Trote nel sotto riva
Lake trout Academy 2020 - 5 puntata
Trabucco Switch Lake Trout
novità Trabucco 2020
Tremarella al minimo
Lake trout Academy 2020 - 4 puntata
Pesca con il galleggiante
Lake trout Academy - 3 puntata
Piombino e catenella
Lake trout Academy - 2 puntata
Trabucco Warden Slim Lake Trout
novità trabucco 2020
Pesca con il vetrino
Lake trout Academy - 1 puntata
8° Raduno Macinator - 2019
Laghi di Castello (PC)
ABC Trota Lago
Raccolta di articoli dedicati alla trota lago

Berkley Nanofil

17/03/2013 23:18 - 17/03/2013 23:20 #1 da gioy_80
Berkley Nanofil - discussione creata da: gioy_80
Visto che ai Carcana una bestia di trota è riuscita a spezzarmi un Pline Extrusion da 0.18 con 4.3 kg di carico, accompagnata ovviamente da una madonna che ha fatto scappare un cormorano (appena ferrato la frizione è letteralmente impazzita), ho ordinato questo filo che almeno sulla carta sembra essere ottimo.

Stavo per prendere lo 0.15 da 7,6 kg... ma poi ho preferito andare sul sicuro e prendere lo 0.17 con addirittura 9,7 kg di carico di rottura... notevole, decisamente notevole.

A quanto ho capito, è un filo che tende a slegarsi a meno che non vengano usati i nodi previsti, io pensavo di usare questo per legare la girella con moschettone alla quale poi collego l'artificiale:


Qualcuno l'ha provato o comunque può darmi delle opinioni o consigli su questo filo? Ho un pò esagerato con il diametro?

Grazie a tutti!

Carpe diem... trote gnam!

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

17/03/2013 23:55 #2 da gioy_80
Berkley Nanofil - Risposta di: gioy_80
Ulteriore domanda: ho letto che in alcuni casi (ad esempio il nodo di sangue per lo shock leader) si può mettere una goccia di Attak sul nodo per renderlo ancora più sicuro... potrebbe avere senso anche qui o ci vedete delle possibili controindicazioni, tipo incompatibilità con il materiale di questo filo o altro?

Carpe diem... trote gnam!

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

18/03/2013 07:46 #3 da marco93
Berkley Nanofil - Risposta di: marco93
Questo filo incuriosisce anche me, per fare i finali si potrebbe usare addirittura uno 0.05, solo che ho dei dubbi sulla tenuta dei nodi però non l'ho mai provato, se lo compri facci sapere se resiste al nodo e magari prova a legarci un amo... :thanks Comunque io l'avrei preso un po più sottile perchè 7.6 kg per il 0.15 sono gia tanti

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

18/03/2013 08:11 #4 da gioy_80
Berkley Nanofil - Risposta di: gioy_80
Ma guarda, a dir la verità avevo già messo nel cestino lo 0.15... poi preso da un raptus l'ho tolto e messo il 0.17, costavano uguali (circa 38 euro per 270 metri) e tutto sommato è pur sempre leggermente più piccolo del 0.18 che ho usato sabato... ma almeno mi dà più sicurezza, diciamo che questo non lo rompo neanche volendo perchè ha un tiro della miseria. Poi c'è da dire che non dovrebbe fare alcuna resistenza al passaggio negli anelli come il trecciato, e quindi il lancio non dovrebbe risentirne affatto, anzi, dovrebbe essere un filino meglio del Pline Extrusion che comunque è più che accettabile.

L'amo posso anche provare a legarcelo, ma non garantisco nulla... pesco quasi sempre a spinning e la prova che farei sarebbe così, a casa e provando un pò a tirarlo... potrebbe essere che magari in acqua dopo qualche ora di lanci tenda a slegarsi lo stesso.

Carpe diem... trote gnam!

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

19/03/2013 18:55 - 19/03/2013 18:58 #5 da gioy_80
Berkley Nanofil - Risposta di: gioy_80
Filo arrivato... ho provato a legarci una girella con moschettone con il nodo sopra ed effettivamente sembra tenere... l'ho tirato un bel pò ed effettivamente ha un tiro della miseria (ho tirato mica male e non si rompe) e non sembra avere la minima elasticità. E'... bianco! Spero non si veda in acqua... alla vista sembrerebbe quasi un filo di cotone, poi magari in acqua risulta trasparente.

Venerdì mi dovrebbe arrivare il nuovo mulinello e provo a imbobinarlo, magari solo gli ultimi 100-150 metri visto quello che costa... e comunque sull'altra bobina metto un buon vecchio fluorocarbon 0.20 che non si sa mai... :occhiolino

Carpe diem... trote gnam!

