• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Le bombarde!

  • ANTONIO84
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Platino Utente
  • Platino Utente
  • Non e la canna a farti diventare bravo
Espandi
10/10/2012 23:02 #1 da ANTONIO84
Le bombarde! - discussione creata da: ANTONIO84
Mi rivolgo alle persone con esperienza nel settore bombarde,tutti insomma :occhiolino ,sapreste indicarmi a che profondita arrivano gli G delle bombarde esempio G1=40cm e così via fino ad arrivare ad un G8 grazie a tutti,io o già un'idea ma voglio vedere se è giusta

ANTONIO 84

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
10/10/2012 23:55 #2 da Bonez
Le bombarde! - Risposta di: Bonez
Il "G" di una bombarda non indica la profondità a cui arriva, ma il peso che la bombarda assume una volta in acqua; quindi, prendendo come esempio un G1 significa che in acqua si comporterà come fosse un piombo da 1gr e quindi, con un po' di pazienza, se lasciata calare, arriverà sul fondo anche lei...

Ciauuuuuuz

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • ANTONIO84
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Platino Utente
  • Platino Utente
  • Non e la canna a farti diventare bravo
Espandi
11/10/2012 07:50 #3 da ANTONIO84
Le bombarde! - Risposta di: ANTONIO84
Si questo lo so ma sicuramente un G maggiore arriva ad una certa profondita prima per poi rallentare per la pressione che c'è su di lei,quindi G1 farà i primi 40cm d'acqua in fretta per poi aspettere molto tempo prima che arrivi sul fondo quindi una G1 va in pesca a 40cm per me capito capo,o sbaglio?

ANTONIO 84

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
11/10/2012 08:55 #4 da Bonez
Le bombarde! - Risposta di: Bonez
Corretto e logico che più il G è maggiore e più raggiunge una determinata profondità in minor tempo, ma non è vero che si ha un netto e drastico rallentamento ad una determinata profondità in base al G di una bombarda (come nel tuo es dei 40cm con un G1). Si deve invece considerare che ovviamente non è sensato pescare con un G1 a ridosso del fondo in quanto servirebbero sia un'attesa lunghissima, per far si che la bombarda raggiunga la profondità desiderata, che un recupero estremamente lento, per evitare che si sollevi troppo dal fondo. La scelta del G della bombarda più adatto alla situazione varia di volta in volta, non solo a seconda della profondità di pesca, ma anche in base all'apaticità delle trote ed alla loro "velocità"; possiamo comunque, in linea di massima, schematizzare il tutto in una breve tabella:

Pesca in superficie (0cm - 100cm) --> G0 - G4
Pesca a mezz'acqua (100cm - 300cm) --> G4 - G7
pesca in profondità (300cm - e oltre) --> G7 - Piombo puro

ciauuuuz

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
11/10/2012 09:01 #5 da oldman
Le bombarde! - Risposta di: oldman
:occhiolino :occhiolino questa non e' farina del mio sacco.... :occhiolino :occhiolino

ma una risposta che ha dato Fausto Buccella alla tua stessa domanda....


E' sbagliato con le bombarde, utilizzare i metri come unità di misura per calcolarne la profondità di pesca, L'unità di misura dev'essere il tempo di caduta o meglio, i secondi di caduta indipendentemente dal peso e dalla "G." della bombarda. E' ovvio che se si vuole comunicare a qualcuno la profondità di pesca che in un certo momento si sta attuando, bisogna anche dargli le coordinate della bombarda (modello, peso e "G.").
Non è vero che una bombarda che in 5 secondi affonda un metro, in 10 ne affonda due. Affonda meno perché, man mano che la bombarda scende, aumenta la resistenza dell'acqua sul corpo e sul filo. Probabilmente, subisce anche il graduale aumento della pressione. L'ho riscontrato personalmente nella
pesca sul fondo estiva dove, con le bombarde "toste" (bugiardino - affondante) fai i primi 10 metri ad esempio in 10 secondi e gli altri 5 in 15 secondi.
Per far permanere una bombarda ad una determinata profondità, sono importanti tre cose: l'assetto della bombarda in acqua (discesa planante o di punta), la velocità costante del recupero e la posizione alta o bassa della canna.
L'assetto planante aiuta la bombarda a tenere la corsia di pesca.
L'assetto di punta favorisce i recuperi a saliscendi perché la bombarda è fisicamente predisposta alla salita e alla discesa, rapide. La velocità del recupero più o meno rapida, incide poco sulle bombarde ad assetto planante mentre incide tanto sulle bombarde ad assetto di punta.
La posizione alta o bassa della canna, aiuta molto tutte le bombarde a tenere o a lasciare la corsia di pesca perché cambia l'angolo del filo e quindi la traiettoria di traino.
In primavera, ottime sono tutte le bombarde con "G." attorno ai 4 gr. d'affondamento (Greys 9 gr. G.2 e G.3,5 - Match rosse 15 gr. G.4 ....) che puoi tranquillamente utilizzare sia con le camole, i vermi ...etc. e sia con l'alborellina. Terminale mai troppo lungo: 130 cm. con le bombarde sui 10 grammi di peso; 150 cm. circa con le bombarde di peso superiore ai 10 gr. La ragione di questa lunghezza ridotta rispetto a quella normalmente utilizzata in autunno ed in inverno, è data dalla maggiore aggressività delle trote e dalla maggiore velocità dei recuperi strisciati.

:bye :bye

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
11/10/2012 09:47 #6 da Bonez
Le bombarde! - Risposta di: Bonez

oldman ha scritto: :occhiolino :occhiolino questa non e' farina del mio sacco.... :occhiolino :occhiolino

ma una risposta che ha dato Fausto Buccella alla tua stessa domanda....


E' sbagliato con le bombarde, utilizzare i metri come unità di misura per calcolarne la profondità di pesca, L'unità di misura dev'essere il tempo di caduta o meglio, i secondi di caduta indipendentemente dal peso e dalla "G." della bombarda. E' ovvio che se si vuole comunicare a qualcuno la profondità di pesca che in un certo momento si sta attuando, bisogna anche dargli le coordinate della bombarda (modello, peso e "G.").
Non è vero che una bombarda che in 5 secondi affonda un metro, in 10 ne affonda due. Affonda meno perché, man mano che la bombarda scende, aumenta la resistenza dell'acqua sul corpo e sul filo. Probabilmente, subisce anche il graduale aumento della pressione. L'ho riscontrato personalmente nella
pesca sul fondo estiva dove, con le bombarde "toste" (bugiardino - affondante) fai i primi 10 metri ad esempio in 10 secondi e gli altri 5 in 15 secondi.
Per far permanere una bombarda ad una determinata profondità, sono importanti tre cose: l'assetto della bombarda in acqua (discesa planante o di punta), la velocità costante del recupero e la posizione alta o bassa della canna.
L'assetto planante aiuta la bombarda a tenere la corsia di pesca.
L'assetto di punta favorisce i recuperi a saliscendi perché la bombarda è fisicamente predisposta alla salita e alla discesa, rapide. La velocità del recupero più o meno rapida, incide poco sulle bombarde ad assetto planante mentre incide tanto sulle bombarde ad assetto di punta.
La posizione alta o bassa della canna, aiuta molto tutte le bombarde a tenere o a lasciare la corsia di pesca perché cambia l'angolo del filo e quindi la traiettoria di traino.
In primavera, ottime sono tutte le bombarde con "G." attorno ai 4 gr. d'affondamento (Greys 9 gr. G.2 e G.3,5 - Match rosse 15 gr. G.4 ....) che puoi tranquillamente utilizzare sia con le camole, i vermi ...etc. e sia con l'alborellina. Terminale mai troppo lungo: 130 cm. con le bombarde sui 10 grammi di peso; 150 cm. circa con le bombarde di peso superiore ai 10 gr. La ragione di questa lunghezza ridotta rispetto a quella normalmente utilizzata in autunno ed in inverno, è data dalla maggiore aggressività delle trote e dalla maggiore velocità dei recuperi strisciati.

:bye :bye


Grandissima spiegazione di un grande campione!

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • ANTONIO84
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Platino Utente
  • Platino Utente
  • Non e la canna a farti diventare bravo
Espandi
11/10/2012 15:14 #7 da ANTONIO84
Le bombarde! - Risposta di: ANTONIO84
Ok grazie bonez grazie oldman grazie fausto

ANTONIO 84

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • giank1966
  • Offline
  • Platino Utente
  • Platino Utente
  • Presidente ADP LAGHI VERDI Team Daiwa (Inverigo)
Espandi
11/10/2012 16:28 #8 da giank1966
Le bombarde! - Risposta di: giank1966

Bonez ha scritto: Il "G" di una bombarda non indica la profondità a cui arriva, ma il peso che la bombarda assume una volta in acqua; quindi, prendendo come esempio un G1 significa che in acqua si comporterà come fosse un piombo da 1gr e quindi, con un po' di pazienza, se lasciata calare, arriverà sul fondo anche lei...

Ciauuuuuuz


Forse arriverà sul fondo... e con mooooooolta pazienza.... :ok :ok

ADP Laghi Verdi (Inverigo) TEAM DAIWA

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • ANTONIO84
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Platino Utente
  • Platino Utente
  • Non e la canna a farti diventare bravo
Espandi
11/10/2012 18:55 #9 da ANTONIO84
Le bombarde! - Risposta di: ANTONIO84
Signori io capisco il vostro discorso ma a questo punto perché sono state create bombarde con G differenti? Per consentire al pescatore di arrivare più velocemente in zona di pesca giusto? Si sa che qualsiasi cosa buttata in acqua prima o poi raggiunge il fondo a meno che galleggi,io però dico se butto una bombarda con esempio G1 farà i primi 40 cm veloci poi per via della gravità e della pressione i restanti mentori saranno molto più lenti per raggiungere il fondo quindi quello che dico io una G1 va in pesca a 40cm aspettando quei secondi dovuti,altrimenti perché pescare con diverse G basta farne una tanto prima o poi va in pesca non so se mi sono spiegato.( per zon di pesca voglio indicare il punto più profondo e più veloce che il G evidenziato raggiunge con facilità)

ANTONIO 84

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • stiuitnt
  • Offline
  • Platino Utente
  • Platino Utente
  • Asd Valnure
Espandi
11/10/2012 19:05 - 11/10/2012 19:07 #10 da stiuitnt
Le bombarde! - Risposta di: stiuitnt
sono state create bombarde con g diverso perchè sì è vero che un g1 raggiunge il fondo però se devo pescare ad una determinata profondità,poni il caso 3 metri sotto il pelo dell acqua,non potrai mai farlo con un g1 ma devi aumentare almeno a g4...

poi per esempio non ha senso usare un 20 grammi bugiardino in 3 metri d acqua perhè la stessa funzione la svolge egregiamente un g4-g5 in quella profondità e ha molta più sensibilità...

ma pesce alto non vuol dire nemmeno bombarda da superficie...in molti usiamo bombarde affondanti (io mi trovo ben col 13g4 di guerra) su molto pesce lungo in partenza di gara quando vedi le bollate e c è molto pesce in modo da entrare subito in pesca ed essere mooolto più veloce rispetto ad esempio a una maracas o a uno static di milo...

secondo me il discorso bombarde sì sarà pur teorico di calcoli di affondamenti ma la parte più grossa la fa l esperienza,pescare spesso con le stesse bombarde e conoscerne a dovere i comportamenti in acqua...bombarde statiche,affondanti,semiaffondanti e galleggianti non hanno le stesse caratteristiche,come non hanno le stesse caratteristiche ad esempio due bombarde "g2" di diversa marca...per questo è difficile stabilire in linea generale solo dal "g" quanto affonda una bombarda...spero di essermi spiegato! :)
Ultima Modifica 11/10/2012 19:07 da stiuitnt.

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • Non Abilitato per creare nuovo argomento.
  • Non Abilitato rispondere.
  • Non Abilitato per modificare il messaggio.

  Domenica 25 Marzo 2012, presso il laghetto: “La Trota nel Birreto” di Corno Giovine (LO), si è disputata la prima prova del Campionato Provinciale Individuale ed a Squadre della provincia di Lodi organizzata dalla società A.S.D. Pescasport Graffignana Milo. Non mi soffermo sulla descrizione del complesso in quanto è già stato recensito in altre occasioni, ma passo subito al “vivo” della manifestazione. Per quanto riguarda me (Bonez) e Pordo, facendo parte della società organizzatrice, il tutto ha avuto inizio nel tardo pomeriggio di sabato 24 Marzo; quando verso le ore 18:45, dopo aver atteso

Un magnifico lago, come quello di Langhirano, meritava senza dubbio un evento altrettanto speciale; così, la società di pesca sportiva: La Fabiola e grazie al particolare contributo di Gianluca Petrolini (utente petro475) hanno deciso di organizzare per domenica 09 Giugno 2013 un particolare evento denominato: "Trout Mania". Ossia una gara di pesca alla trota aperta a 75 coppie che si sono confrontate pescando alternativamente sullo stesso picchetto trovandosi dinnanzi a ben 15 quintali di trotelle di taglia 120-130 grammi e che la mattina dell'evento hanno dato vita ad un "tappeto" distribuito piuttosto uniformemente su tutto

Martedì 16 agosto 2011, io (Bonez), Pordo e Cavoz, in compagnia delle rispettive mogli, figlie e fidanzate, abbiamo deciso di trascorrere il dopo ferragosto in un bellissimo lago di pesca sportiva, che nessuno di noi aveva mai visitato prima, ma che ci è stato consigliato dal grande cornelli: il lago di Rogno. Si tratta di un lago dalle medio/grandi dimensioni e dalla elevata profondità, caratterizzato da un bel paesaggio circostante ed un’acqua talmente cristallina e pura al punto di permetterne la balneazione; esiste infatti una zona del lago delimitata da una grossa corda tenuta in

Domenica 8 maggio noi Macinator: Bonez e Pordo abbiamo partecipato ad una gara a coppie a Quinzano d’Oglio (BS) organizzata dalla società il Cefalo! Si tratta di un laghetto rettangolare piuttosto piccolo che può contenere al massimo 40 concorrenti che pescano contemporaneamente. Per l’occasione sono state immesse 2 quintali di trote che come spesso capita in questo campo di gara, gran parte si sono concentrate  in una zona del lago dove vi è una piccola cascata provocata dall’acqua di un canalino adiacente che alimenta il lago. Le 20 coppie partecipanti, sono state suddivise in 4

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.