• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

bombarde

  • kooji
  • Autore della discussione
  • Visitatori
  • Visitatori
14/09/2011 10:33 #1 da kooji
bombarde - discussione creata da: kooji
potrei chiedere come si calcola realmente l'affondabilità di una bombarda -... cioè un aff. 2- 3 ecc quanto scendono ..... vedi io ormai vado a occhio e piu o meno caposco quanto scendono ma cè un modo sicur0??

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
14/09/2011 11:54 #2 da Bonez
Re: bombarde - Risposta di: Bonez
Certo kooji, puoi chiedere tutto quello che vuoi riguardo il mondo della pesca alla trota, ma in merito a questa tua domanda non esiste una risposta precisa o per lo meno non esiste un modo sicuro per sapere quanto cala una bombarda. Entrano in gioco infatti numerose variabili e leggi fisiche che influiscono in modi differenti a seconda delle situazioni, come ad esempio: la forma della bombarda, la dimensione, la distanza di lancio, l'attrito del filo, ecc...; cerco di spiegarmi meglio con alcuni esempi:
Una bombarda da 15gr G3 - G4 si troverà a circa 1 metro di profondità dopo circa 5 secondi, ma la stessa cosa non vale per una bombarda da 30gr G2 in quanto, pur avendo lo stesso peso specifico della precedente una volta in acqua, scenderà un po' più lentamente a causa del maggiore attrito (date le dimensioni maggiori).
Se si attende poi, per altri 5 secondi, che la bombarda affondi essa non affonderà di un altro metro, ma leggermente di meno e sempre meno per i successivi 5 secondi a causa dell'attrito delle forze in gioco e della pressione dell'acqua. Anche per questo non si utilizzano bombarde g3 - g4 per pescare a profondità medie o elevate, ma in queste occasioni si scelgono bombarde con un'affondabilità maggiore, indicate per pescare in profondità, come ad esempio il bugiardino.
Anche nel caso della pesca in profondità vale più o meno il discorso di prima ed è inoltre molto importante in questo caso considerare se l'archetto del mulinello è chiuso o aperto, durante la fase di calata della bombarda; perchè si ottiene mediamente una calata a velocità doppia, della bombarda, nel caso in cui l'archetto venga mantenuto aperto. Detto questo possiamo dire INDICATIVAMENTE che, ad esempio: un bugiardino da 15gr si troverà ad una profondità di circa 15 metri dopo circa 30 secondi di affondamento ad archetto chiuso oppure dopo 15-18 secondi ad archetto aperto.
In conclusione ribadisco che non è possibile dare un informazione precisa riguardo alla profondità raggiunta dalla bombarda, dopo un tempo di calata misurato, ma in questo tipo di pesca è importante sapere quanto si è lasciata calare la bombarda nel momento in cui si è effettuata una cattura, per poter ripetere la stessa identica operazione, lasciando calare ESATTAMENTE lo stesso tempo di prima la bombarda, per raggiungere la stessa profondità del lancio precedente ed avere quindi la certezza di trovarsi alla stessa profondità di prima avendo di conseguenza maggiori probabilità di cattura.

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • kooji
  • Autore della discussione
  • Visitatori
  • Visitatori
14/09/2011 21:36 #3 da kooji
Re: bombarde - Risposta di: kooji
ehehe grazie mille un po me lo aspettavo infatti quando magari cabio marca di bembarde sono un po nella c***a XD

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
14/09/2011 21:50 #4 da Bonez
Re: bombarde - Risposta di: Bonez
Prego, figurati... Infatti, le bombarde bisogna imparare a conoscerle e grazie all'esperienza si ottiene un certo feeling che consente di ottenere ottimi risultati con il tempo. Cambiare continuamente marche e modelli di bombarda spesso è controproducente...
Ciauuuuz

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • kooji
  • Autore della discussione
  • Visitatori
  • Visitatori
15/09/2011 08:05 #5 da kooji
Re: bombarde - Risposta di: kooji
ciao ciao XD siete grandi ps se avete bisogno XD chiedete pure

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • Non Abilitato per creare nuovo argomento.
  • Non Abilitato rispondere.
  • Non Abilitato per modificare il messaggio.

Domenica 12 giugno, presso il Lago Smeraldo di Langhirano (PR), si è svolta una bellissima gara aperta a 60 coppie che pescavano alternativamente sullo stesso picchetto; proprio per questo alcuni concorrenti hanno deciso di parteciparvi individualmente pagando ovviamente la quota d’iscrizione doppia. La manifestazione prevedeva il rilascio di ben 7 quintali di trotelle da gara (circa 10/12 pesci per ogni Kg) ed è stata suddivisa in 10 spostamenti; ognuno dei quali prevedeva il doppio turno di pesca: prima pescava il concorrente n°1 e poi il concorrente n°2 di ogni coppia. Giunti sul posto, a noi

Scattare una foto con una BIG TROUT è il sogno segreto di qualsiasi angler appassionato di Lake Trout Fishing, ma per farlo è necessario prima catturare la TROTA BIG… un problema non indifferente, se si considera che pesci di quelle dimensioni sono VERAMENTE difficili da catturare. Ecco dove veniamo in soccorso noi! In questo episodio imparerete tantissimi trucchi e segreti per catturare una BIG TROUT degna di foto… e magari anche di qualcosina in più! Buona visione https://www.youtube.com/watch?v=HzXXHovHVUo   🧰 Per questo video abbiamo usato… 🧰 Canne da Trota Lago per Bombarda e

Domenica 1 maggio 2011 si è svolta, presso il lago Verde di Piacenza, una gara a coppie a cui i Macinator Bonez e Pordo hanno partecipato. Le coppie iscritte alla competizione erano 16, suddivise in 4 settori da 4 coppie. Per l'occasione sono state seminate nel lago 2 quintali di trote di piccola taglia che si sono distribuite abbastanza uniformemente su tutto il campo permettendo di effettuare un buon numero di catture a tutti i partecipanti e per tutti i 12 turni di gara. Data la stagione e l’acqua limpidissima le trote erano visibili appena sotto

In questo nuovo episodio di Lake Trout Academy 2023, Daniele esplora il mondo delle esche per la pesca a trota lago. Dopo aver affrontato le canne nella puntata precedente, ci guida attraverso la scelta delle esche più efficaci in base alle variabili del luogo di pesca. Presso il lago Bernardi di Aulla, Daniele analizza la taglia del pesce target, determinando così le esche più adatte. Si approfondisce anche l'importanza dei colori in diverse condizioni ambientali. Il video offre inquadrature dettagliate sulle esche artificiali, fornendo consigli su come ottenere inneschi perfetti. Daniele mostra l'efficacia dell'innesco multiplo

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.