ami owner

19/06/2012 19:57 #1 da palaz
ami owner - discussione creata da: palaz
cosa ne pensate di questi ami se c'è qualcuno del forum che li usa,me ne hanno parlato bene e a quanto pare costano meno dei gamakatsu..ho notato che hanno misure diverse ad esempio il n 6 è grande come l'8 gamakatsu,ma quello che mi interessa è sapere se sono resistenti e leggeri allo stesso tempo ad es quelli che uso io sonoleggeri e ficcano di brutto ma si aprono se non li tratti con cura e avolte prima di innescare mi devo mettere a piegarlo nella posizione originale..

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

19/06/2012 20:17 #2 da Bonez
Re: ami owner - Risposta di: Bonez
Ciao Palaz, se dai un occhio all'articolo: "filo, amo, girella" ti accorgerai che sono gli ami che io stesso consiglio; personalmente mi trovo molto bene con gli Owner 50674 del n.5 che corrispondono ad un normale amo n.8 in quanto Owner utikizza una misurazione inversa rispetto al normale. Si tratta di ami piuttosto leggeri e "sottili" ma allo stesso tempo molto resistenti; mi capita molto raramente di trovarmi con l'amo "aperto". Ultima cosa da dire in merito è che se trovi in alternativa i Tubertini serie 674 del n.8 saranno gli stessi IDENTICI ami...

Ciauuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

19/06/2012 21:20 #3 da Pordo
Re: ami owner - Risposta di: Pordo
Ciao Palz, fino ad un'annetto fa usavo anch'io gli owner/tubertini ma visto che sbagliavo una valanga di trote ho voluto provare i Gamakatsu! Risultato me ne sono innamorato e non sono più tornato indietro! Serie 608N per la velocità,608 TC in ricerca e 608 NS per la pesca estiva quando si usa spesso la pasta!!! Cmq penso che è una questione piuttosto personale... Il Bonez aveva comprato un po' di buste di questi ami (su mio consiglio :risata ) e me le ha regalate tutte perché in un turno di gara ha perso piú trote che in 10 anni che pesca... :spancia :spancia :spancia

Gio

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

19/06/2012 23:16 #4 da goran
Re: ami owner - Risposta di: goran
ah adesso capisco perchè gli hai fatto comprare quegli ami!!! :spancia

TEAM ARTICO

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/06/2012 11:54 #5 da palaz
Re: ami owner - Risposta di: palaz

Bonez ha scritto: Ciao Palaz, se dai un occhio all'articolo: "filo, amo, girella" ti accorgerai che sono gli ami che io stesso consiglio; personalmente mi trovo molto bene con gli Owner 50674 del n.5 che corrispondono ad un normale amo n.8 in quanto Owner utikizza una misurazione inversa rispetto al normale. Si tratta di ami piuttosto leggeri e "sottili" ma allo stesso tempo molto resistenti; mi capita molto raramente di trovarmi con l'amo "aperto". Ultima cosa da dire in merito è che se trovi in alternativa i Tubertini serie 674 del n.8 saranno gli stessi IDENTICI ami...

Ciauuuuuuz


ciao questa mattina ho visto in negozio gli ami 50674 e li ho messi a confronto con i gama del n 8,e ho notato che fanno una curva molto accentuata e sembrano piu grossi rispetto ai gama addirittura mi hanno dato la sensazione che x pescare le trotelle da 100 gr siano enormi....

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/06/2012 11:59 #6 da palaz
Re: ami owner - Risposta di: palaz

Pordo ha scritto: Ciao Palz, fino ad un'annetto fa usavo anch'io gli owner/tubertini ma visto che sbagliavo una valanga di trote ho voluto provare i Gamakatsu! Risultato me ne sono innamorato e non sono più tornato indietro! Serie 608N per la velocità,608 TC in ricerca e 608 NS per la pesca estiva quando si usa spesso la pasta!!! Cmq penso che è una questione piuttosto personale... Il Bonez aveva comprato un po' di buste di questi ami (su mio consiglio :risata ) e me le ha regalate tutte perché in un turno di gara ha perso piú trote che in 10 anni che pesca... :spancia :spancia :spancia


ciao gli ami che usi tu sono quelli storti?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/06/2012 14:27 #7 da Pordo
Re: ami owner - Risposta di: Pordo
Ciao Palaz si i 608 sono tutti storti! :bye

Gio

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/06/2012 15:57 #8 da paguro
Re: ami owner - Risposta di: paguro
serie 608N per la velocità,608 TC per ricerca. che differenza c'è ????? :bye

tiraaaaaaaaaaaaaa

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/06/2012 18:00 #9 da Bonez
Re: ami owner - Risposta di: Bonez

palaz ha scritto: ciao questa mattina ho visto in negozio gli ami 50674 e li ho messi a confronto con i gama del n 8,e ho notato che fanno una curva molto accentuata e sembrano piu grossi rispetto ai gama addirittura mi hanno dato la sensazione che x pescare le trotelle da 100 gr siano enormi....


Io utilizzo praticamente sempre gli Owner 50674 del n.5 e non li trovo affatto eccessivi come dimensioni; li ho utilizzati anche la scorsa domenica a Martinengo con trotelle da corca 100gr ma si sono rivelati azzeccati come sempre. Comunque tengo a precisare che l'amo è una scelta piuttosto personale e soggettiva e in quanto alla sua dimensione va scelta in base all'esca o comunque al tipo di innesco che si andrà ad effettuare piu che in base alla dimensione del pesce...

Ciauuuuuuz
Ringraziano per il messaggio: catti81

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/06/2012 19:02 #10 da Pordo
Re: ami owner - Risposta di: Pordo

paguro ha scritto: serie 608N per la velocità,608 TC per ricerca. che differenza c'è ????? :bye


I 608 TC sono rivestiti in PTFE un materiale speciale che gli da una colorazione particolare (opaca) che favorisce il mimetismo in quanto non si riflette in acqua,in più questa superficie favorisce la penetrazione dell'esca senza fare alcun attrito e in caso di innesco di camola singola cucita è l'ideale in quanto essa non scoppia o si rovina!!! Non lo consiglio in velocità perché in questo caso i suoi punti di forza possono rivelarsi un'arma a doppio taglio in quanto essendo meno visibile in caso di assenza dell'esca sarà difficilmente individuabile dalla trota,in più se si innesca velocemente senza "cucire" è molto più facile che l'esca scenda e quindi consiglio in questo caso il 608 N!!!

Gio

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.051 secondi

 Mercoledì 20 luglio 2011, io (Bonez), Pordo ed un amico siamo andati a testare i Laghi Blu Magenta (MI); si tratta di un lago dalle dimensioni medio/grandi in cui, data la sua grande profondità, si effettua la pesca alla trota tutto l’anno; anche durante i periodi più caldi come quello in cui siamo. Siamo giunti sul posto verso le ore 10 di mattina, dopo una bella macinata di 120 chilometri circa, e dato che era la prima volta in assoluto che ci trovavamo a pescare al Lago Blu Magenta, per quanto riguarda la scelta del

Sabato 17 settembre 2011, io (Bonez), Cavoz e Soffritto, abbiamo deciso di fare una pescata in un laghetto piccolo e ci siamo così recati al laghetto di Roccafranca (BS). Muniti di navigatore, dato che nessuno di noi era mai stato in quel lago, siamo giunti a destinazione verso le ore 7:10 del mattino e nonostante fosse abbastanza presto, la prima metà del laghetto era già occupata, su entrambe le sponde, da parecchi pescatori. Così, dopo aver effettuato il biglietto, ci siamo posizionati in una posizione quasi “obbligata”; precisamente a circa metà del lago sulla sponda opposta

Domenica 8 maggio noi Macinator: Bonez e Pordo abbiamo partecipato ad una gara a coppie a Quinzano d’Oglio (BS) organizzata dalla società il Cefalo! Si tratta di un laghetto rettangolare piuttosto piccolo che può contenere al massimo 40 concorrenti che pescano contemporaneamente. Per l’occasione sono state immesse 2 quintali di trote che come spesso capita in questo campo di gara, gran parte si sono concentrate  in una zona del lago dove vi è una piccola cascata provocata dall’acqua di un canalino adiacente che alimenta il lago. Le 20 coppie partecipanti, sono state suddivise in 4

Perché dobbiamo rilasciare il luccio? Il luccio va rilasciato perché questo fantastico predatore sta scomparendo. Soffre l'inquinamento, soffre le reti dei pescatori di professione, soffre la crudeltà dei bracconieri, soffre i cosiddetti: “padellari”; ovvero coloro che non rilasciano nulla. In Italia ne sono rimasti pochi e soltanto in pochissimi ambienti. Quello che un tempo era al vertice della catena alimentare, è ormai diventato solo una cattura occasionale. Partiamo da un dato di fatto: per avere la certezza di non arrecare alcun, seppur minimo, danno ai pesci dovremmo evitare di andare a pesca. Nella pratica del Catch

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: