girella daiwa

09/12/2012 18:58 #1 da marinoni
girella daiwa - discussione creata da: marinoni
[img]http://http://www.nettunosporttrapani.it/images/thumbs/0001447_300.jpeg ragazzi in qusta girella il tubetto dei terminali non entra .
dite ke basta infilare l asola nel attacato in quando non e ntra proprio facilmente ???
grazie atutti

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

09/12/2012 20:47 #2 da marinoni
girella daiwa - Risposta di: marinoni

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

09/12/2012 23:37 #3 da goran
girella daiwa - Risposta di: goran
quando prepari i terminali dalla parte opposta all'amo fagli il cappio,e vedi che nn scappa da nessuna parte :bye

TEAM ARTICO

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

10/12/2012 07:12 #4 da yago
girella daiwa - Risposta di: yago

marinoni ha scritto: [img]http://http://www.nettunosporttrapani.it/images/thumbs/0001447_300.jpeg ragazzi in qusta girella il tubetto dei terminali non entra .
dite ke basta infilare l asola nel attacato in quando non e ntra proprio facilmente ???
grazie atutti


Il tipo di girella che hai postato, non è fatta per il tubetto in silicone, è sempre una girella ad attacco rapido, ma il blocco di sicurezza del terminale è dato da quella parte dove il ferro si unisce e che devi sollevare per far passare l'asola.
Il tubetto serve per un altro tipo di girella sempre ad attacco rapido, che sarebbe un ovale con un lato aperto e quindi questo lato aperto va chiuso con il tubo in silicone

IL GABBIANO MILANO

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

10/12/2012 07:56 #5 da scuba3
girella daiwa - Risposta di: scuba3
ma c'è da fidarsi di quel gancio? :magheggio

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

10/12/2012 09:27 #6 da yago
girella daiwa - Risposta di: yago

scuba3 ha scritto: ma c'è da fidarsi di quel gancio? :magheggio


Direi proprio di si, non le uso da molto tempo, ma non ho mai avuto problemi, pensa a che giro dovrebbe fare l'asola per sganciarsi, e soprattutto considera il tipo di pesca che facciamo noi....

IL GABBIANO MILANO

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.052 secondi

Lunedì 22 agosto 2011, io (Bonez), Pordo e Cavoz, in occasione del compleanno di Pordo, ci siamo recati al lago 3 Sport che si trova a Seguo di Settimo Milanese (MI): un lago di medie dimensioni e dalla elevata profondità, che consente alle trote di sopravvivere anche durante i periodi più caldi dell’anno. Si tratta di un complesso piuttosto spartano, dall’acqua non particolarmente limpida, nel quale abbiamo scelto di festeggiare questo compleanno, per il fatto che, in questo periodo, se ne sentiva parlare molto bene ovunque ed era una meta consigliata da molti pescatori. Giunti

Un accessorio indispensabile per chiunque pratichi la pesca della trota in lago è, senza dubbio, il: cesto porta trote. La sua funzione principale è probabilmente quella di contenere le nostre catture ma, grazie alla presenza di alcune sacche e scatole termiche ci consente di avere comodamente con noi anche le nostre esche e tutta la minuteria di cui abbiamo bisogno sul luogo di pesca. Un tempo si trovavano in commercio quasi esclusivamente cestelli portapesci fatti a cavalletto e dotati di una tracolla per il trasporto. L’evoluzione ha poi portato a modelli aventi una struttura in

  Classificata in parte come Riserva Naturale Orientata ed in parte come Riserva Parziale Zoologica; il Mortone è un antico alveo del fiume Adda, anche se l'attuale presenza di acqua è dovuta ad affioramenti spontanei. Situato a Ca’ Isola di Villa Pompeiana Zelo Buon Persico (LO), il suo territorio, che si estende per circa 800 ettari, costituisce una magnifica riserva di caccia e pesca il cui accesso è riservato ai soci, i quali possono invitare ad accedervi amici e conoscenti rimanendo, ovviamente, nelle ferree regole che una riserva tanto interessante non potrebbe non avere. Nelle

Tipicamente un pesce solitario, territoriale ed aggressivo, staziona spesso al riparo tra la vegetazione scrutando l’ambiente circostante in attesa della sua preda. Ha un comportamento di caccia molto tipico; è in grado di rimanere fermo nell’acqua muovendo i raggi finali delle pinne dorsali e le pinne pettorali. Il luccio ha l’abitudine di sferrare il suo attacco aggredendo la preda lateralmente. Una volta stretta nella morsa della sua bocca, grazie ai suoi oltre 600 affilatissimi denti, rivolti all’indietro, la immobilizza per poi “girarla” ed inghiottirla. Si alimenta di altri pesci, rane, topi ed è anche affetto da

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: