consiglio monofilo

07/05/2013 09:52#1da barba85
consiglio monofilo - discussione creata da: barba85
ragazzi o un dubbio .. daiwa velvet o daiwa proton ... ho sentito dire che il velvet si usura facilmente ... grazie in anticipo :ok

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

07/05/2013 09:57#2da giank1966

barba85 ha scritto: ragazzi o un dubbio .. daiwa velvet o daiwa proton ... ho sentito dire che il velvet si usura facilmente ... grazie in anticipo :ok


Proton del 16 tutta la vita.... le bobine da 4mila metri lasciale perdere...

ADP Laghi Verdi (Inverigo) TEAM DAIWA

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

07/05/2013 09:58#3da Bonez
consiglio monofilo - Risposta di: Bonez
Proton: nylon di qualità superiore rispetto al Velvet ad un prezzo superiore anche se rimane OTTIMO il rapporto qualità/prezzo di circa 15 euro per 1000 metri

Velvet: monofilo economico ma comunque di buona qualità dal prezzo super conveniente: 20 euro per 4000 metri di filo.

A te la scelta...

ciauuuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

07/05/2013 10:06#4da davidetrota95
io uso il proton e te lo consiglierei tutta la vita :bye:ok

Costa Davide - A.S.D.P Senago Daiwa

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

25/05/2013 17:55#5da Andreazaion
ciao tra i due sicuramente il proton 0,16 oppure 0,18.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

27/05/2013 11:31#6da SAMPEII
proton del 18 va che è una meraviglia :ok

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

27/05/2013 18:36#7da Skynet
consiglio monofilo - Risposta di: Skynet
Io ho sia velvet che proton
Il primo è molto più elastico e consiglio un 18
Il secondo ha poco effetto memoria anche dopo mesi e va benissimo un 16
Entrambi molto affidabili

May the holes in your net be no larger than the fish in it.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

27/05/2013 18:37#8da ame86
consiglio monofilo - Risposta di: ame86
Confermo, :ok entrambi ottimi fili. Il Proton resiste un pochetto di più all'usura nel tempo.





Ame

Ame
A.S.D. Cannisti Club Arcadia

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.049 secondi

Costruito in svariate forme, differenti materiali e di diverse grammature; il galleggiante, comunemente chiamato anche: “ tappo”, può essere considerato uno dei “simboli” della pesca. Chiunque debba crearsi un’immagine di pesca lo farà, con tutta probabilità, pensando anche ad un galleggiante. Il suo compito è quello di trattenere la lenza ad una profondità prestabilita e di segnalare al pescatore le abboccate del pesce, immergendosi. Nonostante l’immagine del galleggiante sia comunemente associata ad un tipo di pesca “statica”, da qualche tempo, esso ha trovato largo impiego anche nel settore trota lago, agonistico e non solo. Molti

 Mercoledì 20 luglio 2011, io (Bonez), Pordo ed un amico siamo andati a testare i Laghi Blu Magenta (MI); si tratta di un lago dalle dimensioni medio/grandi in cui, data la sua grande profondità, si effettua la pesca alla trota tutto l’anno; anche durante i periodi più caldi come quello in cui siamo. Siamo giunti sul posto verso le ore 10 di mattina, dopo una bella macinata di 120 chilometri circa, e dato che era la prima volta in assoluto che ci trovavamo a pescare al Lago Blu Magenta, per quanto riguarda la scelta del

  Classificata in parte come Riserva Naturale Orientata ed in parte come Riserva Parziale Zoologica; il Mortone è un antico alveo del fiume Adda, anche se l'attuale presenza di acqua è dovuta ad affioramenti spontanei. Situato a Ca’ Isola di Villa Pompeiana Zelo Buon Persico (LO), il suo territorio, che si estende per circa 800 ettari, costituisce una magnifica riserva di caccia e pesca il cui accesso è riservato ai soci, i quali possono invitare ad accedervi amici e conoscenti rimanendo, ovviamente, nelle ferree regole che una riserva tanto interessante non potrebbe non avere. Nelle

Perché dobbiamo rilasciare il luccio? Il luccio va rilasciato perché questo fantastico predatore sta scomparendo. Soffre l'inquinamento, soffre le reti dei pescatori di professione, soffre la crudeltà dei bracconieri, soffre i cosiddetti: “padellari”; ovvero coloro che non rilasciano nulla. In Italia ne sono rimasti pochi e soltanto in pochissimi ambienti. Quello che un tempo era al vertice della catena alimentare, è ormai diventato solo una cattura occasionale. Partiamo da un dato di fatto: per avere la certezza di non arrecare alcun, seppur minimo, danno ai pesci dovremmo evitare di andare a pesca. Nella pratica del Catch

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: