Filo terminale... nylon o fluorocarbon

29/10/2012 17:26#1da pezio
Ciao,
avendo dei dubbi su quale filo utilizzare per i terminali, ho letto vari pareri in giro per la rete.
Ognuno ha la propria idea a riguardo, marca, modello, fluorocarbon o nylon... Ovviamente frutto delle proprio esperienze e valutazioni personali...
Quindi, basandomi solamente su teorie, e cercando di non spendere una fortuna :) , ho voluto provare il tubertini gorilla fluorocarbon, 0.16 e 0.14 , dato che a detta di molti il fluorocarbon risulta invisibile in acqua, anche se perde un pochino in carico di rottura.
Ho ordinato il suddetto filo su internet, ma per errore del negoziante a casa mi è arrivato il tubertini dragon neutral, che dovrebbe essere un nylon.
Qui la domanda, forse banale.
Cosa mi consigliate, per ora usare questo filo e finirlo (per i terminali), e al prossimo ordine, prendere un fluorocarbon, o usare tranquillamente questo nylon , dato che il fluorocarbon non è cosi importante?
Scusate se non mi sono spiegato bene e per la domanda forse poco intelligente :mazzate

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

29/10/2012 17:39#2da Bonez
Se hai del nylon da ultimare, come in questo caso, e ti ci trovi discretamente termina la bobina; se devi acquistare nuovo filo per terminali ti consiglio un "vero" fluorocarbon come ad esempio il Td Brave Daiwa. Se proprio vuoi risparmiare; piuttosto che un fluorocarbon economico, che poi fluorocarbon non è, meglio scegliere un buon nylon.

Ciauuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

29/10/2012 17:40#3da casta
io sto usando il tubertini dragon del 14 :byee non dispiace...però l'ho appena preso su consiglio
del negoziante di fiducia.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

29/10/2012 17:53#4da ANTONIO84
Io uso il dragon ma non è così buono come dicono io alcune volte lo spezzo durante la fase di legatura vicino la girella o quando devo andare a stringere il filo intorno a l'amo,per me non è così buono come dicono

ANTONIO 84

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

29/10/2012 18:03#5da giank1966
Finisci la bobina... poi tutta la vita Brave Daiwa!!!!!

ADP Laghi Verdi (Inverigo) TEAM DAIWA

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

29/10/2012 18:19#6da ame86
io sto utilizzando lo spectrum jtm e mi trovo davvero bene. anche il riverge, a parte il prezzo, secondo me è fantastico.
Resto però dell'idea che, se non si fanno gare, ed a parte nelle situazioni di pesce ultra sospettoso,va benissimo anche un ottimo nylon, sempre se scelto nella gamma dei migliori. ( mio modestissimo parere)

Ame

Ame
A.S.D. Cannisti Club Arcadia

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

29/10/2012 21:20#7da Pordo

giank1966 ha scritto: Finisci la bobina... poi tutta la vita Brave Daiwa!!!!!


:ok:ok:ok

Gio

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

30/10/2012 18:39#8da pezio
Grazie a tutti x i suggerimenti.
Oggi ho fatto circa 3 ore nel solito laghetto che frequento qui a roma, e devo dire che la giornata non è andata granchè. E' stata anche la prima occasione per utilizzare la daiwa exceler 39l appena arrivata, e devo dire che è estremamente leggere e sensibile alle abboccate. L'ho provata sia con catenella di styls da 3 gr (0 catture ma sicuramente non la utilizzavo a dovere) , sia von vetrino 4 gr ( 4 trote e 6 "mangiate" )per il resto altre 3 trote con bobmarda a fondo... direi non un granche'.
Tornando ai fili, come terminale ho usato il tubertini dragon neutrale 0.16 con ami n 8... sinceramente non mi ha molto convinto... ho avuto 2 rotture alle prime due abboccate, con trote non troppo grosse, una all'altezza della girella tripla e una a meta finale, e altrettante mio fratello con lo stesso fili, 1 al nodo amo e altra meta terminale.
Ora non mi sento di dire che sia un cattivo filo, visto che l'ho provato solo oggi e che non sono un esperto, ma mi aspettavo di piu.
Ormai finisco la bobina e poi credo di provare altro ;)
Grazie delle risposte, ovviamente se avete qualche consiglio sulla tecnica da adottare per migliorare le catture sono tutto orecchi ;)

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

16/02/2013 09:37#9da piero
ciao,non facendo gare quali sono le marche di nylon ottimo da utilizzare.Grazie

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

16/02/2013 10:49#10da superf
io quando vado in pesca libera nei laghetti uso il neutral del 18 e non ho mai rotto anche pescando delle big se ci sono delle rotture sulla girella molte volte è il nodo non fatto bene e le rotture a metà terminale possono succedere se si ingarbuglia e rimane un nodo sulla lenza che poi sotto trazione si spacca :bye:occhiolino

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.060 secondi

 Sabato 10 settembre 2011, io (Bonez) ed il Cavoz, abbiamo deciso di trascorrere la nostra mattinata in un altro lago della provincia di Brescia e più precisamente al lago Canada, che si trova a Borgosatollo (BS), a poco più di un chilometro di distanza dal laghetto del Cigno. Si tratta di un laghetto di forma quasi rettangolare, dalle medie dimensioni e piuttosto profondo, avente un’acqua abbastanza trasparente e fresca nel quale, ovviamente, si effettua la pesca alla trota tutto l’anno, anche durante i periodi più caldi dell’anno, come questo. Siamo arrivati a destinazione verso le

Concentrandosi sulla pesca a corta distanza si sceglierà una lenza a piombino, prediligendo uno “slim” (2-4gr): un piombo dalla forma allungata che affonderà più lentamente rispetto ad uno “Short”: piombo dalla forma tozza; per effettuare un recupero molto veloce a pelo d’acqua ed in presenza quindi di trote particolarmente voraci e “veloci”. Se le trote faticheranno ad inseguire esche recuperate troppo velocemente, o se si riceveranno parecchi “rifiuti” in fase di abboccata, sarà necessario “ammorbidire” la lenza e diminuire la velocità di recupero e si passerà quindi ad una lenza a catenella di styls o

Tremarella: lo strano nome di questo recupero bene illustra il movimento della canna, che deve, appunto, tremolare incessantemente, con lo scopo di far avanzare a scatti velocissimi l'esca. La tremarella si effettua sia con lenze a piombino, che a catenella che a vetrino. La forma e il peso specifico della zavorra influenzano il comportamento dell’esca sott’acqua. Il recupero si effettua con la sola canna, mentre questa si sposta bisogna far vibrare il vettino e tra un recupero e l’altro il filo in eccesso và recuperato con il mulinello. L’intensità delle vibrazioni e la velocità di spostamento della

Martedì 1 Novembre 2011, presso il complesso: “Laghi di Tuna” che si trova nell’omonima località Tuna di Gazzola (PC) si è svolta una gara di pesca alla trota in lago, a coppie, organizzata in memoria di un, purtroppo ex, pescatore: fabio Sdraiati, dal quale prende il nome questa manifestazione. Le coppie iscritte all’evento erano 50, tra cui eravamo ovviamente presenti anche noi; non solo io (Bonez) e Pordo, ma anche altri utenti di Macinator come: Pinuz e cornelli. Nel complesso: “Laghi di Tuna” sono presenti ben tre laghi indipendenti tra loro e la manifestazione si

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: