Fluorocarbon Trabucco FC403 XPS Ultra Strong

15/01/2019 11:26 #1 da Bonez
FC = Fluorocarbon
40= 40% in più di tenuta (rispetto agli altri)
3 = il numero di strati che ne costituiscono la struttura.

FC403 XPS Ultra strong: un fluorocarbon 100%, ultra morbido, invisibile in acqua la cui struttura è costituita da 3 livelli: un'anima in fluorocarbonio ad altissima densità, uno strato, morbido, intermedio ed infine una "pelle" estremamente resistente all'abrasione. Nell'ampia gamma di prodotti disponibile a catalogo Trabucco è proprio questo il filo che ho scelto per realizzare gli spezzoni terminali di tutte le mie lenze. Superate le prove a banco, tra cui quella relativa alla verifica del diametro effettivo (dimostrata dallo scatto sotto riportato), ho successivamente testato sul campo questo fluorocarbon, sia in pesca ad ore che durante 2 gare ottenendo risultati sorprendenti. La particolare morbidezza, abbinata soprattutto a diametri sottili rende la presentazione dell'esca estremamente naturale; così come l'ottima tenuta al nodo e l'elevata resistenza all'abrasione lo rendono un filo estremamente affidabile anche effettuando catture a ripetizione o durante combattimenti con trote di taglia. Se non lo avete ancora fatto e se avete occasione vi invito a provarlo.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

19/01/2019 20:54 #2 da alex1981

Bonez ha scritto: FC = Fluorocarbon
40= 40% in più di tenuta (rispetto agli altri)
3 = il numero di strati che ne costituiscono la struttura.

FC403 XPS Ultra strong: un fluorocarbon 100%, ultra morbido, invisibile in acqua la cui struttura è costituita da 3 livelli: un'anima in fluorocarbonio ad altissima densità, uno strato, morbido, intermedio ed infine una "pelle" estremamente resistente all'abrasione. Nell'ampia gamma di prodotti disponibile a catalogo Trabucco è proprio questo il filo che ho scelto per realizzare gli spezzoni terminali di tutte le mie lenze. Superate le prove a banco, tra cui quella relativa alla verifica del diametro effettivo (dimostrata dallo scatto sotto riportato), ho successivamente testato sul campo questo fluorocarbon, sia in pesca ad ore che durante 2 gare ottenendo risultati sorprendenti. La particolare morbidezza, abbinata soprattutto a diametri sottili rende la presentazione dell'esca estremamente naturale; così come l'ottima tenuta al nodo e l'elevata resistenza all'abrasione lo rendono un filo estremamente affidabile anche effettuando catture a ripetizione o durante combattimenti con trote di taglia. Se non lo avete ancora fatto e se avete occasione vi invito a provarlo.


provato stamattina con trote di taglia in libera il 0.145 ottimo filo secondo me

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

19/01/2019 21:54 #3 da Bonez
Anche oggi, durante una gara, ho utilizzato l’XPS FC403 0.16mm. Durante uno degli ultimi turni mi è capitato di allamare una trota da circa 3-4kg e sono riuscito a portarla a riva in meno di 2 minuti ed a salparla senza guadino, nonostante le numerose catture effettuate in precedenza. Questo credo sia uno dei migliori test per un terminale; superato con 110 e lode. Ribadisco il mio consiglio: “Se avete occasione, provatelo!”

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/10/2020 18:59 #4 da Terranova
Ma hai usato il terminale 0.16 sul lenza madre da 0.16? Oppure avevi in bobina uno 0.18?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

23/10/2020 08:17 #5 da Bonez

Terranova ha scritto: Ma hai usato il terminale 0.16 sul lenza madre da 0.16? Oppure avevi in bobina uno 0.18?


In bobina sempre uno 0,16 Xps Abrasion Plus. Lo spezzone terminale vario dallo 0,12 allo 0,18 a seconda delle necessità.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

23/10/2020 11:07 #6 da Terranova
Ah, quindi capita anche di mettere un terminale dello 0.18 su bobina 0.16? Pensavo fosse “d’obbligo “ mettere terminale più piccolo o al massimo uguale ma non più grande rispetto a quello in bobina.
Oggi acquisterò il XPS Abrasion + da 0.16 ed ho anche visto dovendo usare grammature di 40 grammi (per lo shock) il XPS Velvet procast 0.22 giallo intenso... approvi questa scelta estetica e cromatica per aiutarmi a capire quando sono prossimo al sottoriva?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

23/10/2020 11:21 #7 da Bonez
Certo, ad esempio in partenze di gara, può capitare. Per quanto riguarda lo shock leader io ti consiglierei l'utilizzo del MATCH TAPER LEADER

ciauuuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

23/10/2020 15:17 #8 da Terranova
Grazie del chiarimento, non essendo un garista ed avendo iniziato da tre mesi a pescare non conoscevo affatto tale possibilità. Per lo shock , si , ho seguito la discussione ed il consiglio nel post dedicato.Certamente sono creati ad Hoc ma come detto preferirei avvalermi di un aiutino cromatico. Però ci penso...thanks

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

23/10/2020 15:53 #9 da Bonez
Per quanto riguarda l'aiuto cromatico: premesso che in tutte le altre situazioni (in assenza di shock leader) dovresti già essere abituato a non averlo. l'avvicinarsi dello spezzone terminale potresti intuirlo anche dal passaggio del nodo di giunzione all'interno dell'apicale. I vantaggi di uno spezzone conico (come il Match Taper Leader) sono a mio avviso nettamente superiori rispetto a qualsiasi aiuto cromatico.

ciauuuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

23/10/2020 19:02 #10 da Terranova
Il passaggio del nodino dal cimino lo intuisco e sento molto bene, ma vorrei anche adocchiare l’avvicinarsi della parte finale della lenza in fase di recupero. Potrei provare su due canne le due soluzioni quella da te proposta e lo shock giallo giusto per avere un feedback. Ho appena acquistato l’abrasion plus Purtroppo non ho trovato il Velvet pro cast giallo. Domani cercherò altrove grazie ancora ciao

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.055 secondi

E’ ormai trascorso circa un anno dalla nascita delle prime bolognesi a marchio Fassa le quali, presentate in occasione della manifestazione: “pescare Show 2015”, hanno fatto la loro comparsa sul mercato qualche mese dopo. Realizzate in carbonio alto modulo denominato “CTC” unito ad una bassissima percentuale di resine, le Spirit bolo appaiono estremamente leggere, bilanciate e “scattanti”. Per tutti coloro a cui non fosse ancora chiaro: Fassa, studia, progetta, produce e vende attrezzature da pesca da oltre trent’anni ed in passato lo ha fatto commercializzando alcuni suoi prodotti (tra cui le canne da pesca) con

Laghi di Castello - Castel San Giovanni (PC) - 13/04/2019 Sabato 13 Aprile 2019, presso i Laghi di Castello di Castel San Giovanni (PC), si è svolto l 8° Raduno Macinator. Il Raduno Macinator, NON è una gara ma un'imperdibile: “pescata in compagnia” alla quale possono partecipare sia i più esperti pescatori che tutti coloro che si sono da poco approcciati alla pesca della trota in lago. Al Raduno Macinator è possibile partecipare pescando sia con le varie tecniche dello striscio, che a spinning e trout area. Non trattandosi di una competizione, al termine della pescata, non viene mai effettuato alcun conteggio del pescato

Costruito in svariate forme, differenti materiali e di diverse grammature; il galleggiante, comunemente chiamato anche: “ tappo”, può essere considerato uno dei “simboli” della pesca. Chiunque debba crearsi un’immagine di pesca lo farà, con tutta probabilità, pensando anche ad un galleggiante. Il suo compito è quello di trattenere la lenza ad una profondità prestabilita e di segnalare al pescatore le abboccate del pesce, immergendosi. Nonostante l’immagine del galleggiante sia comunemente associata ad un tipo di pesca “statica”, da qualche tempo, esso ha trovato largo impiego anche nel settore trota lago, agonistico e non solo. Molti

Domenica 1 maggio 2011 si è svolta, presso il lago Verde di Piacenza, una gara a coppie a cui i Macinator Bonez e Pordo hanno partecipato. Le coppie iscritte alla competizione erano 16, suddivise in 4 settori da 4 coppie. Per l'occasione sono state seminate nel lago 2 quintali di trote di piccola taglia che si sono distribuite abbastanza uniformemente su tutto il campo permettendo di effettuare un buon numero di catture a tutti i partecipanti e per tutti i 12 turni di gara. Data la stagione e l’acqua limpidissima le trote erano visibili appena sotto

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: