Diametro terminale e filo madre (bobina)

05/06/2013 10:53 #1 da MarcoCician
Ciao ragazzi...volevo chiedere se fa molta differenza utilizzare un fluorocarbon come terminale che abbia un diametro leggermente superiore a quello in bobina (nylon)...visto che hanno caratteristiche diverse...grazie... :fishing:fishing:fishing

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

05/06/2013 11:06 #2 da Bonez
Nella pesca della trota lago, considerato, tra le varie cose, che il problema di incaglio sul fondale è praticamente quasi sempre assente il diametro dello spezzone terminale, in molte situazioni supera quello del nylon imbobinato. Personalmente utilizzo generalmente un nylon dello 0.16 in bobina e come terminale 0.19 - 0.17 - 0.13 a seconda delle situazioni di pesca.

ciauuuuuuz
Ringraziano per il messaggio: MarcoCician

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

05/06/2013 12:23 #3 da elio1999

Nella pesca della trota lago, considerato, tra le varie cose, che il problema di incaglio sul fondale è praticamente quasi sempre assente il diametro dello spezzone terminale, in molte situazioni supera quello del nylon imbobinato. Personalmente utilizzo generalmente un nylon dello 0.16 in bobina e come terminale 0.19 - 0.17 - 0.13 a seconda delle situazioni di pesca.

Anche io stessa scelta, proton jtm 0.16 (che è reale..) e td brave 4 lbs cioè o.17 (che è reale)..ciao..
Ringraziano per il messaggio: MarcoCician

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

05/06/2013 14:33 #4 da MarcoCician
Grazie per la risposta...ma utilizzando un terminale meno visibile tipo in fluorocarbon (io utilizzo quello della sasame) non ne riduce la percezione in acqua da parte del pesce migliorando le abboccate...???
poi mi è capitato che utilizzando terminali in nylon mi si rompono più facilmente (3 4 cm sopra l'amo) rispetto ad altri materiali...
:thanks:thanks:thanks

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

05/06/2013 15:04 #5 da Bonez
Utilizzando un fluorocarbon si riduce certamente la visibilità in acqua ed assottigliando il diametro si ottiene una rotazione dell'esca ancor più ottimale. Il fluorocarbon risulta anche più resistente all'abrasione rispetto ad un normale nylon; per quanto riguarda un OTTIMO fluorocarbon consiglio ancora una volta l'imbattibile TD Brave.

Ciauuuuuuuuz
Ringraziano per il messaggio: MarcoCician

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

05/06/2013 16:12 #6 da giank1966

Bonez ha scritto: Nella pesca della trota lago, considerato, tra le varie cose, che il problema di incaglio sul fondale è praticamente quasi sempre assente il diametro dello spezzone terminale, in molte situazioni supera quello del nylon imbobinato. Personalmente utilizzo generalmente un nylon dello 0.16 in bobina e come terminale 0.19 - 0.17 - 0.13 a seconda delle situazioni di pesca.

ciauuuuuuz


Quoto al 100%

Personalmente 0.16 proton in bobina e terminali solo ed esclusivamente TD BRAVE...
in mattanza metto anke lo 0,20 :ok:ok

Ciaoooo

ADP Laghi Verdi (Inverigo) TEAM DAIWA
Ringraziano per il messaggio: MarcoCician

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

05/06/2013 19:33 #7 da Zar
Siccome sono un lazzarone, uso i finali già montati della gamakatsu, gli snk montati con florocarbon. Ho trovato che sono ottimi, non so che florocarbon usano ma non ho mai avuto problemi. Poi oltre a quello il vantaggio che cè già la brillatura con il tubettino di silicone, così con le girelle, quelle con l'attacco rapido, non sto a perdere tempo.

:ceerleader

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.317 secondi

Tremarella: lo strano nome di questo recupero bene illustra il movimento della canna, che deve, appunto, tremolare incessantemente, con lo scopo di far avanzare a scatti velocissimi l'esca. La tremarella si effettua sia con lenze a piombino, che a catenella che a vetrino. La forma e il peso specifico della zavorra influenzano il comportamento dell’esca sott’acqua. Il recupero si effettua con la sola canna, mentre questa si sposta bisogna far vibrare il vettino e tra un recupero e l’altro il filo in eccesso và recuperato con il mulinello. L’intensità delle vibrazioni e la velocità di spostamento della

Credo che chiunque si sia avvicinato alla trota lago abbia sentito pronunciare gli “storici” nomi che identificano, da sempre, le bombarde affondanti, a marchio Fassa: “Bugiardino”, “Opaco” e “Moretto”. Chi le conosce meglio e le ha adoperate, conoscerà però sicuramente anche i loro punti critici come ad esempio: la scarsa resistenza meccanica e la grossolana precisione di G. Grazie al nostro rapporto di collaborazione, nel corso del 2016, assieme a Fassa, abbiamo così deciso di dar vita ad una nuovissima linea di Bombarde affondanti che prende il nome: “Deep”. Dall’inglese: “in profondità” della serie Deep

Domenica 03/07/2011 io (Bonez) e Pordo abbiamo deciso di macinare pochi chilometri e concederci qualche ora di sonno in più; così invece di recarci in un grosso lago estivo, distante da casa, abbiamo scelto di fare una pescata nel laghetto di Pandino (CR). Si tratta di un laghetto di piccole dimensioni, profondo al massimo 5 metri e caratterizzato da un’acqua molto fredda e limpida, facente parte di un grosso complesso di acquacoltura, costituito da vasche in cemento, nelle quali vengono allevate diverse specie di pesci tra cui le trote. La struttura è circondata da un

  Sabato 9 Aprile 2016, presso il Lago Venere di Livraga (LO), si è disputato il: “5° Raduno Macinator”: un evento dedicato a tutti gli utenti ed amici di www.macinator.it; ossia una piacevole giornata da trascorrere in compagnia, sulle sponde di un lago, pescando. Il Raduno Macinator, non è una gara ma una: “pescata in compagnia” alla quale possono partecipare sia i più esperti pescatori che tutti coloro che si sono da poco approcciati alla pesca della trota in lago. Ogni Raduno Macinator permette di incontrare “vecchi” amici ma allo stesso tempo consente di conoscerne

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: bonez@macinator.it oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: