• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Filo per mulinello alta qualità, resistenza ed usura Tubertini sky-blue

  • Bonez
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Amministratore
  • Amministratore
Espandi
12/01/2012 10:17 #1 da Bonez
Ciao a tutti ragazzi, con questo topic, volevo segnalarvi un ottimo monofilo per mulinello che stò testando da ormai oltre un mese e con il quale mi trovo davvero bene; si tratta del Tubertini Sky-Blue .
Come dice il sito ufficiale, si tratta di un filo prodotto con polyvinilydene fluoride e poliammidi 11” usati per la realizzazione dei monofili da terminale, particolarmente leggeri con aggiunta di derivati dell’acido sebagico per limitarne il surriscaldamento e possibili appiattimenti nello sfregamento sugli anelli.
Io ho imbobinato tutti i miei mulinelli con questo filo del diametro 0,16; fino ad ora zero parrucche, ottima resistenza all'usura e ottima tenuta! Pensate che pochi giorni fa, pescando a trote, a Bordolano, ho catturato uno storione da 14Kg, e mettendo la canna di punta lo ho tirato fuori!!!
Se siete alla ricerca di un filo di ottima qualità, dal prezzo non molto economico, ve lo consiglio!!

Vi lascio un'altra volta il Link alla scheda prodotto sul sito ufficiale Tubertini.

:bye

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • roby_the_killer
  • Offline
  • Anziano Utente
  • Anziano Utente
  • pesca ignoranza
Espandi
12/01/2012 10:38 #2 da roby_the_killer
quanto l'hai pagato bonez?..essendo fluorocarbon mi sa che sarà una bella fucilata :D

io usavo il krepton ma costa troppo per i miei gusti...rapporto qualità prezzo non ne vale la pena..

ora ho preso 1000m di falcon ma sinceramente non l'ho ancora imbobinato su nessuno...

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • Bonez
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Amministratore
  • Amministratore
Espandi
12/01/2012 10:51 #3 da Bonez
Prezzo alto, ma a mio avviso non eccessivo e soprattutto sembra valere tutti quei soldi per il momento; resta solo da valutarne bene la durata nel tempo; comunque 31€ per 1000mt

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • roby_the_killer
  • Offline
  • Anziano Utente
  • Anziano Utente
  • pesca ignoranza
Espandi
12/01/2012 13:19 #4 da roby_the_killer
Il prezzo non è affatto eccessivo considerato che è un fluorocarbon! Il krepton lo si paga 20 euro come minimo...ma per 500 M e non è in fluorocarbon!

Direi che se finita la bobina di falcon se ci confermi che anche la durata è buona lo proverò di sicuro :ok


Ma una domanda...non ho ben inteso come hai salpato lo storione...di filo senza il guado tenendo la canna scarica?? dimmi che ho capito male XD

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • Bonez
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Amministratore
  • Amministratore
Espandi
12/01/2012 13:28 #5 da Bonez
No, per quanto riguarda lo storione non mi sono spiegato molto bene... Ho effettuato il recupero fino a riva (durato all'incirca 15 minuti) mantenendo la canna "dritta" parallela alla superficie dell'acqua, per evitare di romperla e tenendo la frizione quasi inchiodata! Poi, una volta nei pressi del sottoriva, il gatTEO mi ha aiutato prendendo in mano il filo (sky-blue) e tirando fino in superficie lo storione (agganciato per la coda) e prendendolo poi per la coda per tirarlo fuori dall'acqua. Lo sky-blue si è dimostrato un filo resistentissimo a tal punto da farmi coniare subito uno slogan che ho urlato subito al gatTEO: "Imbobina lo sky-blu e non guadini più"!!!

:risata :risata :risata

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
12/01/2012 14:15 #6 da korns26
:ok non riesco a capire come mai hai cambiato filo?? .....forse dopo tante ti e' capitata una bobina di velvet schifo blu , che appena la imbobini e ci fai una pescata , rimpiangi il giorno che l'hai comprato ...finalmente te ne e' capitata una anche a te per non parlare dell'altro schifo rosso .... stessa risma!!!! ciaaoooo

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • Bonez
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Amministratore
  • Amministratore
Espandi
12/01/2012 14:25 - 12/01/2012 14:27 #7 da Bonez
Ma, guarda, era un anno che non cambiavo i fili e, soprattutto utilizzando il velvet economico, la resistenza e l'affidabilità erano diminuite; insomma, era giunto il momento di sostituirlo. Ho così deciso di passare ad un filo più performante e più duraturo e dopo aver cercato tra i vari cataloghi on-line ed aver parlato con il mio negoziante, ho optato per lo Sky-blue. Insomma, con il Velvet non mi sono trovato male, soprattutto considerando il prezzo, ma la sua durata nel tempo sappiamo tutti qual'è; ho così scelto lo Sky blue che si stà rivelando un OTTIMO monofilo.

Ciauuuuuuz!
Ultima Modifica 12/01/2012 14:27 da Bonez.

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • roby_the_killer
  • Offline
  • Anziano Utente
  • Anziano Utente
  • pesca ignoranza
Espandi
12/01/2012 19:18 #8 da roby_the_killer
vabè tirare un baffo di 15 kg solo di filo senza utilizzare la flessibilità della canna..e non rompere è una chimera!

che è de feroooo??? :D

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
04/03/2012 15:27 #9 da alex
tiro su questo topic proprio per parlare del TUBERTINI SKY BLUE , stamane al laghetto vicino casa mia ( vero Gozzilla :risata ) parlavo con 2 garisti che avevano tutte le canne imbobinate con suddetto filo !
Contentissimi ed Entusiasti :ok
lo 0,16 me lo hanno fatto provare in mano e , al tiro (vabbè che non ho molta forza e sò na s@@@) dicevo al tiro non son riuscito a romperlo ..... :evil:
quasi quasi lo provo !

Bonez come procede la tua prova sul campo?

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • Bonez
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Amministratore
  • Amministratore
Espandi
04/03/2012 15:34 #10 da Bonez
Ciao alex, io ti ribadisco che si tratta di un ottimo filo: grandissima resistenza e dovrebbe garantire grande durata!
"Imbobina lo sky blue e non guadini più!"
Ciauuuz

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • Non Abilitato per creare nuovo argomento.
  • Non Abilitato rispondere.
  • Non Abilitato per modificare il messaggio.

Non lasciate che l’inverno fermi le vostre battute di pesca alla trota: in questo video troverete mille e più trucchi per raggirare anche il salmonide più apatico ed indolente! Maracas o vetrino? Ferrare subito o attendere? Mettetevi comodi e scopritelo insieme a noi! É inverno, la temperatura tocca i 4°C, e una fitta nebbia lascia filtrare ben poca luce. In queste condizioni ‘’al limite’’, le trote sono spesso molto difficili da pescare, poiché il loro metabolismo è più lento, e la voglia di cacciare si riduce drasticamente. Daniele “Macinator” Bonetti, in compagnia di Giovanni Trespidi,

  Domenica 17 marzo 2013, teatro di una bellissima manifestazione, è stato ancora una volta il magnifico laghetto Smeraldo di Langhirano (PR) presso il quale si è svolta una divertentissima gara di pesca alla trota ad invito, a cui hanno partecipato 35 concorrenti suddivisi in 7 settori da 5 e tra cui eravamo presenti anche io (Bonez), Sandro, Ivan ed altri 2 nostri "soci": Michele e Fabio. Per l’occasione sono state immessi 230Kg di trotelle da gara (6,5Kg a concorrente) di pezzatura 130 - 150 grammi circa; per un totale di circa 1500 pesci ed

Sabato 3 settembre 2011, io (Bonez) assieme al Cavoz, ci siamo recati al lago del Cigno che si trova in via Donzinetti 43 a Borgosatollo (BS): un lago dalle medie dimensioni, ma piuttosto profondo; caratterizzato da un’acqua limpidissima e fresca in grado di ospitare le trote anche durante i periodi più caldi dell’anno. Giunti sul posto, verso le 7:30 del mattino, abbiamo dato uno sguardo generale al lago, analizzando soprattutto le zone più affollate dalla presenza di pescatori, ed abbiamo subito notato che vi era una densa concentrazione di pescatori sulla riva di ghiaia, opposta

 Uno dei più grandi colossi del mondo della pesca: “Daiwa” già presente con differenti “succursali” nei vari paesi del mondo, nel corso del 2014, ha modificato ulteriormente il proprio assetto strutturale ed organizzativo dando vita, anche a: “Daiwa Italy”. Questa strategia commerciale ha avuto quindi impatto anche sulla società italiana che si è sempre occupata di progettare, realizzare e commercializzare canne e prodotti a marchio Team Daiwa: la “Fassa S.p.A.” la quale trasformandosi in: “Fassa S.r.l.” ha scelto di continuare, come del resto ha sempre fatto, a sviluppare canne ed attrezzature per la pesca con

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.