Meglio con o senza ardiglione?

20/04/2013 09:53 #1 da steo93
Meglio con o senza ardiglione? - discussione creata da: steo93
Ciao ragazzi, per una competizione è meglio usare un amo con o senza ardiglione?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/04/2013 12:46 #2 da cefalo72
con ardiglione sicuramente, perche' nel ricupero dovrai stare attento a tenere il filo sempre in tensione se non fai questo ti si slamano quasi tutte...


:bye:bye:bye:bye:bye
Ringraziano per il messaggio: steo93

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/04/2013 12:49 #3 da superf
io preferisco con ardiglione perchè se la trota rimane allamata appena sul labbro,senza ardiglione è persa :bye:bye
Ringraziano per il messaggio: steo93

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/04/2013 13:27 #4 da SAMPEII
sempre CON ardiglione :ok
Ringraziano per il messaggio: steo93

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/04/2013 13:32 #5 da Bonez
Personalmente ho sempre utilizzato ami con ardiglione, ma in questo ultimo periodo sto provando, in alcune situazioni, anche i nuovissimi gamakatsu LS 7077 B senza ardiglione e devo dire che sembrano OTTIMI! Nessuna trota persa al recupero fino ad ora; probabilmente grazie alla "Speciale" curvatura appositamente studiata a tale scopo, ed ottima resistenza, durezza e penetrazione.

Ciauuuuuuuuz
Ringraziano per il messaggio: steo93

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/04/2013 14:20 #6 da scuba3

Bonez ha scritto: Personalmente ho sempre utilizzato ami con ardiglione, ma in questo ultimo periodo sto provando, in alcune situazioni, anche i nuovissimi gamakatsu LS 7077 B senza ardiglione e devo dire che sembrano OTTIMI! Nessuna trota persa al recupero fino ad ora; probabilmente grazie alla "Speciale" curvatura appositamente studiata a tale scopo, ed ottima resistenza, durezza e penetrazione.

Ciauuuuuuuuz


ne sai una più del :devil

correrò a prenderli da usare in fiume.... :ok

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/04/2013 14:32 #7 da steo93
già che c sono vi chiedo un'altra cosa: con che frequenza è meglio cambiare gli ami usati in gara? alla fine d ogni competizione è meglio sostiturli con degli ami nuovi o si può tranquillamente usare gli stessi per più gare? xk, nn so se sbaglio, ma penso che dopo un po di catture l'amo di "usuri" un po, magari la penetrazione non è più ottimale e c'è il rischio di lisciare i pesci...

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/04/2013 15:04 #8 da xxxgrimox

steo93 ha scritto: già che c sono vi chiedo un'altra cosa: con che frequenza è meglio cambiare gli ami usati in gara? alla fine d ogni competizione è meglio sostiturli con degli ami nuovi o si può tranquillamente usare gli stessi per più gare? xk, nn so se sbaglio, ma penso che dopo un po di catture l'amo di "usuri" un po, magari la penetrazione non è più ottimale e c'è il rischio di lisciare i pesci...


è molto semplice dare la colpa e dire che l'amo è spuntato, potrebbe e dico potrebbe essere che noi l'abbiamo ferrata male ad esempio per cercare di guadagnare qualche secondo di più :sbadato:sbadato. .. .. poi dipende che ami usi, a1 hard o acciaio al carbonio normale sono due acciai differenti in casa gamakatsu, nelle altre ditte a parte colmic che dice acciaio al carbonio 110 nelle altre non so con che materiale è fatto :bye:bye

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/04/2013 18:40 #9 da superf
è semplice controllare se un amo ha ancora la punta ancora buona se appoggi il polpastrello sopra la punta sentirai subito se la punta è affilata certi ami dopo una gara perdono l'affilatura non bucano neanche la pelle delle dita :bye
Ringraziano per il messaggio: steo93

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

20/04/2013 18:45 #10 da xxxgrimox
si vero, dopo parecchi pesci certi è come se avessero perso l'affilatura, comunque sempre con ardiglione io personalmente

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.049 secondi

Domenica 12 giugno, presso il Lago Smeraldo di Langhirano (PR), si è svolta una bellissima gara aperta a 60 coppie che pescavano alternativamente sullo stesso picchetto; proprio per questo alcuni concorrenti hanno deciso di parteciparvi individualmente pagando ovviamente la quota d’iscrizione doppia. La manifestazione prevedeva il rilascio di ben 7 quintali di trotelle da gara (circa 10/12 pesci per ogni Kg) ed è stata suddivisa in 10 spostamenti; ognuno dei quali prevedeva il doppio turno di pesca: prima pescava il concorrente n°1 e poi il concorrente n°2 di ogni coppia. Giunti sul posto, a noi

I migliori team di pesca alla trota lago si sono dati sfida in occasione del più grosso evento del centro Italia, organizzato dalla società folignate dell’A.S.D. Pescatori del Topino, denominato “Gara della Madonna”. Nel giorno dell’Immacolata, l’8 dicembre, il club umbro ha saputo soddisfare al meglio le aspettative dei quasi 150 partecipanti accorsi a tale manifestazione. Oltre al puro, classico e insostituibile divertimento di pescare, gli agonisti hanno potuto ricevere ricchi premi offerti dagli sponsor nonché un pacco gara all’atto dell’iscrizione: riviste di Pesca In, bombarde Dream Fish e gadget della federazione Fipsas. Spunta su tutti, per

Domenica 26 giugno 2011, io (Bonez), Gio (Pordo) e Teo abbiamo deciso di fare una pescata in compagnia in un bel lago della provincia di Bergamo: il laghetto Smeraldo di Ghisalba (BG). Siamo giunti sul posto verso le 7 di mattina e non conoscendo il lago abbiamo scelto la nostra postazione di pesca recandoci sulla sponda lunga di destra rispetto all’ingresso dato che era la zona più affollata di pescatori, indice quindi del fatto che le postazioni più redditizie erano situate in quella zona e ci siamo così fermati nel primo spazio libero, situato a

Il vetrino: definito anche “ghost” (fantasma), proprio per la sua trasparenza e conseguente mimetismo in acqua, non è altro che una zavorra, simile al classico piombino, ma costruito in vetro, la cui principale caratteristica è quella di dimezzare, all’incirca, il proprio peso specifico una volta che esso viene immerso in acqua. Ad esempio, a differenza di un piombino da 4gr il quale una volta in acqua mantiene il proprio peso, un vetrino che pesa 4gr sulla bilancia affonderà in acqua come fosse un piombino da 2gr. Questa particolarità consente di raggiungere la stessa distanza di

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: