filo proton della daiwa

29/07/2013 17:34 #1 da feroforte
filo proton della daiwa - discussione creata da: feroforte
ciao a tutti ho comprato una bobbina da 1000 metri 0.16 del proton della daiwa tutti che dicono un buon filo ecc.ecc... ma voi che ne pensate??? :inchino:thanks

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

29/07/2013 18:03 #2 da davidetrota95
ottimo filo!!! vai tranquillo :ok:occhiolino

Costa Davide - A.S.D.P Senago Daiwa

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

29/07/2013 18:04 #3 da giank1966

feroforte ha scritto: ciao a tutti ho comprato una bobbina da 1000 metri 0.16 del proton della daiwa tutti che dicono un buon filo ecc.ecc... ma voi che ne pensate??? :inchino:thanks


ottima scelta.... l'unico accorgimento (ma vale per tutti i fili).... verifica sempre dopo ogni battuta
di pesca almeno i primi 4-5 metri e se sono "cotti"... non dovrai far altro che toglierli dalla bobina!!!!

ADP Laghi Verdi (Inverigo) TEAM DAIWA

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

29/07/2013 18:08 #4 da xxxgrimox
dico che prima si chiade e poi si compra, comunque come detto è un buon filo, solo un accorgimento, con lo 0.16 diretto non andare oltre i 12-15 grammi al massimo, e fai caso come detto da giank se gli ultimi metri dopo qualche pescata sono cotti :bye

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

29/07/2013 18:15 #5 da Lupin
Ciao ragazzi,
per non aprire un nuovo topic, e dato che si parla del proto che anche io uso (ottimo filo davvero) volevo chiedere una cosa che mi sta capitando.
Praticamente lo sto usando su canna con corona, e proprio in prossimità della corona e sulla parte occupata dalla corona, il filo è fortemente abraso addirittura assottigliato, è un problema degli styls o ho dimenticato io qualcosa???? grazie a tutti.......

Si piega ma non si spezza..........

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

29/07/2013 20:29 #6 da SAMPEII
secondo me la causa del tuo filo rovinato è il continuo sfregamento da parte degli styls e delle molle sul filo io se vuo evitare questo problema lega una girella normale poi attacchi il filo con gli styls di un diametro più sostenuto dipo 0,20 e poi fai il finale cosi lo sfregamento non sarà più preoccupante :ok:bye

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

29/07/2013 21:03 #7 da Bonez

SAMPEII ha scritto: secondo me la causa del tuo filo rovinato è il continuo sfregamento da parte degli styls e delle molle sul filo io se vuo evitare questo problema lega una girella normale poi attacchi il filo con gli styls di un diametro più sostenuto dipo 0,20 e poi fai il finale cosi lo sfregamento non sarà più preoccupante :ok:bye


:ok

Ciauuuuuuz

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

29/07/2013 21:05 #8 da Lupin
a ok provero, anche perche io stavo provando usando 2 gommini salvanodi in testa e a fine coroncina cosi da non far fare tanto movimento agli styls......

Si piega ma non si spezza..........

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

30/07/2013 00:15 #9 da SAMPEII
prova e facci sapere :bye

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

30/07/2013 13:29 #10 da Angelo96
ma questo filo è facile da trovare nei negozi?
perchè vorrei provarlo...voi quanto lo pagate?

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.048 secondi

Venerdì 24 febbraio io(Pordo) e Teo,nonostante l’assenza dovuta al lavoro del Bonez e le indiscrezioni riguardo l’assenza quest’anno di prestigiosi marchi del settore,ci siamo recati a Bologna per assistere al fishingshow 2012! Dopo aver parcheggiato a circa 1,5 km di distanza causa costo dei parcheggi limitrofi la fiera che era di 16 EURO,giunti all’ingresso principale abbiamo potuto constatare che il padiglione dove quest’anno si svolgeva il fishingshow era diverso da quello degli anni precedenti cosi che per raggiungere il padiglione 36 all’ingresso Nord Michelino abbiamo dovuto prendere un trenino gratuito che ci ha accompagnato dinnanzi

A differenza di quanto possa trapelare dal suo aspetto minaccioso, il luccio è un pesce estremamente delicato. Ecco perché una volta allamato e dato che lo DOBBIAMO rilasciare, è meglio recuperarlo velocemente (a meno che non sia stato catturato ad una discreta profondità). Una volta nel guadino, nonostante possano sussistere buone intenzioni, soprattutto quando si ha poca esperienza alle spalle, può capitare si commettano gravi errori nel maneggiare un luccio. Occorre quindi essere ben preparati e consapevoli del fatto che: oltre alla successiva sopravvivenza del pesce vi è in gioco anche l’incolumità delle nostre dita.

Il vetrino: definito anche “ghost” (fantasma), proprio per la sua trasparenza e conseguente mimetismo in acqua, non è altro che una zavorra, simile al classico piombino, ma costruito in vetro, la cui principale caratteristica è quella di dimezzare, all’incirca, il proprio peso specifico una volta che esso viene immerso in acqua. Ad esempio, a differenza di un piombino da 4gr il quale una volta in acqua mantiene il proprio peso, un vetrino che pesa 4gr sulla bilancia affonderà in acqua come fosse un piombino da 2gr. Questa particolarità consente di raggiungere la stessa distanza di

Sabato 18 giugno 2011, abbiamo testato il laghetto azzurro di Peschiera Borromeo (MI); un bel lago dalle grandi dimensioni situato praticamente al centro del paese. Dato che ci era già capitato di pescare in questo lago in questa stagione e conoscevamo quindi la zona in cui stazionano solitamente le trote e considerando che i 4 – 5 pescatori giunti al lago prima di noi si trovavano tutti in quella zona, abbiamo scelto di pescare sulla sponda corta del lago opposta rispetto all’ingresso (più precisamente proprio tenendoci alle spalle in container bianco). Con l’aiuto dell’ INDISPENSABILE

Se apprezzi i contenuti offerti da macinator.it puoi dare il tuo contributo, per sostenere le spese di mantenimento del sito. Puoi effettuare la tua donazione scrivendo a: [email protected] oppure CLICCANDO sull'immagine sottostante per donare il tuo contributo attraverso una normalissima carta di credito.


 SITI PARTNER: