Affondabilita bombarda "modificata" a maracas

28/11/2012 02:46#1da Emix
Ciao a tutti, oggi non avevo nulla da fare e il mio ingegno da McGiver mi ha spinto a trasformare una bombarda semi-galleggiante della Fassa (vedi foto) in una maracas.
File allegato:


Per aprirla ho scaldato leggermente la punta, sciogliendo la colla che teneva unite le 2 parti, e all'interno, oltre al piombo che aveva già la bombarda ho aggiunto 5 piombini da 0.1g. per fargli fare il tipico suono della maracas.
In origine la bombarda era da 6g con affondabilità 0.12g ora il peso è di 6.5g ma l'affondabilità di quanto è variata? Se non sbaglio ora dovrebbe essere 0.62g giusto?

A.S.Roma io non vivo senza te!!!

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

28/11/2012 07:00#2da scuba3
Giusto. Ciò perché la spinta di Archimede non é variata poiché introducendo i pallini all'interno della bombarda il volume non é variato quindi si aggiunge il peso dei pallini alla precedente affondabilitá. Se i pallini di piombo fossero all'esterno andrebbe tolto il peso dell'acqua che sposta il pallino (il suo volume x 1 corrispondente al peso specifico dell'acqua dolce).

:bye
Ringraziano per il messaggio: MarcoDaiwa

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

28/11/2012 16:08#3da chiurulla
complimenti per l'ingegno!!!
io in queste cose sono molto più pigro e preferisco comprarle già pronte...

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.045 secondi

Dal mio rapporto di collaborazione con l’azienda Trabucco, iniziato lo scorso gennaio 2019, dopo un anno di lavoro, nasce una super novità 2020: che prede il nome di Switch Lake Trout. Si tratta di una serie di canne, TOP di gamma, composta da 13 modelli differenti, che ho avuto l’onore di “disegnare” per Trabucco. 5 sono le azioni da Tremarella, tutte lunghe 4.00mt ed identificate dal colore rosso e ben 8 modelli da Bombarda caratterizzati da lunghezze differenti: da 4,20 fino a 5.00 mt ed identificati dal colore arancione. L’ impiego di un

Tipicamente un pesce solitario, territoriale ed aggressivo, staziona spesso al riparo tra la vegetazione scrutando l’ambiente circostante in attesa della sua preda. Ha un comportamento di caccia molto tipico; è in grado di rimanere fermo nell’acqua muovendo i raggi finali delle pinne dorsali e le pinne pettorali. Il luccio ha l’abitudine di sferrare il suo attacco aggredendo la preda lateralmente. Una volta stretta nella morsa della sua bocca, grazie ai suoi oltre 600 affilatissimi denti, rivolti all’indietro, la immobilizza per poi “girarla” ed inghiottirla. Si alimenta di altri pesci, rane, topi ed è anche affetto da

Costruito in svariate forme, differenti materiali e di diverse grammature; il galleggiante, comunemente chiamato anche: “ tappo”, può essere considerato uno dei “simboli” della pesca. Chiunque debba crearsi un’immagine di pesca lo farà, con tutta probabilità, pensando anche ad un galleggiante. Il suo compito è quello di trattenere la lenza ad una profondità prestabilita e di segnalare al pescatore le abboccate del pesce, immergendosi. Nonostante l’immagine del galleggiante sia comunemente associata ad un tipo di pesca “statica”, da qualche tempo, esso ha trovato largo impiego anche nel settore trota lago, agonistico e non solo. Molti

Domenica 1 maggio 2011 si è svolta, presso il lago Verde di Piacenza, una gara a coppie a cui i Macinator Bonez e Pordo hanno partecipato. Le coppie iscritte alla competizione erano 16, suddivise in 4 settori da 4 coppie. Per l'occasione sono state seminate nel lago 2 quintali di trote di piccola taglia che si sono distribuite abbastanza uniformemente su tutto il campo permettendo di effettuare un buon numero di catture a tutti i partecipanti e per tutti i 12 turni di gara. Data la stagione e l’acqua limpidissima le trote erano visibili appena sotto

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: