Berkley Nanofil

17/03/2013 23:18 - 17/03/2013 23:20#1da gioy_80
Berkley Nanofil - discussione creata da: gioy_80
Visto che ai Carcana una bestia di trota è riuscita a spezzarmi un Pline Extrusion da 0.18 con 4.3 kg di carico, accompagnata ovviamente da una madonna che ha fatto scappare un cormorano (appena ferrato la frizione è letteralmente impazzita), ho ordinato questo filo che almeno sulla carta sembra essere ottimo.

Stavo per prendere lo 0.15 da 7,6 kg... ma poi ho preferito andare sul sicuro e prendere lo 0.17 con addirittura 9,7 kg di carico di rottura... notevole, decisamente notevole.

A quanto ho capito, è un filo che tende a slegarsi a meno che non vengano usati i nodi previsti, io pensavo di usare questo per legare la girella con moschettone alla quale poi collego l'artificiale:


Qualcuno l'ha provato o comunque può darmi delle opinioni o consigli su questo filo? Ho un pò esagerato con il diametro?

Grazie a tutti!

Carpe diem... trote gnam!
File allegato:

File allegato:

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

17/03/2013 23:55#2da gioy_80
Berkley Nanofil - Risposta di: gioy_80
Ulteriore domanda: ho letto che in alcuni casi (ad esempio il nodo di sangue per lo shock leader) si può mettere una goccia di Attak sul nodo per renderlo ancora più sicuro... potrebbe avere senso anche qui o ci vedete delle possibili controindicazioni, tipo incompatibilità con il materiale di questo filo o altro?

Carpe diem... trote gnam!
File allegato:

File allegato:

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

18/03/2013 07:46#3da marco93
Berkley Nanofil - Risposta di: marco93
Questo filo incuriosisce anche me, per fare i finali si potrebbe usare addirittura uno 0.05, solo che ho dei dubbi sulla tenuta dei nodi però non l'ho mai provato, se lo compri facci sapere se resiste al nodo e magari prova a legarci un amo...:thanks Comunque io l'avrei preso un po più sottile perchè 7.6 kg per il 0.15 sono gia tanti

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

18/03/2013 08:11#4da gioy_80
Berkley Nanofil - Risposta di: gioy_80
Ma guarda, a dir la verità avevo già messo nel cestino lo 0.15... poi preso da un raptus l'ho tolto e messo il 0.17, costavano uguali (circa 38 euro per 270 metri) e tutto sommato è pur sempre leggermente più piccolo del 0.18 che ho usato sabato... ma almeno mi dà più sicurezza, diciamo che questo non lo rompo neanche volendo perchè ha un tiro della miseria. Poi c'è da dire che non dovrebbe fare alcuna resistenza al passaggio negli anelli come il trecciato, e quindi il lancio non dovrebbe risentirne affatto, anzi, dovrebbe essere un filino meglio del Pline Extrusion che comunque è più che accettabile.

L'amo posso anche provare a legarcelo, ma non garantisco nulla... pesco quasi sempre a spinning e la prova che farei sarebbe così, a casa e provando un pò a tirarlo... potrebbe essere che magari in acqua dopo qualche ora di lanci tenda a slegarsi lo stesso.

Carpe diem... trote gnam!
File allegato:

File allegato:

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

19/03/2013 18:55 - 19/03/2013 18:58#5da gioy_80
Berkley Nanofil - Risposta di: gioy_80
Filo arrivato... ho provato a legarci una girella con moschettone con il nodo sopra ed effettivamente sembra tenere... l'ho tirato un bel pò ed effettivamente ha un tiro della miseria (ho tirato mica male e non si rompe) e non sembra avere la minima elasticità. E'... bianco! Spero non si veda in acqua... alla vista sembrerebbe quasi un filo di cotone, poi magari in acqua risulta trasparente.

Venerdì mi dovrebbe arrivare il nuovo mulinello e provo a imbobinarlo, magari solo gli ultimi 100-150 metri visto quello che costa... e comunque sull'altra bobina metto un buon vecchio fluorocarbon 0.20 che non si sa mai...:occhiolino

Carpe diem... trote gnam!
File allegato:

File allegato:

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

19/03/2013 23:39#6da emilio81
Berkley Nanofil - Risposta di: emilio81
ciao giordano io pesco tantissimo a spinning sia in fiume che in laghetto e uso esclusivamente il nanofil dello 0,10 non ho mai rotto ne perso una trota e ne ho tolte parecchie sopra il carico di rottura certo quando sai che ai in canna una big lavora di frizione e non spacchi tranquillo che con quel filo si che costa ma ci fai un bel tiro alla fune ,io come mulo usosolo gli zaion 3012 o i reranium 4000 , riguardo ai nodi se leghi il moschettone come in foto non avrai mai problemi ,,,, ciauzz :bye:bye

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/03/2013 00:48#7da gioy_80
Berkley Nanofil - Risposta di: gioy_80
Beh, la tua opinione è molto confortante... in effetti, se con uno 0.10 con carico rottura 5.7 kg ci tiri su bella roba, credo che con un 0.17 con carico di rottura 9,7 kg potrei quasi stringere tutta la frizione e fregarmene del combattimento, tanto anche se dovesse abboccare una trota da 4 kg la potrei quasi cacciar fuori al volo senza retino, uccidendo a colpo di trotazza volante il malcapitato passante di turno! :)

Se non fosse che spaccherei la canna, quasa quasa sarebbe da provare.... anzi, no! :risata

Carpe diem... trote gnam!
File allegato:

File allegato:

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/03/2013 21:56#8da xxxgrimox
Berkley Nanofil - Risposta di: xxxgrimox
mai fregarsene della frizione, anche una trota da 2-3 chili può stuccartelo, basta che fa un chiamiamola accellerazione o testata profonda e imprima una forza superiore al carico di rottura dichiarato (che bisogna vedere sempre se è vero) e ti stucca come nulla, magari uno pensa che era un bestia invece era un pesce con nulla di straordinario :)

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

21/03/2013 10:31#9da gioy_80
Berkley Nanofil - Risposta di: gioy_80
No, certo... facevo per dire, la frizione non la chiuderei comunque. Dai dai, che non vedo l'ora di provare sto filazzo! :risata

Carpe diem... trote gnam!
File allegato:

File allegato:

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

22/03/2013 15:24#10da xxxgrimox
Berkley Nanofil - Risposta di: xxxgrimox
a scusa, avevo capito male :)

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.068 secondi

  Il luccio: predatore per eccellenza di acqua dolce. Caratterizzato da una bocca particolarmente pronunciata con un “becco” a papera dotato di denti estremamente affilati. Ama sostare al riparo attorno a qualsiasi tipo di vegetazione acquatica in attesa della sua preda nei confronti della quale tende agguati rapidi e violenti. Si nutre di altri pesci, a volte anche di dimensioni simili a se stesso. Può raggiungere delle taglie da capogiro ed innescare duelli molto avvincenti nonché attaccare l’esca con incredibile forza e, non sono rari, anche salti fuori dal pelo dell’acqua. La tecnica di pesca

Ciao a tutti, quest’oggi ho pensato di andare leggermente fuori tema rispetto a cio per qui è nato macinator.it; ossia il fantastico mondo della trota lago scegliendo di raccontarvi un’esperienza piuttosto insolita, ma ovviamente di pesca, vissuta dal nostro “socio”; nonché Amico Teo (gatTeo). Per chi non lo conoscesse infatti, va detto che, il nostro compagno di squadra Teo, si è avvicinato da poco al mondo della trota lago, ma fin da bambino ha sempre avuto una grandissima passione per la pesca in generale. Egli infatti, si diletta spesso praticando differenti tecniche di pesca sia

Probabilmente alcuni di voi non ne hanno ancora sentito parlare; altri ne conoscono il nome, magari il design ma nulla di più; e così, in questo articolo, vi voglio presentare una nuova serie di canne da pesca specifiche per la trota lago e realizzate dalla stretta collaborazione tra la ditta: "Majora" ed il giovane campione di pesca trota lago bresciano: Fabio Zeni. Personalmente conosco da parecchio tempo Fabio per nome e per fama, ma, purtroppo, tra differenti impegni agonistici e non, ho avuto modo di conoscerlo meglio soltanto poco tempo fa; quando, tra una chiacchiera

Martedì 1 Novembre 2011, presso il complesso: “Laghi di Tuna” che si trova nell’omonima località Tuna di Gazzola (PC) si è svolta una gara di pesca alla trota in lago, a coppie, organizzata in memoria di un, purtroppo ex, pescatore: fabio Sdraiati, dal quale prende il nome questa manifestazione. Le coppie iscritte all’evento erano 50, tra cui eravamo ovviamente presenti anche noi; non solo io (Bonez) e Pordo, ma anche altri utenti di Macinator come: Pinuz e cornelli. Nel complesso: “Laghi di Tuna” sono presenti ben tre laghi indipendenti tra loro e la manifestazione si

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: