filo "soft"

08/11/2012 13:41#1da E.A.
filo "soft" - discussione creata da: E.A.
Ciao!

nonostante aver seguito i consigli del forum ho avuto diversi problemi di imparruccamenti ho deciso di montare un filo "soft" del 18
è un filo giallo molto morbido e senza alcuna memoria di forma come quello che utilizzavo diversi anni fa e con il quale mi sono sempre trovato bene.
il negoziante mi ha messo in guardia sul fatto che è molto sensibile all'usura e va cambiato spesso.
se gli facci uno shock leader?
quanto deve essere lungo?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

08/11/2012 14:04#2da Bonez
filo "soft" - Risposta di: Bonez
Indicativamente, come lunghezza dello shock leader considera 2 volte la lunghezza della canna...

ciauuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

08/11/2012 15:24#3da E.A.
filo "soft" - Risposta di: E.A.
a quali inconvenienti hanno questi fili oltre all'usura?
perchè non vengono normalmente usati?
lancio bombarde di 5 - 10gr
mi consigli lo shock leader o faccio la montatura diretta?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

08/11/2012 17:56#4da Pordo
filo "soft" - Risposta di: Pordo
Con bombarde di questo peso assolutamente non serve shock leader! Fino a 20gr lanci senza problemi di rottura!

Gio

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

08/11/2012 19:52#5da stiuitnt
filo "soft" - Risposta di: stiuitnt

E.A. ha scritto: a quali inconvenienti hanno questi fili oltre all'usura?
perchè non vengono normalmente usati?
lancio bombarde di 5 - 10gr
mi consigli lo shock leader o faccio la montatura diretta?


per non correre rischi con fili gialli troppo visibili oppure spendere parecchi soldi per l acquisto e per cambiarlo ogni 2-3 pescate come ti ha detto il negoziante,imbobini ad esempio un bel falcon prestige del 18, oppure l' Asso quello incolore non ricordo il nome (forse Ultra) sono 2 fili che non facendo gare puoi tranquillamente pescarci tutto l inverno senza cambiarli perchè hanno una qualità superiore...e fino a 20 grammi come ti ha detto giustamente pordo non hai bisogno di shock leader...

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

08/11/2012 20:02#6da Bonez
filo "soft" - Risposta di: Bonez
Aggiungo inoltre, in alternativa, l'ottimo Proton JTM 0,18 e sei a posto fino a 20gr senza shock leader!!

ciauuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

08/11/2012 20:48#7da stiuitnt
filo "soft" - Risposta di: stiuitnt

Bonez ha scritto: Aggiungo inoltre, in alternativa, l'ottimo Proton JTM 0,18 e sei a posto fino a 20gr senza shock leader!!

ciauuuuz


giusto bonez,lo uso anch io,con questo spende anche meno dei 2 che ho citato io...

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

08/11/2012 21:02#8da E.A.
filo "soft" - Risposta di: E.A.
il colore mi faceva comodo per individuare il filo, soprattutto nelle giornate ventose
ma dite che il giallo in acqua può rilevarsi un deterrente per le trote più apatiche nonostante i 2 mt di terminale?
al di là di questo la scelta è stata dettata per scongiurare le parrucche che mi hanno fatto compagnia nelle ultime pescate
questi fili che dite sono rigidi?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

08/11/2012 22:34#9da E.A.
filo "soft" - Risposta di: E.A.
io proton 0,18 è proprio quel filo che mi ha dato i problemi di imparruccamento

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

08/11/2012 23:06#10da Bonez
filo "soft" - Risposta di: Bonez
Dal mio punto di vista un monofilo, a seconda anche dell'effetto "memoria" più o meno accentuato può accentuare o ridurre la formazione delle cosiddette "parrucche". Questo inconveniente non scaturisce però solamente per causa del monofilo, ma dipende anche dalla qualità del mulinello, dal modo in cui viene caricato sulla bobina, dalla quantità che ne viene caricata e dalle operazioni che si svolgono durante l'azione di pesca. Con ciò intendo dire che forse dovresti cercare di eliminare questo problema analizzando bene anche tutti gli altri componenti che ho appena citato perchè il Proton, ad esempio, non è di certo un monofilo dalle caratteristiche che facilitano l'effetto "parrucca".
Questa è la mia opinione.

Ciauuuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.056 secondi

Domenica 11 settembre 2011, presso il laghetto Smeraldo di Langhirano (PR) si è svolta una bellissima gara di pesca alla trota ad invito, aperta a 45 coppie, a cui anche noi Macinator (io Bonez e Pordo) abbiamo partecipato. Per l’occasione sono state immesse la bellezza di 750Kg di trotelle da gara; per un totale di circa 6000 pesci, che al nostro arrivo al lago, verso le 7 del mattino, si trovavano sparse per tutto il lago, appena al di sotto della superficie dell’acqua: praticamente uno spettacolo!!! Non mi soffermo a descrivervi la struttura in quanto

Venerdì 3 giugno 2011, abbiamo testato il lago delle sette fontane di Castelletto di Leno (BS); giunti sul posto abbiamo dato uno sguardo veloce al lago e tenendo conto della regola del vento e della presenza di altri pescatori in quel punto abbiamo scelto la nostra zona di pesca; ossia la sponda corta del lago opposta rispetto all’ingresso. Non conoscendo affatto il lago e considerata la stagione abbiamo iniziato la nostra battuta di pesca con una bombarda da 20gr della fassa banda blu, e dato che non conoscevamo la profondità del lago abbiamo effettuato un

A differenza di quanto possa trapelare dal suo aspetto minaccioso, il luccio è un pesce estremamente delicato. Ecco perché una volta allamato e dato che lo DOBBIAMO rilasciare, è meglio recuperarlo velocemente (a meno che non sia stato catturato ad una discreta profondità). Una volta nel guadino, nonostante possano sussistere buone intenzioni, soprattutto quando si ha poca esperienza alle spalle, può capitare si commettano gravi errori nel maneggiare un luccio. Occorre quindi essere ben preparati e consapevoli del fatto che: oltre alla successiva sopravvivenza del pesce vi è in gioco anche l’incolumità delle nostre dita.

Credo che chiunque si sia avvicinato alla trota lago abbia sentito pronunciare gli “storici” nomi che identificano, da sempre, le bombarde affondanti, a marchio Fassa: “Bugiardino”, “Opaco” e “Moretto”. Chi le conosce meglio e le ha adoperate, conoscerà però sicuramente anche i loro punti critici come ad esempio: la scarsa resistenza meccanica e la grossolana precisione di G. Grazie al nostro rapporto di collaborazione, nel corso del 2016, assieme a Fassa, abbiamo così deciso di dar vita ad una nuovissima linea di Bombarde affondanti che prende il nome: “Deep”. Dall’inglese: “in profondità” della serie Deep

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: