Differenze tra bombarde estive

17/06/2013 18:13 #1 da Naus
Differenze tra bombarde estive - discussione creata da: Naus
Ciao a tutti.
Ho un dubbio e anche cercando sul forum non ho trovato risposta. Sto cercando di capire le differenze tra il moretto, il bugiardino e il banda blu. Ho letto le varie specifiche tecniche e mi sono chiare. La cosa che non capisco è perchè utilizzare una piuttosto che un'altra. Come decidere cosa usare?
Spero che abbiate capito i miei dubbi e possiate aiutarmi.

grazie :thanks

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

17/06/2013 18:23 #2 da Andreazaion
ciao delle te bombarde fassa da te citate il moretto e il piu dolce delle tre che porta un addolcomento dursnte il recupero il suo peso é distribuito su tutto il corpo della bombardo, affondante vanda blu a il beso in punta ed ha una maggore rapidita di discesa sul fondo ed il bugiardino ha una minor quantita di balsa rispetto all affondante percio ha una maggior velocita di discesa sul fondo rispetto all affondante grazie alla concentrazione del peso in punta utile anke per pescare da sponde alte
Ringraziano per il messaggio: Naus

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

17/06/2013 18:35 #3 da Naus
Grazie per la risposta Andrea.
Quindi per il moretto posso avere un recupero più lento e con gli altri 2 leggermente più veloce per mantenere la corsia? La scelta dipende dall'aggressività del pesce? Se il pesce è aggressivo e pesco col moretto potrei ricevere dei rifiuti? Non mi è ancora chiaro il concetto

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

17/06/2013 18:51 #4 da Andreazaion
la scelda della bombarda non dipende dal agressivita del pesce in estate si usa il recupere lento sul fondo con il moretto e l affondante pui anche fare una pesca agressiva a mezz acqua in primavera io personalmente in estate uso spesso il moretto con recupero lento sul fondo la stessa cosa la pui fare anche con le altre due la differenza tra il moretto e le altre due é che luna ha il peso distribuito su tutto il corpo e quinti avrai un recupero piu dolce e sentirai meno la bombarda nella canna le sltre due som piu gnucche come bombarde e sentirai di piu il peso durante il recupero,non ti preoccupare che se il pesce é aggressivo ti mangia anche la canna

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

17/06/2013 23:42 #5 da Bonez
Ciao Naus provo a risponderti in modo piuttosto riassunto e "schematico":

Moretto: peso distribuito uniformemente con conseguente calata "dolce" e lenta. Ideale per un recupero lento per insidiare ad esempio trote in profondità altrettanto lente e apatiche.

Opaco (banda blu): peso piuttosto concentrato in punta con conseguente maggior rapidità di discesa rispetto al moretto ed assetto di punta che richiede un recupero medio/veloce per mantenere la corsia di navigazione durante il recupero.

Bugiardino: peso concentrato in punta e volume ridotto consentono al bugiardino di raggiungere profondità elevate in un tempo molto più breve rispetto al moretto ed all'opaco. È però necessario un recupero piuttosto veloce per mantenere la corsia di navigazione; ideale quindi su trote piuttosto aggressive e "veloci". Da evitare in caso di trote apatiche o abboccate poco decise.

Spero di essere riuscito a chiarirti un pochino le idee..

Ciauuuuuuz
Ringraziano per il messaggio: Naus

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

18/06/2013 07:13 #6 da Naus
Grazie Bonez, adesso ho le idee un po' piu' chiare.

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

18/06/2013 08:59 #7 da Bonez

Naus ha scritto: Grazie Bonez, adesso ho le idee un po' piu' chiare.


Beneeeeee mi fa molto piacere...

:ok:occhiolino

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

18/06/2013 12:06 #8 da giank1966
Nulla da eccepire sulla disamina di bonez e di Andrea.
Aggiungo ke ultimamente in Geretta rende parecchio il 15/9 triulzi (quello color melanzana per intenderci) e il 15 super fast della fassa (11,5 di affondamento): entrambe le bombarde sono molto veloci ed aggressive.
Lunedì mattina in Geretta ne ho fatte parecchie con entrambe!

ADP Laghi Verdi (Inverigo) TEAM DAIWA
Ringraziano per il messaggio: Naus

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.050 secondi

Sabato 17 settembre 2011, io (Bonez), Cavoz e Soffritto, abbiamo deciso di fare una pescata in un laghetto piccolo e ci siamo così recati al laghetto di Roccafranca (BS). Muniti di navigatore, dato che nessuno di noi era mai stato in quel lago, siamo giunti a destinazione verso le ore 7:10 del mattino e nonostante fosse abbastanza presto, la prima metà del laghetto era già occupata, su entrambe le sponde, da parecchi pescatori. Così, dopo aver effettuato il biglietto, ci siamo posizionati in una posizione quasi “obbligata”; precisamente a circa metà del lago sulla sponda opposta

 Uno dei più grandi colossi del mondo della pesca: “Daiwa” già presente con differenti “succursali” nei vari paesi del mondo, nel corso del 2014, ha modificato ulteriormente il proprio assetto strutturale ed organizzativo dando vita, anche a: “Daiwa Italy”. Questa strategia commerciale ha avuto quindi impatto anche sulla società italiana che si è sempre occupata di progettare, realizzare e commercializzare canne e prodotti a marchio Team Daiwa: la “Fassa S.p.A.” la quale trasformandosi in: “Fassa S.r.l.” ha scelto di continuare, come del resto ha sempre fatto, a sviluppare canne ed attrezzature per la pesca con

A differenza di quanto possa trapelare dal suo aspetto minaccioso, il luccio è un pesce estremamente delicato. Ecco perché una volta allamato e dato che lo DOBBIAMO rilasciare, è meglio recuperarlo velocemente (a meno che non sia stato catturato ad una discreta profondità). Una volta nel guadino, nonostante possano sussistere buone intenzioni, soprattutto quando si ha poca esperienza alle spalle, può capitare si commettano gravi errori nel maneggiare un luccio. Occorre quindi essere ben preparati e consapevoli del fatto che: oltre alla successiva sopravvivenza del pesce vi è in gioco anche l’incolumità delle nostre dita.

Perché dobbiamo rilasciare il luccio? Il luccio va rilasciato perché questo fantastico predatore sta scomparendo. Soffre l'inquinamento, soffre le reti dei pescatori di professione, soffre la crudeltà dei bracconieri, soffre i cosiddetti: “padellari”; ovvero coloro che non rilasciano nulla. In Italia ne sono rimasti pochi e soltanto in pochissimi ambienti. Quello che un tempo era al vertice della catena alimentare, è ormai diventato solo una cattura occasionale. Partiamo da un dato di fatto: per avere la certezza di non arrecare alcun, seppur minimo, danno ai pesci dovremmo evitare di andare a pesca. Nella pratica del Catch

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: