Filo che si appiccica

16/11/2012 18:19 #1 da AxMax
Filo che si appiccica - discussione creata da: AxMax
Ciao a tutti,
volevo chiedere se capita anche a voi che il filo, in fase di lancio, non esca bene dal mulinello perché appiccicato in bobina.
Ho alcuni Daiwa Td Zaion 3012 e come filo uso lo Sky Blue 0,18 e noto che per il primo tratto il filo esce bene poi quasi si blocca perché fa fatica ad uscire essendo appiccicato al filo sottostante.
Può essere solo colpa del recupero con il filo in forte tensione per via del combattimento del pesce ?
Mi pare strano considerando il livello del mulinello …..
Grazie.
Ciao.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

16/11/2012 18:26 #2 da tommylake
Filo che si appiccica - Risposta di: tommylake
forse no lo hai imbobbinato bene! ma questa e solo un ipotesi... :risata

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

16/11/2012 18:30 #3 da ame86
Filo che si appiccica - Risposta di: ame86
La bobina è completamente carica ( col filo fino all'orlo ) o non l'hai riempita tutta? La difficoltosa uscita del filo dal mulinello non può dipendere dall'attrito che il filo fa col bordo della bobina, poichè non è stata riempita completamente? ( ipotesi)



Ame

Ame
A.S.D. Cannisti Club Arcadia

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

16/11/2012 18:30 #4 da toutzander
prova a bagnare il filo prima di pescare

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

16/11/2012 18:37 #5 da Bonez
Filo che si appiccica - Risposta di: Bonez
Immagino che il tuo problema si manifesti su mulinelli e relativo filo che hai già utilizzato in pesca e non a mulinello appena imbobinato. Puo quindi capitare, anche a causa dei residui lasciati dall'acqua di alcuni laghi, che il filo sottostante ad i primi metri che fuoriescono durante l'azione di pesca si "appiccichi" alle spire della bobina. Diciamo che si tratta di un "problema" normale e che non dipende dalla scarsa qualità del filo ne tantomeno dal mulinello stesso...

Ciauuuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

16/11/2012 18:40 #6 da AxMax
Filo che si appiccica - Risposta di: AxMax
Si la bobina è stata caricata con accortezza ed è riempita sino all'orlo.
Ti assicuro che il probelma è proprio la difficoltà ad uscire.
Forse ho sbagliato il temine dicendo che si appiccica forse è più corretto dire che il filo rimane incastrato nel filo sottostante, non so se rendo l'idea.
In pratica al primo lancio devo far uscire l'ulteriore filo che non è uscito e riavvolgere, poi la situazione va meglio.
A mio parere il problema è il recupero con il pesce che crea un'avvolgimento del filo troppo in tensione incastrando il filo stesso nel filo sottostante.
Chissà se ho reso l'idea .......

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.046 secondi

Costruito in svariate forme, differenti materiali e di diverse grammature; il galleggiante, comunemente chiamato anche: “ tappo”, può essere considerato uno dei “simboli” della pesca. Chiunque debba crearsi un’immagine di pesca lo farà, con tutta probabilità, pensando anche ad un galleggiante. Il suo compito è quello di trattenere la lenza ad una profondità prestabilita e di segnalare al pescatore le abboccate del pesce, immergendosi. Nonostante l’immagine del galleggiante sia comunemente associata ad un tipo di pesca “statica”, da qualche tempo, esso ha trovato largo impiego anche nel settore trota lago, agonistico e non solo. Molti

Indipendentemente dalla stagione, in presenza di laghi di piccole dimensioni o comunque in tutti i casi in cui le trote stazionano nei primi 20-30 metri d’acqua dalla sponda, una lenza a piombino o una a catenella costituiscono una delle soluzioni migliori, e più redditizie, per la pesca alla trota in lago. "Piombo" è il termine più diffuso, molto generalizzato, che l'agonista, o comunque la maggior parte dei pescatori, utilizza per far riferimento alla zavorra che si utilizza per la costruzione di una lenza. Come dice la parola stessa, si tratta di un cilindretto di piombo,

Tremarella: lo strano nome di questo recupero bene illustra il movimento della canna, che deve, appunto, tremolare incessantemente, con lo scopo di far avanzare a scatti velocissimi l'esca. La tremarella si effettua sia con lenze a piombino, che a catenella che a vetrino. La forma e il peso specifico della zavorra influenzano il comportamento dell’esca sott’acqua. Il recupero si effettua con la sola canna, mentre questa si sposta bisogna far vibrare il vettino e tra un recupero e l’altro il filo in eccesso và recuperato con il mulinello. L’intensità delle vibrazioni e la velocità di spostamento della

Sabato 15 e domenica 16 ottobre 2011, si è disputato, nel magnifico lago di Martinengo (BG), il campionato Italiano Promozionale Individuale di pesca alla trota in lago a cui 100 concorrenti, provenienti da tutte le parti d’Italia, hanno partecipato. La competizione è stata suddivisa in 2 prove: la prima svoltasi sabato pomeriggio a partire dalle ore 13:30 e la seconda svoltasi invece domenica mattina a partire dalle ore 8:30 ed in entrambe i casi sono state immesse 300Kg di trotelle. Giunti sul posto, sabato verso le ore 11 abbiamo subito dato uno sguardo al lago,

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: