• Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

monofiloh.d. carbon duel

  • alduzzo78
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Premium Utente
  • Premium Utente
Espandi
22/03/2013 00:35 #1 da alduzzo78
monofiloh.d. carbon duel - discussione creata da: alduzzo78
ciao ragazzi volevo chiedervi un info ho appena comprato un filo fluorocarbon da 0,16 giapponese ma ho visto solo ora su internet che il suo carico di rottura e' 2kg ; abituato a un florina da 0,16 con carico di rottura 3,740kg (falcon prestige ufo) dite che potrei avere problemi con trote dal kg ai 2,5 kg?
grazie a tutti

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
22/03/2013 08:16 #2 da Bonez
monofiloh.d. carbon duel - Risposta di: Bonez
Ciao alduzzo; generalmente il carico di rottura dichiarato di un fluorocarbon è sempre inferiore rispetto a quello di un nylon, ma nonostante ciò la sua resistenza durante l'azione di pesca risulta maggiore. Detto ciò il mio consiglio se si cerca un ottimo fluorocarbon è quello di stare, senza dubbio, sul TD Brave.

ciauuuuuuuz

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • alduzzo78
  • Autore della discussione
  • Offline
  • Premium Utente
  • Premium Utente
Espandi
22/03/2013 08:20 #3 da alduzzo78
monofiloh.d. carbon duel - Risposta di: alduzzo78
Grazie Bonez, seguiro il tuo consiglio! per quanto riguarda il diametro ,visto che non faccio gare e spesso puo' capitare di insidiare delle big come diametro con il td brave cosa consigli?

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
22/03/2013 08:34 #4 da Bonez
monofiloh.d. carbon duel - Risposta di: Bonez
Considerando la possibilità piuttosto frequente di "incappare" in qualche BIG io starei sul diametro 0.195.

ciauuuuuuuuuz
I seguenti utenti hanno detto grazie : alduzzo78

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • marco93
  • Offline
  • Elit Utente
  • Elit Utente
  • Fishermax S.U. Milo
Espandi
22/03/2013 09:01 #5 da marco93
monofiloh.d. carbon duel - Risposta di: marco93
Secondo me il 0.195 è esagerato, ti aiuta se attacchi un pesce grosso ma se i pesci mangiano poco con un finale cosi mangieranno ancora di meno...

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
22/03/2013 11:56 #6 da Skynet
monofiloh.d. carbon duel - Risposta di: Skynet
Ciao Alduzzo,
la determinazione del carico a rottura di un monofilo è fatta unicamnete in laboratorio con campioni industriali su base statistica.
Per prima cosa bisogna verificare che il filo abbia sezione costante: se ci sono delle variazioni notevoli il dato di carico dichiarato è inutile.
Secondo, l'assenza di micro-difetti superficiali del filo è importante: dove c'è un difetto ci sarà la rottura. Questo dipende molto dal metodo di produzione del filo e dal modo in cui si imbobina.
Terzo, il test di carico a rottura è eseguito trazionando il filo con una forza costante finchè il filo non si spezza.
Quarto il Fluorocarbon per sua natura non è elastico. Per cui tende a schiacciarsi senza tornare nella posizione originale = difetti superficiali

Nella vita reale questo significa che ammesso che il filo abbia sezione costante (e se leggi i post relativi capirai subito che non è così facile) e sia privo di difetti (cosa che non saprai mai), non sarai mai nella condizione di salpare al volo un bel trotone da 2 Kg. Poi la trota non tirerà mai in modo costante. Perciò ho tre consigli:
1) meglio spedere qualcosina di più ma avere un buon Fluorocarbon: il TD Brave è anche secondo me il migliore sia per struttura, sia per difetti superficiali (viene imbobinato in modo che ci sia schiacciamento), sia per costanze nel diametro. Il s0o indice di rifrazione è anche il più vicino a 1 (quello dell'acqua) rispetto agli altri fili = invisibilità.
2) Frizione sempre aperta. Il momento peggiore è quello in cui il trotone punta verso il fondo.

Io uso un TD Brave da 0.175 che secondo me è un buon compromesso tra carico, sensibilità e invisibilità.
Certo con lo 0.195 sei quasi sicuro al 100% che il trotone (anche da 4/5 kg) non scapperà. Poi i garisti hanno la loro personale sensibilità su cui io non metto becco e ai quali mi rimetto per ogni consiglio.
Ciao

May the holes in your net be no larger than the fish in it.
I seguenti utenti hanno detto grazie : alduzzo78

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
22/03/2013 15:26 #7 da xxxgrimox
monofiloh.d. carbon duel - Risposta di: xxxgrimox

alduzzo78 ha scritto: Grazie Bonez, seguiro il tuo consiglio! per quanto riguarda il diametro ,visto che non faccio gare e spesso puo' capitare di insidiare delle big come diametro con il td brave cosa consigli?


se non fai gare non serve un filo costoso, va benissimo anche un fluorocoated, :bye :bye che in genere è meno costoso, gurda pure i vari prezzi del brave, qualche negozio se ne approfitta un pochetto

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
22/03/2013 20:54 #8 da paguro
monofiloh.d. carbon duel - Risposta di: paguro

Skynet ha scritto: .
Io uso un TD Brave da 0.175 che secondo me è un buon compromesso tra carico, sensibilità e invisibilità.
Ciao


td brave 17.5 ??? io so che fanno 12.5 15.5 19.5.......... ma dove lo trovi???????

tiraaaaaaaaaaaaaa

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
22/03/2013 21:02 #9 da Skynet
monofiloh.d. carbon duel - Risposta di: Skynet
Ti assicuro che esiste il 0,175 perchè ne ho comprato una bobina giusto l'altro giorno.
Se mi mandi un mp ti dico dove l'ho preso vicino a milano...
Anche su internet c'è
Ciao

May the holes in your net be no larger than the fish in it.

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Espandi
22/03/2013 21:15 #10 da angelo79
monofiloh.d. carbon duel - Risposta di: angelo79
ho sentito parlare del colmic riverge trota .C'e' qualcuno che lo usa ?

Angelo

Accesso o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • Non Abilitato per creare nuovo argomento.
  • Non Abilitato rispondere.
  • Non Abilitato per modificare il messaggio.

Perché dobbiamo rilasciare il luccio? Il luccio va rilasciato perché questo fantastico predatore sta scomparendo. Soffre l'inquinamento, soffre le reti dei pescatori di professione, soffre la crudeltà dei bracconieri, soffre i cosiddetti: “padellari”; ovvero coloro che non rilasciano nulla. In Italia ne sono rimasti pochi e soltanto in pochissimi ambienti. Quello che un tempo era al vertice della catena alimentare, è ormai diventato solo una cattura occasionale. Partiamo da un dato di fatto: per avere la certezza di non arrecare alcun, seppur minimo, danno ai pesci dovremmo evitare di andare a pesca. Nella pratica del Catch

Ciao a tutti, quest’oggi ho pensato di andare leggermente fuori tema rispetto a cio per qui è nato macinator.it; ossia il fantastico mondo della trota lago scegliendo di raccontarvi un’esperienza piuttosto insolita, ma ovviamente di pesca, vissuta dal nostro “socio”; nonché Amico Teo (gatTeo). Per chi non lo conoscesse infatti, va detto che, il nostro compagno di squadra Teo, si è avvicinato da poco al mondo della trota lago, ma fin da bambino ha sempre avuto una grandissima passione per la pesca in generale. Egli infatti, si diletta spesso praticando differenti tecniche di pesca sia

L’aspio: un predatore dalla costituzione massiccia appartenente alla famiglia dei ciprinidi. Originario dell’est Europa dagli ultimi anni del XX secolo è entrato a far parte anche del nostro ecosistema nei fiumi e laghi del centro-nord Italia. Il suo habitat naturale è quello dei grandi fiumi di pianura con acqua a corrente veloce o moderata, ricchi di piccoli ciprinidi che costituiscono le sue prede predilette. L’aspio è un perfetto “game fish”: piuttosto resistente agli stress della pesca, abbocca con violenza e raggiunge taglie molto interessanti. Frequentemente tra i cinquanta ed i settanta centimetri può raggiungere il peso di 9-10 kg

Laghi di Castello - Castel San Giovanni (PC) - 13/04/2019 Sabato 13 Aprile 2019, presso i Laghi di Castello di Castel San Giovanni (PC), si è svolto l 8° Raduno Macinator. Il Raduno Macinator, NON è una gara ma un'imperdibile: “pescata in compagnia” alla quale possono partecipare sia i più esperti pescatori che tutti coloro che si sono da poco approcciati alla pesca della trota in lago. Al Raduno Macinator è possibile partecipare pescando sia con le varie tecniche dello striscio, che a spinning e trout area. Non trattandosi di una competizione, al termine della pescata, non viene mai effettuato alcun conteggio del pescato

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.