBLEMA

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • MarcoAFF
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Premium Utente
  • Premium Utente
Espandi
08/11/2018 14:43 #4 da MarcoAFF
Test carico fili per terminali - Risposta di: MarcoAFF
ho appeso una girella ad una trave così da rimanere penzolante, a questa girella ho agganciato l'amo terminale lungo 30 cm (dal nodo fino all'estremità dell'asola), asola legata su una girella e questa girella inferiore legata alla bottiglia, lo spezzone di filo che legano la trave e la bottiglia ho usato un filaccio da bobina passandolo doppio per farlo reggere senza problemi.

La bottiglia ovviamente era vuota al momento di appenderla, con un'altra ho iniziato a riempirla usando un imbuto, acqua mandata lentamente, ovviamente nel momento in cui il terminale si spezza l'imbuto non manda pou acqua nella bottiglia del test, ho segnato il livello dell'acqua del momento della rottura quindi a peso morto

questi sono i nodi che ho fatto

e questo è un video trovato in rete che mostra il nodo sull'amo

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • MarcoAFF
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Premium Utente
  • Premium Utente
Espandi
08/11/2018 14:47 #5 da MarcoAFF
Test carico fili per terminali - Risposta di: MarcoAFF
ho utilizzato lo stesso amo per tutti i fili, stessi nodi, stesso numero di spire per l'amo su tutti i fili, stessa lunghezza

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
08/11/2018 22:36 #6 da JaKe
Test carico fili per terminali - Risposta di: JaKe
penso che il carico di rottura sia un po' uno specchietto per le allodole.
soprattutto per certe marche non è indicato il carico di rottura da laboratorio ma il fatto di salpare un pesce (o presunto tale) di tal peso.
Un test coerente è fatto passando il filo tra due rulli di un buon raggio al quale il filo è avvolto per diversi metri, dopodichè data una lunghezza determinata (1 metro? 2 metri? boh?) si comincia a tirare il macchinario lentamente fino al punto in cui il filo salta e si misura la forza applicata e l'allungamento. In tal caso non ci sono nodi ne intralci di alcun genere, le spire si vanno a stringere molto dolcemente.
In uno scenario un cui ci sono di mezzo nodi è ovvio che i risultati vanno al ribasso, nel tuo caso sarebbe interessante capire in che punto il filo è saltato, scommetto in prossimità del cappio no?

Altro discorso è il fishing test, di un carico anche importante ma sostenuto dall'acqua (che lo fa pesare la metà), non sollevato di peso e ammortizzato dalla canna e dalla lenza madre. Come dire, tirare su una trota da 2kg con un filo da 0.12 che tecnicamente tiene 700 grammi, bè, è possibile con la frizione morbida e il guadino. Ma non si può certo dire che il carico di rottura di quel filo è superiore ai 2kg!

alla fine conta molto la mano, e sentire se un filo è buono c'è un metodo molto semplice, basta prenderne un metro e arrotolarlo su due mani e poi tirare. Se arriva a tagliare la carne bè non c'è tanto da aggiungere, se si spezza è scadente (o semplicemente vecchio). Io non sono certo hercules ma non riuscirei mai a spezzare con le mani un buon 0.14.

Dei valori medi "reali in lenza" che mi aspetterei sono:
0.12 - 600-900gr
0.14 - 800-1400gr
0.16 - 1200-2000gr
0.18 - 1800-2500gr
che mi sembrano in linea coi risultati che hai ottenuto.

Quindi direi che il sistema è provare varie marche e misure e vedere in quale caso ci rimani fregato.
Altro fattore fondamentale in tal senso è la resistenza all'abrasione, uso un shimano .014 che è dichiarato 2.35kg, e sono convinto che ci arriva pure in condizioni ideali, ma è segnato facilmente dai denti della trota per cui diopo 7-8 catture la rottura è dietro l'angolo.

Sono convinto che la dimensione del finale sia di relativa importanza, ho visto pescatori di lunga data tirare su un pesce dietro l'altro con nylon del .20 sui finali preconfezionati del negozio di pesca sotto casa!

Poi ho come l'impressione che un filo tiene di più se lo spezzone è lungo, perchè ripartisce meglio il carico su tutta la superficie. Ma non è che un impressione, eh.

Ah, un altra cosa gia che ci siamo.
osservando ho visto che molti hanno la tendenza di mollare delle ferrate pazzesche. A cosa serve? Se si usa un buon amo basta un colpetto ed è ben piantato. E questi magari si lamentano che gli si spezza il finale, e ci credo bene, con la sberla che tirano la somma di tutto va ben oltre il punto di rottura.

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • MarcoAFF
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Premium Utente
  • Premium Utente
Espandi
08/11/2018 23:55 #7 da MarcoAFF
Test carico fili per terminali - Risposta di: MarcoAFF
le rotture sono avvenute si vicino ill nodi, la maggiorparte sotto l'asola e 1 sicuro subito sopra il nodo dell'amo, non ricordo quali

ricordo con certezza che il JTM fassa una volta rotto è rimasto liscio, senza snervature o pieghe o altro, anche un altro ha fatto così e se non vado errato era lo 0.12 Asso, gli altri invece una volta rotti presentavano lungo TUTTO il filo pieghe e quant'altro

il fatto che dici che il terminale lungo tiene di piu non è solo la tua impressione, è ciò che accade realmente, se il filo ha una estensione del 15% sul metro, avrai risultati diversi tra un terminale da 40cm e uno da 160cm, un amico disse "si spezza sempre la parte corta" parlando di teminale da 16 corto su filo in bobina da 14

comunque il mio test non era per verificare quanto scrivono slla confezione ma per un mio interesse, curiosità nel capire su quale filo posso fare piu affidamento, i risultati hanno confermato ciò che pensavo tranne che per il brave da 12, il resto ne ero certo

p.s. le "ferratone" le capisco solo su teminali lunghi, data appunto l'estensione che ti ritarda il tiraggio dell'amo

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • Non Abilitato per creare nuovo argomento.
  • Non Abilitato rispondere.
  • Non Abilitato per modificare il messaggio.

 Uno dei più grandi colossi del mondo della pesca: “Daiwa” già presente con differenti “succursali” nei vari paesi del mondo, nel corso del 2014, ha modificato ulteriormente il proprio assetto strutturale ed organizzativo dando vita, anche a: “Daiwa Italy”. Questa strategia commerciale ha avuto quindi impatto anche sulla società italiana che si è sempre occupata di progettare, realizzare e commercializzare canne e prodotti a marchio Team Daiwa: la “Fassa S.p.A.” la quale trasformandosi in: “Fassa S.r.l.” ha scelto di continuare, come del resto ha sempre fatto, a sviluppare canne ed attrezzature per la pesca con

La pesca sportiva non è una scienza perfetta ed è proprio anche questa sua particolarità che la rende così affascinante e stimolante; se avessimo la certezza di essere vincenti non saremmo pescatori. Uno degli elementi fondamentali per poter riuscire a rendere le nostre battute di pesca il più possibile vincenti e divertenti è, senza dubbio, l'esperienza. Grazie infatti al nostro vissuto trascorso sulle sponde di un lago, con una canna in mano, saremo in grado di poter analizzare e riconoscere al meglio ogni situazione, ogni condizione e di conseguenza adeguarci ad essa per poter sceglier

Siamo in autunno, ci troviamo al Lago Venere di Livraga (LO), scopriamo assieme come capire dove posizionarci sulle sponde del lago e come affrontare al meglio la nostra battuta di pesca. In questo video affronteremo molti altri argomenti e vedremo assieme ad esempio come imbobinare correttamente un mulinello da pesca. Non poteva mancare l'introduzione di novità riguardanti il mondo della pesca sportiva come ad esempio il nuovissimo mulinello Trabucco Xplore MTC al quale è già stato dedicato un articolo sul blog di macinator che potete trovare QUI. Come di consueto le catture non sono affatto mancate ed il Lago Venere i

La scelta della lenza con cui affrontare le nostre battute di pesca è spesso una scelta difficile da compiere. Nella maggior parte dei casi si procede realizzando la lenza basandosi sulla propria esperienza nonché sulle varie teorie basate sul comportamento delle trote nelle varie stagioni dell'anno. Capita spesso però di effettuare i primi lanci per poi scoprire che qualcosa non funziona. In casi come questi dobbiamo essere pronti a cambiare tipo di lenza fino a trovare quella più adatta alla situazione e che ci consente di effettuare catture con regolarità. In questo episodio di Lake

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.