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

19/03/2013 23:39 #6 da emilio81
Berkley Nanofil - Risposta di: emilio81
ciao giordano io pesco tantissimo a spinning sia in fiume che in laghetto e uso esclusivamente il nanofil dello 0,10 non ho mai rotto ne perso una trota e ne ho tolte parecchie sopra il carico di rottura certo quando sai che ai in canna una big lavora di frizione e non spacchi tranquillo che con quel filo si che costa ma ci fai un bel tiro alla fune ,io come mulo usosolo gli zaion 3012 o i reranium 4000 , riguardo ai nodi se leghi il moschettone come in foto non avrai mai problemi ,,,, ciauzz :bye :bye

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/03/2013 00:48 #7 da gioy_80
Berkley Nanofil - Risposta di: gioy_80
Beh, la tua opinione è molto confortante... in effetti, se con uno 0.10 con carico rottura 5.7 kg ci tiri su bella roba, credo che con un 0.17 con carico di rottura 9,7 kg potrei quasi stringere tutta la frizione e fregarmene del combattimento, tanto anche se dovesse abboccare una trota da 4 kg la potrei quasi cacciar fuori al volo senza retino, uccidendo a colpo di trotazza volante il malcapitato passante di turno! :)

Se non fosse che spaccherei la canna, quasa quasa sarebbe da provare.... anzi, no! :risata

Carpe diem... trote gnam!

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/03/2013 21:56 #8 da xxxgrimox
Berkley Nanofil - Risposta di: xxxgrimox
mai fregarsene della frizione, anche una trota da 2-3 chili può stuccartelo, basta che fa un chiamiamola accellerazione o testata profonda e imprima una forza superiore al carico di rottura dichiarato (che bisogna vedere sempre se è vero) e ti stucca come nulla, magari uno pensa che era un bestia invece era un pesce con nulla di straordinario :)

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/03/2013 10:31 #9 da gioy_80
Berkley Nanofil - Risposta di: gioy_80
No, certo... facevo per dire, la frizione non la chiuderei comunque. Dai dai, che non vedo l'ora di provare sto filazzo! :risata

Carpe diem... trote gnam!

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/03/2013 15:24 #10 da xxxgrimox
Berkley Nanofil - Risposta di: xxxgrimox
a scusa, avevo capito male :)

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.361 secondi

Dal mio rapporto di collaborazione con l’azienda Trabucco, iniziato lo scorso gennaio 2019, dopo un anno di lavoro, nasce una super novità 2020: che prede il nome di Switch Lake Trout. Si tratta di una serie di canne, TOP di gamma, composta da 13 modelli differenti, che ho avuto l’onore di “disegnare” per Trabucco. 5 sono le azioni da Tremarella, tutte lunghe 4.00mt ed identificate dal colore rosso e ben 8 modelli da Bombarda caratterizzati da lunghezze differenti: da 4,20 fino a 5.00 mt ed identificati dal colore arancione. L’ impiego di un

 Mercoledì 20 luglio 2011, io (Bonez), Pordo ed un amico siamo andati a testare i Laghi Blu Magenta (MI); si tratta di un lago dalle dimensioni medio/grandi in cui, data la sua grande profondità, si effettua la pesca alla trota tutto l’anno; anche durante i periodi più caldi come quello in cui siamo. Siamo giunti sul posto verso le ore 10 di mattina, dopo una bella macinata di 120 chilometri circa, e dato che era la prima volta in assoluto che ci trovavamo a pescare al Lago Blu Magenta, per quanto riguarda la scelta del

Ancora una volta: Daiwa, una delle aziende leader nel commercio di attrezzatura ed accessori per la pesca in generale o meglio, più nello specifico: "Daiwa Italy", grazie all'esperienza ed alla collaborazione del grande "Maestro" Fausto Buccella ha dato vita ad una nuovissima serie di canne per la trota lago destinata ad un'ampia clientela di agonisti ma non solo. Questa nuova serie di ben 19 canne che prende il nome di: "Theory Super Slim" o più brevemente: "Theory" è stata infatti studiata e commercializzata per colmare il divario qualitativo ed economico presente tra due importanti serie

Tremarella: lo strano nome di questo recupero bene illustra il movimento della canna, che deve, appunto, tremolare incessantemente, con lo scopo di far avanzare a scatti velocissimi l'esca. La tremarella si effettua sia con lenze a piombino, che a catenella che a vetrino. La forma e il peso specifico della zavorra influenzano il comportamento dell’esca sott’acqua. Il recupero si effettua con la sola canna, mentre questa si sposta bisogna far vibrare il vettino e tra un recupero e l’altro il filo in eccesso và recuperato con il mulinello. L’intensità delle vibrazioni e la velocità di spostamento della

 

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it e vuoi dare il tuo contributo per sostenere le spese di mantenimento del sito puoi farlo attraverso una piccola donazione. Per effettuare la tua donazione scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure , CLICCA sull'immagine sottostante per effettuare la tua donazione mediante connessione protetta,  attraverso il diffusissimo e sicuro metodo di pagamento paypal con una normalissima carta di credito: